NEWS

I motori FireFly della FCA saranno costruiti in Polonia

29 dicembre 2016

I nuovi motori 1.0 e 1.3 a benzina verranno costruiti a Bielsko-Biala, da dove oggi provengono lo 0.9 TwinAir e il 1.3 MultiJet.

I motori FireFly della FCA saranno costruiti in Polonia

NUOVI POSTI DI LAVORO - A partire dal 2018, la Fiat Chrysler costruirà nello stabilimento polacco di Bielsko-Biala i nuovi motori a benzina 1.0 a tre cilindri e 1.3 a quatto cilindri, appartenenti alla famiglia FireFly (qui per saperne di più), annunciati pochi mesi fa in Brasile e attesi nel prossimo futuro anche su automobili vendute in Europa. L’azienda dovrebbe investire per l’occasione circa 250 milioni di euro, secondo quanto rivelato all’agenzia di stampa PAP dal Ministro per lo Sviluppo Economico polacco, Mateusz Morawiecki, che ha parlato inoltre della creazione di alcune centinaia di posti di lavoro. Nell’impianto di Bielsko-Biala vengono prodotti oggi i motori a benzina 0.9 TwinAir e diesel 1.3 MultiJet. 

SOSTITUIRANNO I 1.2 E 1.4? - I nuovi motori sono montati in Brasile sulla Fiat Uno e hanno una costruzione modulare, a partire dal blocco in alluminio fino alla stessa cilindrata unitaria: in questo modo per la FCA è più facile organizzare la produzione e attuare economie di scala. Il 1.0 produce 72 CV e il 1.3 ne eroga 101, valori simili a quelli sviluppati dagli odierni 1.2 e 1.4, da 69 CV e 95 CV, che potrebbero lasciar spazio ai nuovi e più efficienti motori della famiglia FireFly. Il ricorso alle tecnologie più moderne inciderà positivamente a livello di consumi ed emissioni inquinanti, come annunciato dalla Fiat, senza una contemporanea flessione delle prestazioni. I due propulsori 1.0 e 1.3 sono degli aspirati ma, in seguito, dovrebbero arrivare anche delle varianti sovralimentate.





Aggiungi un commento
Ritratto di manuel1975
29 dicembre 2016 - 19:22
sembrano i vecchi 1.0 e 1.3 della toyota con solo 2 valvole per cilindro.
Ritratto di manuel1975
29 dicembre 2016 - 19:24
rispondo a il demagogo la pressione fiscale è si alta in italia ma per le piccole e medie imprese non certo per le multinazionali che utilizzano il lavoro dipendente come schiavizzare le persone. i motori li fanno in polonia perchè sono di qualità scadente.
Ritratto di Luzo
29 dicembre 2016 - 21:14
perché sarebbero di qualità scadente? perché li fanno in polonia o perché sono fca? e quelli fatti in ungheria come sono?
Ritratto di VEIIDS
29 dicembre 2016 - 21:37
Ma siccome sono società diverse non puoi dire, anche perché non sarebbe comunque vero, che FCA è messa male perché IVECO è in cassa integrazione. In ogni caso come hanno confermato anche altri utenti, sicuramente più esperti, IVECO è tra i leader europei come del resto lo è FCA sia in Europa che nel mondo.
Ritratto di VEIIDS
30 dicembre 2016 - 08:53
Se vendere 1 milione di auto all'anno in Europa per te è poco, mi sa che hai qualche problema. E se a queste sommiamo le unità commerciali di Fiat Professional (Ducato, Talento, ecc.) siamo ben oltre gli 1.2 milioni. Siete abituati a considerare i gruppi come VAG che hanno in Europa 3-4 volte i dipendenti e i modelli di FCA, quindi è normale ragionare così scioccamente... Per me già rientrare tra i primi 10 produttori al mondo è un ottimo risultato considerando quanti costruttori esistono.
Ritratto di all'avanguardia della truffa2
30 dicembre 2016 - 11:55
Risultati di vendite, confrontate anche con competitors, che sono leader per numero di auto riacquistate a seguito di immatricolazioni manipolate, e/o di incapacità tecnica di ripristino delle stesse.
Ritratto di VEIIDS
30 dicembre 2016 - 14:08
Ma gli altri chi? Ford e GM sono entrambe sul milione, i francesi sul milione e mezzo. Non mi sembrano numeri tanto diversi. Solo VAG fa numeri decisamente superiori (3 volte), ma come è messa lo sappiamo tutti.
Ritratto di nicktwo
29 dicembre 2016 - 20:22
comunque ha piu' logica cosi', cioe' utilitarie e/o relativa componentistica principale delocalizzata mentre i pezzi grossi premium obbligatoriamente in italia, che vice versa portare all' estero levante e/o stelvio come in certi concorrenti avrebbero fatto... no?... saluti
Ritratto di panda07
29 dicembre 2016 - 22:09
1
Spero che questi nuovi motori non sostituiscano i fire, che ancora oggi sono i migliori nelle loro cilindrate e potenze, anche per non levare lavoro in Italia visto che il fire viene costruito qui.
Ritratto di PARRELLA GIOVANNI
30 dicembre 2016 - 18:57
I prossimi motori Fiat saranno sicuramente migliori di quelli attuali, ma non avranno nulla di innovativo rispetto alla migliore concorrenza. La Renault, ad esempio, su Clio IV ormai da ben 4 anni, e con un supplemento di prezzo di soli 500 euro, offre un turbo benzina di 899 cc con 90 cv, coppia 135 a 2500 giri , pompa olio a portata variabile per ottimizzare i consumi, catena distribuzione con durata a vita ricoperta sulle superfici di contatto con Teflon (tecnologia ripresa dalla F1 che le conferisce silenziosita e basso assorbimento di energia come le cinghie). Il TwinAir quando è acceso fa un rumore simile ad una motozappa (testuale traduzione da una rivista automobilistica straniera), mentre per capire se la mia Clio turbo sia accesa bisogna guardare il contagiri! (un vicino ha la Y ed il rumore è veramente simile) .
Pagine