NEWS

I motori FireFly della FCA saranno costruiti in Polonia

29 dicembre 2016

I nuovi motori 1.0 e 1.3 a benzina verranno costruiti a Bielsko-Biala, da dove oggi provengono lo 0.9 TwinAir e il 1.3 MultiJet.

I motori FireFly della FCA saranno costruiti in Polonia

NUOVI POSTI DI LAVORO - A partire dal 2018, la Fiat Chrysler costruirà nello stabilimento polacco di Bielsko-Biala i nuovi motori a benzina 1.0 a tre cilindri e 1.3 a quatto cilindri, appartenenti alla famiglia FireFly (qui per saperne di più), annunciati pochi mesi fa in Brasile e attesi nel prossimo futuro anche su automobili vendute in Europa. L’azienda dovrebbe investire per l’occasione circa 250 milioni di euro, secondo quanto rivelato all’agenzia di stampa PAP dal Ministro per lo Sviluppo Economico polacco, Mateusz Morawiecki, che ha parlato inoltre della creazione di alcune centinaia di posti di lavoro. Nell’impianto di Bielsko-Biala vengono prodotti oggi i motori a benzina 0.9 TwinAir e diesel 1.3 MultiJet. 

SOSTITUIRANNO I 1.2 E 1.4? - I nuovi motori sono montati in Brasile sulla Fiat Uno e hanno una costruzione modulare, a partire dal blocco in alluminio fino alla stessa cilindrata unitaria: in questo modo per la FCA è più facile organizzare la produzione e attuare economie di scala. Il 1.0 produce 72 CV e il 1.3 ne eroga 101, valori simili a quelli sviluppati dagli odierni 1.2 e 1.4, da 69 CV e 95 CV, che potrebbero lasciar spazio ai nuovi e più efficienti motori della famiglia FireFly. Il ricorso alle tecnologie più moderne inciderà positivamente a livello di consumi ed emissioni inquinanti, come annunciato dalla Fiat, senza una contemporanea flessione delle prestazioni. I due propulsori 1.0 e 1.3 sono degli aspirati ma, in seguito, dovrebbero arrivare anche delle varianti sovralimentate.





Aggiungi un commento
Ritratto di Boys
30 dicembre 2016 - 21:14
1
IloveDR....Ma cosa stai dicendo...Alfa Romeo e sopratutto Maserati con la Ghibli....hanno toppato ...sicurissimamente tu sei un esterofilo.....ma le tue auto tedesche di pari livello non portano neanche le scarpe alla Maserati Ghibli a prescindere dalle vendite...
Ritratto di IloveDR
31 dicembre 2016 - 09:08
4
i 75.000 del Tridente e i 400.000 del Biscione ti dicono niente? Poi ognuno può valutare solo il prodotto, indipendentemente dalle vendite, ma in questo caso anche la Lancia Thesis è un capolavoro...il discorso è basato sulla produzione di auto negli stabilimenti italiani...e non sono per niente esterofilo!!!
Ritratto di Greycar
31 dicembre 2016 - 18:14
"Alfa Romeo e Maserati per il momento hanno floppato alla grande..." Ma ci rendiamo conto? Equilibrio nelle affermazioni!
Ritratto di Luzo
29 dicembre 2016 - 20:59
Dove , a Bozano e poi dove altro?
Ritratto di Luzo
29 dicembre 2016 - 21:40
Ma peccato per niente, sta bene dove sta tolmezzo non ce l voglio vicino casa . Cmq a Bolzano fanno solo mezzi militari è normale che ci siano periodi di magra perché le commesse militari non hanno sempre flussi costanti, dove altro sono in cassa? e Tolmezzo che c'entra?
Ritratto di gynt
31 dicembre 2016 - 13:01
Ma come? Si parla di tutte queste casse integrazioni e poi nell'associazione dove faccio volontariato abbiamo ordinato un Talento a Settembre e FIAT lo deve ancora consegnare, forse sono due catene di produzione diverse, non so, ma se prendo il caso specifico mi sembra un totale controsenso.
Ritratto di napolmen4
29 dicembre 2016 - 19:10
Veramente Fiat professionale ed Iveco sono leader del mercato europeo
Ritratto di VEIIDS
29 dicembre 2016 - 19:15
IVECO non fa parte di FCA ma di CNH Inustrial. In ogni caso è tra i leader del segmento, tuttavia questo non vuol dire che non possa risentire di normali oscillazioni del mercato.
Ritratto di Anonimo
Anonimo (non verificato)
29 dicembre 2016 - 22:55
Commento rimosso a seguito della cancellazione dell'utente dal sito.
Ritratto di all'avanguardia della truffa2
30 dicembre 2016 - 11:43
QUALUNQUE lavoratore che perde il proprio posto di lavoro (anche per proprie colpe) sarà probabilmente infuriato. Chiedi, piuttosto, ai circa 30.000 lavoratori, che saranno, loro malgrado sacrificati, per scelte etiche e commerciali scellerate, oltre i limiti legali del consentito.
Pagine