NEWS

Mole Urbana: iniziano i test su strada

Pubblicato 24 ottobre 2020

L’insolita vetturetta elettrica inizia la fase di test che dovrebbe culminare con la messa in produzione delle diverse versioni.

Mole Urbana: iniziano i test su strada

NUOVA MOBILITÀ URBANA - La Mole Urbana è un quadriciclo elettrico realizzato dalla Mole Costruzioni, costola della Up Design di Umberto Palermo, per rispondere alla nuove esigenze di micromobilità. Così come le rivali Citroën Ami, Renault Twizy e Seat Minimò la Mole Urbana si può guidare a 14 anni ed è stata concepita per essere impiegata all’interno di un servizio di sharing.

DIVERSE VERSIONI - Dopo il debutto dello scorso luglio, la società italiana ha iniziato i test su strada della versione che sarà prodotta in serie. I prototipi sono stati infatti immortalati con la carrozzeria ricoperta dalle camuffature di rito. La Mole Urbana sarà disponibile in quattro diversi varianti di carrozzeria, concepite per renderla fruibile al maggior numero di clienti: la Small, lunga 2,68 metri e in grado di ospitare a bordo 2 passeggeri e 3 trolley; LaCorriera, lunga 3,60 metri e capace di trasportare fino a 4 trolley; la Pick-up a 2 posti e la versione Lavoro che trasporta 1 o 2 persone e 3 m³ di carico. Sia la Pick-up che la variante Lavoro saranno in grado di trasportare fino a un massimo di 700 kg di carico. 

ATTENZIONE ALLA SICUREZZA - Non sono state svelate le specifiche tecniche complete della Mole Urbana, ma sappiamo che la gamma di quadricicli pesanti sarà dotata di autonomia dagli 80 ai 150 km e in grado di raggiungere una velocità massima di 90 km/h (in alcuni casi limitata a 50 km/h). La casa ha posto particolare attenzione all’aspetto della sicurezza, sia attiva che passiva. La Mole Urbana può infatti contare sulla porta anti-intrusione laterale (usando pannelli in alluminio alveolare di origini aereonautiche), sulla frenata assistita, su una cella di sicurezza per garantire lo spazio di sopravvivenza in caso di ribaltamento e su sedili con cinture imbarcate per migliorare l’ergonomia.

SEMBRA UNA CARROZZA - La parte più originale della Mole Urbana è lo stile, che ricorda vagamente quello di una carrozza: il richiamo è voluto, come dimostrano le luci circolari a led (si ispirano a quelle con candela in voga nel 18° secolo). La cellula dell’abitacolo, squadrata e con grandi superfici vetrate, poggia su un telaio dalle pronunciate estremità, utili per legare valigie o bagagliai di grandi dimensioni. L’interno è essenziale, ma non spartano, perché sono presenti un volante in stile cloche d’aereo, un tablet verticale al posto del cruscotto e nicchie in cui riporre il telefonino, una bottiglia d’acqua o monetine.





Aggiungi un commento
Ritratto di Oxygenerator
25 ottobre 2020 - 11:49
@ Arreis88 Vero, ma la pericolosità deriva dalle auto, che sono veloci e pesanti. Non certo dai monopattini a 20 km orari o dal birò. O da questa automobilina.
Ritratto di Arreis88
25 ottobre 2020 - 12:36
@Oxygenerator: Non del tutto vero. Se io con la mia auto procedo a 40/50 km orari, quindi nel pieno rispetto del codice stradale, e appena davanti a me un tizio sul monopattino sbanda e per schivare un tombino mi finisce sotto, o sul cofano della macchina cadendo rovinosamente 15 metri più in la...... beh, non credo proprio di essere stato io quello pericoloso.
Ritratto di Oxygenerator
25 ottobre 2020 - 21:01
@ Arreis88. Certo che non è lei quello pericoloso. Dicevo solo che per peso e velocità ( che io limiterei a 40 km orari, nel caso dei quadricicli ) potrebbero essere meno dannosi per i pedoni sia queste macchinette che i monopattini, in una cittá, che grazie a questi modi alternativi di muoversi, forse potrebbe anche risultare meno congestionata dal traffico. Certo, tutto da provare, perchè poi bisogna vedere all’atto pratico, cosa funziona e cosa no.
Ritratto di lovedrive
26 ottobre 2020 - 12:17
oxygenerator, se uno ti viene adosso con una mettiamo golf voglio vedere come esci da questa e come esci da una panda. anche se fai solo 3 km. anche le panda alla maggiore fanno solo i 5 km perché in autostrada ne vedo veramente poche.
Ritratto di Oxygenerator
26 ottobre 2020 - 13:32
@ lovedrive Vero. Per questo dico che sono automobiline perfette per la città, queste. La golf è già un’auto anche per famiglia, grossa e pesante. Si spera con la frenata assistita !!! All’interno della città, io vedo meglio biciclette, monopattini, motorini, e questi quadricicli elettrici, che assolvono alla mobilità urbana, senza essere troppo ingombranti e pericolosi in caso d’incidente anche con i pedoni, piuttosto che la golf, che è già jn’auto da viaggio. Io credo che, in futuro, bisognerà rivedere le nostre abitudini motoristiche e di spostamento. Per le piccole città, come le nostre in italia, questi sistemi alternativi, potrebbero rivelarsi molto utili. Certo, è utopico. Ma.......
Ritratto di LanciaRules
25 ottobre 2020 - 08:58
Con l'esp, che ora la panda ha per legge, ne avrebbe prese 5...
Ritratto di Ferrari V12 6-5L
24 ottobre 2020 - 21:31
Che orrore mamma mia.
Ritratto di Horizon2020
25 ottobre 2020 - 02:17
L'auto è come una donna. Quando si dice simpatica, vuol dire che è un cesso. E questa è MOLTO simpatica. Si vergognassero designer, progettisti e soprattutto management ad approvare sta inutilità di auto. Oramai basta un motore elettrico e una batteria per inventarsi produttori di 4 ruote
Ritratto di Giuliopedrali
25 ottobre 2020 - 07:42
Giuliopedrali disegna molto meglio buuu buuu!
Ritratto di Jimgoose
25 ottobre 2020 - 08:18
Ha come destinazione d'uso quella di risciò in affitto sui lungomare romagnoli mi auguro...cioè,non è che ci propongono di muoverci con questi cosi?è il progetto di un bimbo realizzato dal suo papà miliardario
Pagine