Nuova Citroën C3: pratica e frizzante

29 giugno 2016

Un inedito “stile crossover”, tante possibilità di personalizzazione e abitacolo spazioso per la nuova Citroën C3.  

Nuova Citroën C3: pratica e frizzante

C’È UN PO’ DI CACTUS - La nuova Citroën C3 debutterà ufficialmente al Salone di Parigi (in programma dall’1 al 16 ottobre prossimi), e il suo arrivo in Italia è previsto per il mese di novembre, con prezzi di listino che, ipotizziamo, partiranno da circa 14.000 euro. Ma noi di alVolante l’abbiamo già vista da vicino. L’utilitaria francese conserva le cinque porte e la compattezza del modello attuale (la lunghezza cresce di 5 centimetri, arrivando a 399, e la larghezza di 2, a 175, mentre l’altezza cala di 4) ma diventa più “spigliata” e giovanile. Gli stilisti della casa francese hanno preso spunto dalla personalissima C4 Cactus, “normalizzandola” solo un po’. In particolare, il frontale è simile a quello della sorella maggiore, molto arrotondato e con le luci su due livelli: quelle diurne più in alto, sottili e collegate alla tipica mascherina Citroën da due listelli cromati, e quelle sotto più grandi, con forma a rettangolo stondato e affiancate a un’ampia presa d’aria centrale nera. La fiancata è filante, con un “gradino” tra il parabrezza (relativamente piccolo) e la linea inferiore dei finestrini, posta più in basso; la parte inferiore delle fiancate e i passaruota sono contornati da profili protettivi in plastica nera, che “fanno” un po’ crossover, mentre la coda è arrotondata, con grandi fanali quadrangolari posti in alto, portellone e lunotto relativamente piccoli e targa posizionata in basso, nel paraurti.

GIOCO DI COLORI - L’allestimento più ricco della nuova Citroën C3 ha di serie gli airbump (le protezioni paracolpi con piccoli riquadri sporgenti e comprimibili), ma sono più sottili di quelli della C4 Cactus e posti più in basso, invece che in mezzo alle porte. Si potranno avere il tetto (che mostra originali nervature a U in tutta la sua lunghezza) e i gusci degli specchietti di colore diverso rispetto al resto della carrozzeria; optional, il tetto in vetro (al posto del parabrezza panoramico Zenith, del modello attuale). Gli airbump sono neri con contorno bianco se l’auto è in tinta unita, o nello stesso colore del tetto in caso di auto bicolore (si possono avere tre soluzioni a contrasto). 

SPAZIOSA - Anche gli interni della nuova Citroën C3 ricordano quelli della C4 Cactus: spaziosi in rapporto alle dimensioni esterne (mentre il baule di “quasi 300 litri” è nella media per la categoria), con sedili piuttosto morbidi e che possono essere rivestiti in un tessuto molto gradevole al tatto. Ampie le tasche nelle porte e grande il cassetto di fronte al passeggero anteriore, mentre la plancia si sviluppa in orizzontale ed è molto lineare; al centro, sotto le bocchette del “clima”, si trova lo schermo a sfioramento dell’impianto multimediale, mentre il cruscotto è di tipo tradizionale, con i due strumenti principali tondi a lancetta. Tra le particolarità, di serie su tutte le Citroën C3 c’è una telecamera (ConnectedCam) dietro lo specchietto interno, che tiene costantemente sotto controllo la strada; il filmato viene tenuto in memoria per alcuni minuti, consentendo di scaricare sul proprio smartphone immagini (o video) in caso di panorami interessanti (ma il sistema potrebbe anche tornare utile in caso di incidente, per definire con chiarezza le responsabilità). 

SICUREZZA IN PRIMO PIANO - Tre gli allestimenti previsti per la nuova Citroën C3: il “base” Live, l’intermedio Feel (luci diurne a led, “clima”,  specchietti a regolazione elettrica e plancia con inserti colorati) e la meglio equipaggiata Shine (con cerchi di 16”, fendinebbia, “clima” automatico, display “touch” di 7 pollici, airbump, tetto e specchietti in colore diverso da quello del resto della carrozzeria e sensori di parcheggio posteriori). Tra gli optional, alcuni che migliorano la sicurezza sono tipici di auto di categoria superiore: come gli avvisi per abbandono involontario di corsia, di veicolo in arrivo alle spalle (angolo cieco dei retrovisori) e di eccessiva stanchezza del guidatore.

