NEWS

Non paga il casello per 34 volte: condannato per truffa

di Fabio Madaro
Pubblicato 14 aprile 2021

Il tribunale di Verbania condanna un automobilista a nove mesi di carcere perché per sei mesi non ha pagato il pedaggio autostradale.

Non paga il casello per 34 volte: condannato per truffa

Un pessimo esempio da un pessimo automobilista. È da poco giunta la notizia che un bergamasco è stato condannato dal tribunale di Verbania perché per ben sei mesi, non aveva pagato al casello di Arona sull’Autostrada A26. Per infrazioni del genere si rischiano anche multe sino a 1.700 e due punti dalla patente.

L’automobilsta aveva escogitato un piano con cui pensava di farla franca al casello autostradale Telepass alquanto semplice: si accodava a pochi centimetri dall’auto che lo precedeva in modo da passare poco prima che si abbassasse la sbarra. Secondo il tribunale di Verbania, nel Novarese ha così evitato per 34 volte di pagare il pedaggio del casello autostradale. Da qui la condanna per truffa a 9 mesi e 12 giorni di carcere.

Il comportamento è stato rilevato dalle telecamere che sorvegliano le uscite della rete di Autostrade per l’Italia che ha ovviamente denunciato il guidatore e si è costituita come parte lesa: adesso non solo sarà rimborsata ma avrà riconosciuti anche i danni. Per la verità non è la prima volta che un fatto del genere accade in Italia. Alcuni procedimenti contro i disonesti che utilizzano questo metodo hanno già retto sino in Cassazione. In questi casi i giudici hanno riconosciuto che si tratta di una vera e propria truffa e non si configura il reato di insolvenza fraudolenta perché c’è «la presenza di raggiri finalizzati a evitare il pagamento del pedaggio».





Aggiungi un commento
Ritratto di Doraemon
15 aprile 2021 - 11:31
La vera truffa la fanno le autostrade a discapito di noi cittadini. Continui aumenti (in media), cantieri aperti, carreggiate semichiuse peraltro non segnalate dai cartelli luminosi, dove c'è perennemente scritto "allacciate le cinture" (cosa alquanto ovvia). Chi è che mi indennizza dai continui ritardi al lavoro? Chi mi indennizza per il carburante consumato a causa di infinite code non segnalate? (dove avrei potuto optare per una strada alternativa). La truffa è sempre sbagliata, ma lo è meno nei confronti di chi già ci prende continuamente in giro, e che ha responsabilità che non vuole ammettere. Chi, quando le soluzioni ci sono, ma non ha il coraggio di prendersele, facendo lo scaricabarile (vedi autostrade), si merita le conseguenze. Di sicuro non mostrerò mai solidarietà per autostrade, mentre posso cercare di comprendere quell'automobilista che "ci ha provato".
Ritratto di Lo Stregone
16 aprile 2021 - 16:19
Mi scusi, ma scrivere che il cartello "allacciate le cinture" è una cosa alquanto ovvia, non è proprio vera per tutti i guidatori. Io vedo ancora gente in autostrada che strade normali girare tranquillamente senza le cinture allacciate. Ci saranno quelli che hanno delle patologie, ma ci sono anche dei soggetti che stanno benissimo, eppure non hanno alcuna intenzione di adempiere a questa operazione. Comunque in caso di problemi, sono affari loro.
Ritratto di Biondi stefano
15 aprile 2021 - 12:56
E che dire dei 49 milioni di soldi pubblici fatti sparire? Quando sono stati scoperti,nessuno ha pagato né restituito. Ma dilazionato in 80anni. Pensa come farebbero comodo adesso,magari alle imprese in forte crisi. Ricordo: soldi pubblici. In Italia se non paghi la bolletta di qualsiasi servizio,ti mandano ľ ingiunzione, se rubi,evadi le tasse,niente. Qui bisogna cambiare.
Ritratto di Lo Stregone
16 aprile 2021 - 16:22
Certamente che si bisogna cambiare, anzi si deve cambiare, è imperativo cambiare. Poi basta osservare certe persone quando parlano e cosa dichiarano per accorgersi che dopo aver spiegato come si deve fare, fanno l'opposto e pensano ancora diverso.
Ritratto di velieroblu
15 aprile 2021 - 19:32
Telepass obbligatorio gratis e paghi a consumo. Oppure come in Slovenia: adesivo obbligatorio con codice a barre e caselli automatici con lettori e possibilità di acquisto per 7 giorni. Il sistema svizzero non è adatto per lo stivale, non è proporzionale all'uso
Ritratto di Almeron771
16 aprile 2021 - 06:31
Non so devoridere o piangere....i veri deli que ti, gli psacciatori ...etc...se la csvano u daspo o obbligodifirma .... e per i pedaggi danno il carcere.Sono basito.
Ritratto di Lo Stregone
16 aprile 2021 - 16:32
Nell'articolo non viene scritto se il soggetto è stato conannato in primo grado, secondo grado, oppure siamo alla cassazione, se la condanna può essere soggetta a ricorso da parte dell'imputato, perchè se così fosse, l'imputato potrebbe ricorrere fino a dove è possibile farlo, allungando i tempi del giudizio fino a ribaltare magari la sentenza. Potrebbe persino riuscire a far prescrivere la condanna. Fino a quando non si arriverà ad una sentenza definitiva, inappellabile e non prescritta, possiamo scrivere fiumi di parole a volontà, ma non cambierà alcunchè.
Ritratto di raffa61
18 aprile 2021 - 10:12
Il furbetto è servito! mi domando, questo automobilista per farlo tante volte era convinto di farla franca e che tutti gli altri che pagano normalmente sono dei semplici deficienti, probabilmente il giudice oltre alla truffa ha anche condannato la stupidità del soggetto, sono (purtroppo) pienamente d'accordo che nel nostro Bel paese si commettono crimini ben più gravi senza responsabili, ma.....queste sono altre storie "ITALIANE"
Pagine