NEWS

Rolls-Royce Phantom: la regina del lusso è tutta nuova

28 luglio 2017

Linea scultorea, motore V12 biturbo di 6,7 litri e dotazione assolutamente moderna nell’ambito di un design ispirato alla tradizione.

Rolls-Royce Phantom: la regina del lusso è tutta nuova

TANTA ORIGINALITÀ - La Rolls-Royce, casa del blasone automobilistico per antonomasia, presenterà al Salone di Francoforte di settembre la nuova edizione (l’ottava) del modello icona del marchio, la Rolls-Royce Phantom, il cui nome risale agli Anni 20, alle origini del costruttore. Come il modello che a distanza di 14 anni dal lancio va a essere sostituito, il design della nuova Phantom coniuga la tradizione con la contemporaneità, senza rivoluzioni. L’immagine che ne risulta è assolutamente “fuori dal coro” rispetto a tutta l’altra produzione mondiale. L’immagine offerta dalla Rolls-Royce Phantom è un mix di tratti classici, tanto semplici quanto scultorei, come una grande architettura della classicità. La mascherina-radiatore domina l’insieme del frontale, anche se questa volta risulta più integrata nella carrozzeria dunque un po’ più “mimettizzata”. L’insieme trasmette tutte le sensazioni che suscitano i pezzi unici. Ed effettivamente il design della Rolls-Royce Phantom non ha né uguali né analogie nel panorama automobilistico attuale.  

V12 E 900 NM DI COPPIA - Sotto il cofano della nuova Rolls-Royce Phantom c’è il V12 di 6,75 litri bi-turbo che la Rolls-Royce tiene a presentare come esclusivo della casa, e non condiviso con la BMW, capace di erogare 563 CV con coppia massima di 900 Nm da 1.700 giri. Il propulsore è abbinato a una trasmissione automatica ZF a 8 rapporti. Tutto per una marcia che secondo i dettami del marchio deve essere brillante senza brutalità e nella massima discrezione. Grandi sforzi sono stati dedicati alla creazione dell'automobile "più silenziosa del mondo", grazie a vetri a doppio strato da 6 mm in tutta la vettura, a oltre 130 kg di materiale di isolamento acustico e all'utilizzo di materiali ad alto assorbimento. Quanto al comfort, il sistema comprende evolute sospensioni pneumatiche con molle ad aria che lavorano anche sulla base di una regolazione automatica che tiene conto delle condizioni del fondo stradale, rilevate attraverso apposite telecamere. Lo scopo è migliorare l’effetto “magic carpet”, cioè quell’andatura super morbida da “tappeto volante”, capace di assorbire qualunque asperità senza trasmetterle agli occupanti per cui le Rolls sono famose.

PIATTAFORMA AD HOC - La nuova Rolls-Royce Phantom ha la scocca e il pianale in alluminio che permette di abbinare alla robustezza anche un peso non esagerato, nonostante le dimensioni decisamente imponenti della vettura. Da notare che la Phantom è stata sviluppata su una piattaforma ad hoc concepita e sviluppata appositamente per la Rolls-Royce, senza commistioni con la “cugina” BMW. La nuova Phantom resta un’auto a dir poco imponente anche se leggermente più piccola della precedente: è alta 165 cm, larga 202 cm e lunga 576 cm, 7,7 in meno della generazione uscente. Sarà offerta anche una versione più lunga con un passo maggiorato di 20 cm.

COMPLETA, RICCA E BEN COSTRUITA - Trattandosi di una Rolls-Royce, e per di più della Phantom, non stupisce sapere che il modello ha una dotazione completa, con tutti i più moderni dispositivi elettronici di supporto alla guida. Quanto all’allestimento interno la Rolls-Royce afferma di essere riuscita ad ottenere un livello e una ricercatezza delle finiture, dei materiali e delle decorazioni impiegati fino ad ora inarrivato dai rivali. Essendo una Rolls è anche il trionfo delle cose voluttuarie, come il frigobar dove possono trovare posto bottiglie di champagne, con relativi bicchieri, il cielo della vettura trapuntato di led e tanti altri piccoli dettagli che fanno la differenza. Come i tavolini da pic-nic posteriori occultati sul retro dei sedili anteriori, o i monitor per i per i passeggeri posteriori estratti e retratti elettricamente al semplice tocco di un pulsante. Inoltre i proprietari potranno commissionare diverse opzioni di sedute adatte alle proprie esigenze. Tra le scelte disponibili, sedili lounge più intimi, sedili individuali con braccioli a scomparsa, sedili individuali con consolle centrale fissa e sedile per posizione sonno. 

