NEWS

Negli Usa parte la class action contro la Volkswagen

25 febbraio 2016

In California è stata avviata la causa collettiva contro la VW, che equipara il Dieselgate a una vicenda di criminalità organizzata.

Negli Usa parte la class action contro la Volkswagen
INIZIO DELLE CAUSE DI GRUPPO - Dopo la causa intentata contro la Volkswagen dallo stesso dipartimento di Giustizia americano, negli Stati Uniti si è aperto il previsto capitolo delle class action, cioè le cause legali collettive promosse da gruppi di clienti della casa tedesca che ritengono di essere stati ingannati e chiedono di essere risarciti. Una di queste iniziative è stata avviata in California a nome di 200 proprietari di vetture del gruppo tedesco. 
 
TONI PESANTISSIMI - La cosa potrebbe portare a pesanti costi economici per il gruppo Volkswagen, ma era sostanzialmente prevista e non stupisce. Clamorose appaiono invece le modalità con cui è stato redatto l’atto di accusa che ha dato il via alla causa collettiva. In pratica esse aprono una nuova prospettiva finora non presa in considerazione: quella di aspetti penali molto gravi. L’istanza depositata dagli avvocati chiede ai giudici di affrontare la vicenda come “uno dei più gravi crimini aziendali nella storia, una lezione istruttiva sugli obiettivi di successo a ogni costo”. 
 
AUTORITÀ FEDERALI - Nel sostenere questa richiesta la denuncia sostiene che la magistratura deve affrontare la vicenda sulla base della normativa federale americana che tratta i traffici illegali, cioè lo stesso apparato giudiziario alla base delle inchieste contro la criminalità organizzata. Il ragionamento alla base di questa tesi è che il gruppo Volkswagen avrebbe agito di comune accordo con le società controllate americane, con i marchi VW, Audi e Porsche esattamente come in una autentica associazione a delinquere. E nel sostenere questa accusa gli avvocati patrocinatori della class action hanno coinvolto Martin Winterkorn, ex presidente del gruppo tedesco, e Matthias Muller, attuale capo del gruppo.
 
PUBBLICITÀ INFONDATA - Altro aspetto dell’atto di accusa presentato ai giudici californiani è la messa in relazione diretta del ricorso al software illegittimo per controllare le emissioni di NOx (QUI per saperne di più), con l’impegno della Volkswagen per pubblicizzare e promuovere le sue auto vantandone pregi di rispetto ambientale che in realtà erano immotivati.


Aggiungi un commento
Ritratto di AndreaE88
28 febbraio 2016 - 12:37
Rt..ma da me che cavolo vuoi?mi stai forse impedendo di scrivere ciò che penso solo che tu hai le tue convinzioni?non ti puoi arrabbiare con tutti..siamo tutti qui per capire informandoci. Se tu hai tempo di leggere tutto quello che scrivono nel web, beh sappi che io non ce l'ho. Ma non perché ho le bambole da pettinare. Se non conosci le persone,non le offendere gratuitamente.
Ritratto di AndreaE88
28 febbraio 2016 - 13:17
Ora ho letto tutto. Non conoscevo i link da te riportati.
Ritratto di Highway_To_Hell
26 febbraio 2016 - 12:27
Volkswagen non smette di stupire: per la seconda volta consecutiva, la casa di Wolfsburg ha venduto più salsicce che automobili, come ha rivelato l'agenzia di stampa tedesca Dpa... Chissà, alla fine, magari, scopriranno che il loro mestiere più che fare auto, sta nel ramo insaccati...
Ritratto di R T
26 febbraio 2016 - 12:36
Da accompagnare rigorosamente con della buona e sana birra http://www.ansa.it/sito/notizie/cronaca/2016/02/25/germania-trovato-diserbante-glifosato-nella-birra_e7d022f4-287d-4aef-87a1-9ed96db95a6c.html
Ritratto di Highway_To_Hell
26 febbraio 2016 - 12:41
Peccato, peraltro personalmente sono un grande amante delle Weiss: son sempre stato convinto che le birre (almeno per certi varietà) i tedeschi le sapessero fare mooooolto meglio delle auto... Ora mi crolla anche questo mito :-(
Ritratto di R T
26 febbraio 2016 - 13:04
In effetti sono quasi sempre stati accurati o almeno questa era la fama che avevano vantando di attenersi alla Reinheitsgebot del 1516, ma in fondo poco mi importa, dal 2011 non compro nemmeno una vite dai crucchi
Ritratto di SINISTRO
26 febbraio 2016 - 12:28
3
associazione a delinquere? Di stampo tecnologico-gassoso?
Ritratto di secondiano
26 febbraio 2016 - 12:33
Non c'è da meravigliarsi se in Italia aumentano le vendite di Vw mentre nel resto del mondo diminuiscono; gli italiani sono sempre pronti a seguire la negatività non rendendosi conto che le auto che comprano hanno caratteristiche tecniche diverse da quelle che sono riportate sulla carta di circolazione ed in ipotesi potrebbero essere sequestrate. Per quanto riguarda la tanto decantata qualità e avanguardia tecnologica delle auto tedesche basta sentire qualche autoriparatore generalista per rendersi conto che c'è molto fumo ma l'arrosto a volte è anche meno del normale.
Ritratto di toto'lemoko
26 febbraio 2016 - 13:04
che rancore leggo verso Wv, la si vuole morta e seppellita. Addirittura c'è chi ci gode...fantastico questo sito. Poi prenderete un altro gruppo, PSA per esempio, per continuare la vostra guerra o crociata atta a liberare il grande gruppo FCA dalla concorrenza satanica. Poi nascerà il problema delle giapponesi, delle coreane, della Dacia, DR. E alla fine del vostro vangelo, dopo l'Apocalisse il mondo sarà pieno di Mito, 500, Tipo, e Panda che soggiogheranno l'universo all'infinito. p.s. ma na tr.omb.at.ina ogni tanto no??!
Ritratto di twinturbo
26 febbraio 2016 - 13:47
ma che dici che cè la gente che fa la gioia quando era la fiat a andare male e le persone restavano a casa, e lo fanno ancora quando leggono che maserati cassa integra. il rancore su vw che non sono nemmeno italiano a questo punto ci puo' stare. dr infine non la dovresti nemmeno nominare se parli di macchine
Pagine