Mitsubishi Eclipse Cross: si ispira a una coupé

La Eclipse Cross rriverà sul mercato dall’autunno 2017 e farà concorrenza alla Nissan Qashaqai, ma con linee più sportive.

LUNOTTO DIVISO IN DUE - Il nome Eclipse è stato utilizzato dalla Mitsubishi per una coupé in vendita fino al 2011, disponibile anche in Italia con motori fino a oltre 200 CV. Non è un caso quindi che la nuova Mitsubishi Eclipse Cross abbia una carrozzeria dalle linee molto accattivanti, che in alcuni aspetti ricorda proprio una sportiva: i montanti posteriori sono molto inclinati e il lunotto è suddiviso in due porzioni, una più accentuata e l’altra quasi verticale, che enfatizzano il senso di sportività ma non compromettono la visuale in manovra. Il nuovo modello viene esposto in anteprima qui al Salone di Ginevra e sarà in vendita dall’autunno 2017, quando proverà ad insediare la supremazia in termini di vendite delle Hyundai Tucson e Nissan Qashqai, crossover di lunghezza analoga (la Eclipse Cross misura 440 cm) ma dalla vocazione meno sportiveggiante.

DUE MOTORI - La Mitsubishi Eclipse Cross si rivolge quindi a un tipo di clientela interessato allo stile, che vuole una crossover più personale rispetto a quelle già in vendita. La Mitsubishi ha lavorato per questo motivo sui parafanghi, sulla fiancata e sul frontale, ad X, che rende l’auto più vistosa e personale di tutte le concorrenti dirette. Anche la plancia è stata curata in maniera più attenta, grazie all’abbinamento fra materiali di tipo differente e alla buona dotazione tecnologica: la Mitsubishi Eclipse Cross si avvale del sistema che proietta le informazioni essenziali sul parabrezza (l’Head Up Dispaly) e di un pannello sensibile al tocco per comandare le funzioni del sistema multimediale, che prevede i sistemi di comunicazione Apple CarPlay e Android Auto. I motori disponibili saranno tutti turbo: il benzina 1.5 e il diesel 2.2, il primo abbinato al cambio automatico CVT il secondo a un più classico automatico a 8 marce e alla trazione integrale di tipo intelligente, che distribuisce la coppia sulle quattro ruote in funzione della superficie.



Leggi l'articolo su alVolante.it