DA 68 A 110 CAVALLI - La scocca e le sospensioni della Citroën C3 sono quelli della “cugina” Peugeot 208 (le due case, assieme alla DS, fanno parte del gruppo PSA), quindi evoluti rispetto a quelli del modello fin qui in vendita, mentre i motori, di recente progettazione, sono ereditati dal modello attuale. Quelli a benzina sono tutti a tre cilindri: un 1.0 da 68 CV, un 1.2 con 82 e un 1.2 turbo da 110. A gasolio, invece, ci sono i quattro cilindri BlueHDi (con iniezione del liquido AdBlue allo scarico per ridurre le emissioni di NOx) nelle versioni da 75 e 99 cavalli. Una novità interessante per la Citroën C3 riguarda l’adozione, in abbinamento al 1.2 turbo, del cambio automatico a sei rapporti EAT6 (invece del lento e poco fluido robotizzato ETG). 

Citroën C3
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
59
67
40
35
54
VOTO MEDIO
3,2
3.164705
255
Aggiungi un commento
Ritratto di SINESTRO
6 luglio 2016 - 10:09
3
vero, secondo me Citroen c4 cactus, 500X & Nissan Juke sono tra le novità di questi ultimi anni. Certo, potranno anche non piacere, ma sono senz'altro originali. Poi, dire che PSA voglia mettere i paraurti gommati su ogni nuovo modello, potrei dire che è antiestetico, ma funzionale.
Ritratto di SINESTRO
6 luglio 2016 - 09:20
3
numeri truccati...
Ritratto di manuel1975
29 giugno 2016 - 17:54
per me la migliore citroen è la C4. in questa C3 manca un 1.0 turbo benzina e un 1.2 turbo a gasolio.
Ritratto di Stig7
29 giugno 2016 - 17:57
Agli amanti della Cactus piacerà sicuramente! Al primo impatto non mi convince fino in fondo, soprattutto per l'aspetto massiccio del frontale. Per quanto riguarda gli interni, lo schermo è d'effetto, ma preferisco di gran lunga le linee del modello attuale. Penso che in quanto a gli interni della attuale C3 siano tra i più riusciti della categoria.
Ritratto di mike53
29 giugno 2016 - 17:59
A me sembra carina e simpatica. Se poi qualcuno dice che è una C1 gonfiata, una 500X cosa sarebbe? E senza bisogno della pillola blu.......
Ritratto di autolog
30 giugno 2016 - 10:27
Ci si riferiva al fatto che progressivamente tutti i modelli Citroen stanno andando in un'unica direzione, con poche varianti. Certamente la famiglia 500 (visto che si chiama comunemente famiglia un motivo ci sarà...) segue la stessa strada ma Fiat fa anche modelli completamente diversi. Tra la 500X ed una Panda o una Tipo non ci sono quasi punti in comune. Anche nella famiglia "sfiziosa", con la 124 hanno introdotto differenze notevoli di stile e rotto la monotonia del design 500, per quanto sempre molto bello ed attuale. Speriamo che con DS sperimentino strade diverse, magari più eleganti e meno contorte. La Cactus è stata una ventata d'aria fresca, per carità, ma ormai stanno diventando ripetitivi e le soluzioni di design proposte non hanno sinceramente la classicità iconica di una Mini o di una 500, il rischio è che stanchino presto.
Ritratto di ct46
29 giugno 2016 - 18:25
mah sara' anche originale (che poi non lo e' visto che e' una copia della Cactus con il posteriore della Captur) ma a me non convince e poi gli interni mi sembrano un netto passo indietro rispetto all'attuale C3 se nella versione base non viene fornito lo schermo touch che resta un pezzo di plastica?penso che PSA voglia distinguere i due marchi Citroen piu sbarazzina ed economica, Peugeot con meno spunti "strani"meglio rifinite e curate.
Ritratto di Eleganza e Emozioni siamo noi
29 giugno 2016 - 19:29
Secondo il mio avviso è carina anche se il posteriore mi sa di sandero.Direi che è una sorta di panda cross poco più grande senza 4×4.Rimane sempre sul genere femminile io non mi ci vedo punterei sulla tipo e in quel segmento la punto con tutti gli anni si difende ancora anche se un modello nuovo forse per sbaragliare del tutto la concorrenza ci vorebbe.
Ritratto di Rik-dmc12
29 giugno 2016 - 20:03
Simpatica e particolare, io da possessore di Fiesta non la comprerei mai comunque vedo molti pregi. Una cosa però mi lascia l'amaro in bocca, quando nel 2011 andai a vedere l'attuale modello, mi colpi il design e la qualità percepita degli interni molto superiori a quelli della Fiesta, che comunque poi ho comprato perché ritenevo migliore in tutto il resto. In questa gli interni mi deludono tanto. Il design è troppo schematico e semplicistico, non è avvolgente come nella precedente, i pannelli porta sono banalissimi al limite del cheap, e i materiali ( mi riserbo di vederli dal vivo) sembrano molto più economici del modello uscente. Peccato.
Ritratto di Alex3984
18 luglio 2016 - 18:50
1
ha toccato con mano??? come fai a dirlo....bah....
Pagine