Opel Ampera-e: una nuova era per le elettriche

30 settembre 2016

Un'auto elettrica dal prezzo abbordabile e con un'autonomia di 500 km come l'Ampera-e rappresenta una piccola rivoluzione.

Opel Ampera-e: una nuova era per le elettriche

AUTONOMIA DI RIFERIMENTO - Le auto elettriche entrano in quella che potremo definire la “fase due” nella quale l'autonomia diventa accettabile anche per un viaggio di media entità. Per la prima volta un'auto elettrica dal prezzo relativamente abbordabile (dovrebbe aggirarsi sui 30-35.000 euro) può percorrere fino a 500 km (dato da confermare, in base al ciclo di omologazioen europeo) prima di dover essere ricaricata. La Opel Ampera-e ha una carrozzeria da monovolume e impiega una batteria agli ioni di litio, formata da 288 celle, per la quale viene dichiarata una capacità pari a 60 kWh. La pila nasce dalla collaborazione fra la GM (di cui la Opel fa parte) e la LG Chem.

IL BAULE È COME SULLA MERIVA - La batteria dovrebbe pesare circa 400 chili e si trova sotto il pavimento, così da non rubare spazio all’abitacolo e non incidere sul comportamento dinamico. La Opel Ampera-e misura 416 cm in lunghezza, accoglie al suo interno cinque passeggeri e offre un vano bagagli dalla capacità pari a 380 litri, non troppo inferiore rispetto ad un’automobile convenzionale: per confronto, il bagagliaio della Meriva contiene 400 litri, ma l’auto misura 14 cm in più rispetto alla Ampera-e. Il suo motore produce 204 CV, 360 Nm e garantisce prestazioni di buon livello: la Opel ha dichiarato un tempo di 3,2 secondi per lo 0-50 km/h e di 4,5 secondi per il passaggio 80-120 km/h. All’interno si trova l’ultima evoluzione del sistema multimediale IntelliLink.

VIDEO
Opel Ampera-e
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
21
20
19
6
11
VOTO MEDIO
3,4
3.44156
77


Aggiungi un commento
Ritratto di AlexTurbo90
1 ottobre 2016 - 00:00
Cioè fammi capire... stai forse dicendo che se vogliamo essere "amici del Pianeta" tutti noi dobbiamo comprare lo stesso un auto elettrica, ORA, che mediamente costa 10000 euro in più rispetto ad una con motore termico, con infrastrutture ancora inadeguate ed autonomie ancora ridicole per un uso a 360 gradi? Senza curarci dei soldi che andremo a spendere? Guarda che non siamo tutti ricchi come te! L"utente medio" sicuramente non si aspetta prezzi proprio UGUALI ad un auto di pari segmento con motore a combustione interna no, ma che il sovrapprezzo non sia eccessivo, SI! 10000 euro di sovrapprezzo sono veramente troppi, se sostieni il contrario vuol dire che non dai valore al denaro o, semplicemente, sei così ricco che non ti crea problemi spendere tanto per qualsiasi cosa. Non sta scritto da nessuna parte che per avere una "coscienza ecologica" bisogna dissanguarsi e finire a mangiare pane e cipolle.
Ritratto di deutsch
3 ottobre 2016 - 08:56
4
hai capito quello che io non ho detto. io ho scritto che non si può certo pensare che dall'oggi al domani ci siano concorrenti con motori elettrici in grado di rilaveggiare coi termini il cui sviluppo va avanti da ormai un secolo. ritengo scorretto denigrare i piccoli passa avanti che vengono fatti dalla casa automobilistiche per migliorare le prestazioni e l'estetica delle auto elettriche. diciamo che un passo alla volta ci si sta avvicinando a risultati sempre più vicini agli standard cui siamo abituati. certo il mercato è ancora acerbo, offerta di veicoli limitatissima e infrastrutture quasi inesistenti. sicuramente l'auto elettrica, almeno al momento è più adatta ad una seconda auto di famiglia piuttosto che alla prima per ovvie ragioni. in merito alla tue divagazioni sulla ricchezza vorrei rassicurarti sul fatto che faccio parte del ceto medio e non ho aziende di famiglia ma vivo col lavoro che mi sono creato senza dover dire grazie a nessuno. detto questo il gap economico esiste ma ho anche precisato, ma forse non lo hai letto, che lo stato potrebbe aiutare a ridurlo con varie forme di incentivi (come avviene in altri stati). ho anche precisato che non è certo un cmabiamento che avverrà nel giro di pochi anni. come tutte le tecnologie nuove al'inizo constano un sacco ma poi piano piano la situazione migliora. è vero non sta scritto da nessuna parte che per avere una "coscienza ecologica" bisogna dissanguarsi e finire a mangiare pane e cipolle, ma ad essere sinceri non sta scritto nemmeno che bisogna averle una coscienza ecologica. sta ad ognuno di noi dare il proprio piccolo contributo, c'è chi ci arriva prima e chi dopo nel frattempo il mercato va in una certa direzione, che piaccia o meno
Ritratto di AMG
1 ottobre 2016 - 09:22
Il prezzo a mio parere è caro, ma in questo tipo di auto le cose per adesso vanno ancora così... Basti vedere la Nissan Leaf ad esempio. Ad ogni modo non mi piace il nome, suona meglio come "Chevrolet ricarrozzata-finta Opel, model Ampera".
Ritratto di deutsch
3 ottobre 2016 - 09:11
4
le joint venture ormai sono pane quotidiano d'altronde neanche mercedes chiama le proprie classe A, B, GLA ect in versione 180d "powered by renault", no?
Ritratto di Edoardo98
2 ottobre 2016 - 12:12
5
Spero costi meno di 30000€ visto che la Leaf ne costa poco più di 20000.
Ritratto di deutsch
3 ottobre 2016 - 09:09
4
la leaf ha un'autonomia molto più ridotta anche nella versione da 30kwh che comunque parte da € 35000 per arrivare a quasi 38000. inoltre le batterie mi sembra siano a noleggio e poi questa ampera ha un linea piacevole mentre la leaf è decisamente meno gradevole
Ritratto di GIANLUCA MAGNANI
11 marzo 2017 - 14:32
ultime notizie il prezzo è di 30mila e non è caro per un auto da 204 cv e 380 km di autonomia reale ,ma voi a meno che siate rappresentanti fate più di 380 km in una giornata vi capiterà 2 volte all anno, se si vi fermate una 40 minuti per ricaricarla non vedo l ora che esca per comprarmela voi andate pure con le auto a motore endotermico da 120 cv e un consumo di 12 013 km litro, vi è la stessa differenza tra un televisore a tubo catodico e quello a led curvo 4k
Pagine