Renault Talisman: è fatta così

Abbiamo passato "ai raggi x" la nuova Renault Talisman, la berlina francese in arrivo a inizio 2016 con prezzi da circa 30.000 euro.
IN ITALIA? NON A BREVE - Abbiamo già anticipato le caratteristiche principali della Renault Talisman (qui la news), la berlina di grandi dimensioni (è lunga 485 cm) presentata giusto ieri pomeriggio. Nel frattempo, abbiamo avuto modo di osservarla da vicino, oltre che di parlare a quattr'occhi con i responsabili della casa. I quali ci hanno confermato che le consegne inizieranno a ottobre 2015, dopo che verrà presentata ufficialmente (a settembre, al Salone di Francoforte) la versione wagon. Ma le prime vetture saranno destinate al mercato francese; in Italia, la berlina si vedrà a inizio 2016. Dei cinque motori previsti al debutto, pare che solo i più vigorosi arriveranno da noi: tra i diesel dCi, il 1.5 con 110 CV non verrà importato, mentre lo saranno i 1.6 turbo da 131 cavalli (con cambio manuale) e biturbo da 160 (solo con la trasmissione robotizzata a doppia frizione); il 1.6 a benzina, sempre sovralimentato, sarà disponibile solo nella versione da 200 cavalli (e con cambio a doppia frizione) e non in quella da 150. Confermato, poi, un prezzo d'attacco vicino ai 30.000 euro. 
 
CLASSICAMENTE CURATA - Dal vivo, la Renault Talisman si conferma un'auto proporzionata, curata nei particolari e moderna, senza per questo essere futuribile. Elemento distintivo sono certamente i fari e i fanali, con sottili profili luminosi a led che mettono in evidenza le forme arrotondate del frontale (dove spicca l'ampia mascherina con listelli cromati) e della coda. Priva di orpelli la fiancata, il cui slancio è garantito dalle grandi ruote (fino a 19" di diametro) e dai finestrini sottili, piccoli in rapporto alla superficie in lamiera, e messi in evidenza da un profilo in metallo satinato.
 
 
AL CENTRO, UN TABLET - A bordo della Renault Talisman, la storia si ripete: il cruscotto, ben leggibile, è molto semplice, con lo strumento al centro di tipo digitale e configurabile a piacere. Merito del sistema Multi-Sense, che ha debuttato pochi mesi fa con la Espace e che permette di “cucirsi” addosso la vettura cambiando i parametri della meccanica, la grafica del cruscotto e il colore dell'illuminazione soffusa dell'abitacolo. Non manca l'head-up display, la lamina trasparente posta sopra la plancia, proprio davanti agli occhi del guidatore, dove vengono proiettati i dati principali (come la velocità e le indicazioni del navigatore). La consolle è invece dominata dallo schermo verticale di 8,7” comandabile sia dal pomello sul tunnel centrale sia in maniera “touch”, allo stesso modo di un tablet: cambio di “pagina” facendo scorrere il dito, modifica della scala avvicinando o allontanando due dita, visualizzazione di più finestre contemporaneamente, e così via; la risoluzione è molto buona. 
 
SPAZIO UN PUNTO DI FORZA - Plancia e pannelli della Renault Talisman hanno una forma molto lineare e classica, con una qualità di realizzazione che ci è parsa, già in queste vetture di preserie, valida sia per i materiali (pelle anche sulla plancia, rivestimenti antirumore nei tanti vani disponibili, inserti in legno, plastiche complessivamente di qualità) sia, soprattutto, per l'assemblaggio, molto preciso e dall'apparenza robusta. Il vero punto di forza, se rapportato alla gran parte delle auto simili, è, però, lo spazio: l'abitacolo può ospitare piuttosto agevolmente cinque adulti, e sul divano anche gli spilungoni dispongono di centimetri in abbondanza per gambe e testa. Ottima la capacità del vano bagagli; i 608 litri dichiarati sono tanti, e in effetti il vano è assai profondo (117 cm) e piuttosto alto (50 cm); non manca lo schienale del divano in due parti reclinabili e una piccola botola centrale passante verso l'abitacolo, per gli oggetti molto lunghi. Ok anche le finiture, con una spessa moquette che ricopre il fondo e le pareti, e una copertura ben realizzata per i bracci che sollevano il coperchio. L'unica nota stonata riguarda l'imbocco, che, essendo piuttosto piccolo, rende difficile l'accesso per i carichi più ingombranti.


Leggi l'articolo su alVolante.it