Rolls-Royce Phantom
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
20
3
1
1
4
VOTO MEDIO
4,2
4.172415
29
Aggiungi un commento
Ritratto di twinturbo
28 luglio 2017 - 21:13
Sono titubante se accennare al discorso perché ogni volta che si cita il marchio italiano iniziano lunghe diatribe, ma volevo chiedere a chi ne sa se lo zf a 8 rapporti citato nell'articolo per questa RR è a livello di funzionalità lo stesso che montano le Alfa Stelvio e Giulia anche nelle versioni molto popolari, tipo le diesel. Se così fosse mi sembrerebbe un bell'attestato di qualità in quanto a scelta della componentistica da parte del marchio italiano. In merito alla macchina in quanto tale, con Bentley che dalla Continental in poi ha un po' ammorbidito le linee, penso che entrambe le Inglesi hanno tratto vantaggio grazie a una più marcata differenziazione estetica e quindi un guadagno di personalità per tutte e due
Ritratto di Fr4ncesco
28 luglio 2017 - 21:33
In teoria è lo stesso però hanno setup diversi a discrezione delle case, non hanno un'impostazione standard ma in base al modello. Però il gruppo meccanico è quello, difatti è lo stesso che monta BMW a quanto pare (e quindi Alfa).
Ritratto di MaurizioSbrana
28 luglio 2017 - 23:33
1
No, non è lo stesso... è simile nella base, ma la progettazione dell'elettronica, il vero cuore dei cambi automatici, è tutta sviluppata apposta per RR e dedicata. Per esempio, la Rolls parte sempre in seconda marcia, mai in prima, per esaltare la fluidità del motore e la marcia senza strappi... dire quindi che è lo stesso è una grossa imprecisione... mettiamola così, probabilmente gli ingranaggi e i pignoni sono gli stessi...
Ritratto di AMG
29 luglio 2017 - 10:45
Sono d'accordo. Non si può definire il medesimo cambio anche se fondamentalmente in partenza lo è. Dopotutto la qualità dello ZF non è mai stata messa in dubbio quindi il nome di per sé era già un'ottima garanzia per l'Alfa. Poi i settari dipendono dalla casa e ne cambiano il comportamento
Ritratto di Fr4ncesco
29 luglio 2017 - 12:20
Ciò che ho detto io in pratica.
Ritratto di marian123
29 luglio 2017 - 13:16
Anche gli ingranaggi non credo che siano gli stessi, qua parliamo di 900Nm di coppia, lo zf8 montato sulle auto 'normali' regge massimo 750Nm nella configurazione più spinta per cui andrebbe in frantumi dopo un po'.
Ritratto di twinturbo
29 luglio 2017 - 14:19
Sul fatto del frantumarsi non credo. Nel dimensionamento degli organi meccanici si applica sempre un certo coefficiente di sicurezza, poi è anche vero che più è accurato il procedimento di calcolo come ad esempio sono gli attuali cad, fem eccedera più si può tenere basso tale coefficiente. Tuttavia non penso saranno tanti i campi in cui gli si assegna un valore inferiore ad 1.5-2. Oltremodo se pur omogeneizzata dal volano la coppia max nominale di un motore a combustione potrebbe presentare dei picchi momentanei per cui ulteriore motivo per non avere degli ingranaggi dimensionati giustigiusti sul nominale. Ad ogni maniera tornando alla mia questione iniziale io più che alla coppia trasmissibile mi riferivo invece alle modalità di funzionamento. E più che altro lo facevo perché leggo spesso che molti lo ritengono inferiore ai doppia frizione e qualcuno ne aveva addirittura detto che su Stelvio e Giulia era un ripiego al risparmio già anche rispetto allo stesso TCT made in FCA, il che in verità mi era suonato veramente strano
Ritratto di marian123
1 agosto 2017 - 14:35
Nel dimensionamento ci sono sicuramente dei coefficienti di sicurezza ma il fatto è che il produttore lo garantisce per quel valore di coppia max per cui oltre sono soggetti a rotture precoci. Tra l'altro i cuscinetti sono molto sollecitati e su una rolls non è ammissibile un cambio rumoroso.
Ritratto di Fr4ncesco
28 luglio 2017 - 21:39
L'unica auto che può permettersi di essere pesante e dire che il peso in questo caso avvantagia il comfort. L'unica che non dichiara le prestazioni. Ma a chi interessa quanto fa dallo 0-100 uno yacht su ruote?
Ritratto di Thresher3253
28 luglio 2017 - 22:00
Ma infatti é un salotto su ruote che privilegia innanzitutto il comfort. Chi vuole correre con un'ammiraglia può comprarsi una S65.
Pagine