NEWS

Le multe dall’estero si pagheranno sempre

14 marzo 2019

La riscossione delle multe stradali elevate nei paesi dell'UE avverrà come se l’infrazione fosse stata commessa in Italia.

Le multe dall’estero si pagheranno sempre

PREVISTE SOLO OTTO INFRAZIONI - Le infrazioni al codice della strada commesse nei paesi membri dell’Unione Europea saranno sempre notificate e non potranno più essere ignorate. Con i decreti legislativi 37/2014 e 37/2016 l’Italia ha recepito la decisione quadro 2005/2014 e la direttiva 2015/413 che disciplinano rispettivamente le sanzioni pecuniarie in generale e il sistema europeo di notifica all’estero delle multe stradali. Le infrazioni sanzionabili con il nuovo sistema di notifica sono tassativamente elencate nel testo di legge: eccesso di velocità, mancato uso delle cinture di sicurezza, mancato arresto al semaforo rosso, guida in stato di ebbrezza, guida sotto l’influsso di sostanze stupefacenti, mancato uso del casco protettivo, circolazione su una corsia vietata, uso illecito di telefono cellulare o di altri dispositivi di comunicazione durante la guida. Con la contestazione differita e la notifica alla residenza, non saranno applicabili le sanzioni accessorie come la sospensione e la revoca della patente, la decurtazione dei punti e il sequestro del veicolo; detti provvedimenti saranno invece irrogabili se il trasgressore verrà fermato al momento dell’infrazione. Tuttavia, in base a quanto previsto dalla direttiva, in caso di ritorno sul territorio della stato in cui è stata commessa la violazione, le autorità potranno applicare anche le sanzioni accessorie. 

IL MECCANISMO - Chi infrangerà il codice della strada in uno stato europeo riceverà la notifica della sanzione direttamente dalla autorità di polizia estera, la quale sarà già in possesso delle generalità del trasgressore grazie al centro elaborazione dati della Motorizzazione italiana. Il pagamento si potrà effettuare attraverso le modalità più diffuse, tra cui le piattaforme telematiche. Alcuni paesi come la Spagna, per la riscossione delle sanzioni amministrative si servono di pagine web su cui è possibile reperire gli estremi dell’infrazione e relative foto; in caso di dubbi o incertezze ci si potrà comunque rivolgere all’ambasciata italiana per una verifica. La direttiva prevede anche la possibilità di impugnare la sanzione secondo le regole dello stato in cui è stata commessa l’infrazione. Se l’opposizione non verrà accolta e il trasgressore non provvederà al pagamento, l’autorità giudiziaria estera invierà il fascicolo alla Corte d’Appello italiana competente, la quale potrà archiviarla o intimare nuovamente il pagamento; qualora anche in questo caso lo stesso trasgressore si rifiutasse di pagare la sanzione, la Corte avvierà la procedura esecutiva. L’incasso corrispondente alla sanzione andrà allo Stato italiano, salvo diverso accordo con lo stato estero. 





Aggiungi un commento
Ritratto di neuro
15 marzo 2019 - 16:01
@Blueyes: applicare un adesivo con scritto "CH" quando sulla targa c'è in bella evidenza la bandiera Elvetica? Bisogna essere delle CAPRE se non si conosce almeno le bandiere dei paesi europei e dei CAPRONI se non si conosce quelle dei paesi confinanti!
Ritratto di marian123
15 marzo 2019 - 15:20
E' una cosa cautelativa, te pensi che se casualmente a fine marzo arriva un'anti ciclone con nevicata imprevista la gente va a montare nuovamente le termiche spendendo altri 40 euro? E' ovvio che no, per questo hanno esteso il periodo fino a metà aprile per ragioni cautelative poi ovvio che non c'è l'obbligo su tutte le strade italiane ma solo per le zone più a rischio e autostrade.
Ritratto di Teo71
15 marzo 2019 - 15:33
La stessa legge ti permette di avere le estive anche se fuori fanno -15 gradi, basta che hai le catene nel baule.
Ritratto di marian123
15 marzo 2019 - 17:33
Infatti le termiche servono in caso di neve, a parte che in pianura dove non c'è obbligo difficilmente vedi i -15 ma anche se fosse, in assenza di neve si gira benissimo anche con le estive. Pensi che le catene nel baule le metti per estetica? Prova a rimanere bloccato in montagna con la neve poi vedrai che non farai più il fenomeno.
Ritratto di Teo71
15 marzo 2019 - 18:24
Veramente le termiche sono sempre meglio d'inverno, anche se fa bel tempo ma c'è solo freddo semplicemente perché con la loro mescola entrano molto prima in temperatura e offrono subito il massimo grip sia per la tenuta che per la frenata. Comunque ripeto, è una questione di buonsenso, se fuori ad ad aprile fanno 23 gradi e vai ancora in giro con le gomme termiche il pollo sei tu, anche se rispetti la legge. Io le metto sempre le termiche, ma finito l'inverno le tolgo perché non solo non servono a nulla, ma sono pure peggio delle estive quando le temperature sono sopra i 7 gradi.
Ritratto di Paolo-Brugherio
15 marzo 2019 - 10:05
6
L'anno scorso mi sono visto recapitare dalla Germania una multa (con tanto di foto) di ben 15 euro perchè, con un limite di 50 km/h, andavo a 58 km/h: inflessibiltà teutonica! E l'ho pagata per non fare la figura del solito furbetto italiano...
Ritratto di Teo71
15 marzo 2019 - 10:13
Beati i tedeschi con questo tariffario. In Italia per la stessa infrazione si pagano dai 41 euro minimi fino a ben 168 euro.
Ritratto di Blueyes
15 marzo 2019 - 11:04
1
Mah, continuo ad essere dubbioso sulla REALE applicabilità di tutto questo panegirico. La chiave potrebbe proprio essere l'incasso destinato alle casse italiane che smuoverebbe la nostra amministrazione, ma d'altra parte se fosse così quale stato straniero si sbatterebbe a inoltrare la contestazione alla Corte d'Appello italiana senza averne nulla indietro?
Ritratto di Teo71
15 marzo 2019 - 11:18
Tutti gli stati del nord, visto che ciò che conta è punire il trasgressore, non fare cassa.
Ritratto di money82
15 marzo 2019 - 11:10
1
Credo lo scopo principale sia punire chi immatricola l' auto all' estero per non pagare le multe...qui in veneto girano tante auto immatricolate CZ, RO, BG, DE il 90% sono queste...guidano come non ci fosse un domani e quasi tutte di grossa cilindrata guidate da brutte, brutte facce. Che poi alla fine le multe non le pagheranno comunque...
Pagine