NEWS

La Opel illustra la sua strada verso l’auto elettrica

Pubblicato 10 luglio 2021

Entro il 2028 la Opel venderà in Europa solo auto elettriche e, entro il 2024, proporrà esclusivamente vetture ibride. Nel 2025 torna la Manta.

La Opel illustra la sua strada verso l’auto elettrica

FISSATA LA DATA - Nell’evento EV Day, il gruppo Stellantis ha delineato la strategia che adotterà per trasformare la produzione e realizzare i modelli elettrici dei suoi 14 brand (qui per saperne di più). Uno di questi è la Opel, la quale ha annunciato che, entro il 2028, venderà in Europa solo auto elettriche. A dichiararlo è lo stesso ceo della compagnia tedesca Michael Lohscheller (guarda il video qui sotto). Prima della completa transizione la Opel, entro il 2024, proporrà in Europa esclusivamente modelli elettrificati, dunque ibridi. 

TORNA LA MANTA - Le elettriche del futuro verranno ingegnerizzate sulla piattaforma STLA Small del gruppo Stellantis, specifica per vetture piccole e compatte con un’autonomia fino a 500 km. Entro il 2025 dovrebbe essere presentata la nuova generazione della Manta, una coupé elettrica con una linea avveniristica, della quale la Opel ha diffuso un disegno (qui sopra) che, però, al momento non è rappresentativo della versione di serie.

PER ORA SOLO TRE - La Opel ha attualmente a listino le versioni elettriche della Corsa e della Mokka, oltre ai furgoni Vivaro e Combo. La Grandland ha, invece, la versione top di gamma ibrida plug-in. Nei primi quattro mesi del 2021 la casa tedesca in Europa ha raggiunto una quota complessiva nelle vendite di elettriche e ibride pari al 9%.

RITORNO IN CINA - Per crescere ancora la Opel ha in programma lo sbarco in Cina, che è il mercato automobilistico più grande al mondo. La compagnia tedesca in passato è già approdata in Cina dove ha venduto circa 5.000 vetture, tuttavia le vendite sono state frenate perché le auto erano importate e soggette a tariffe elevate.





Aggiungi un commento
Ritratto di Volpe bianca
10 luglio 2021 - 16:58
Poi per quel che riguarda la gente che in macchina non gode più da un pezzo, posso dirti che io nel mio piccolo in montagna e quando c'è la neve continuo a godere, senza tablet, frenate automatiche e guide più o meno autonome. La miglior sicurezza e il miglior divertimento ce l'ha chi sa guidare e lo fa per passione senza mettere a rischio l'incolumità altrui.
Ritratto di Mbutu
10 luglio 2021 - 17:36
Volpe, quello che fai tu nel tuo piccolo ha poca importanza. Anche perchè altrimenti potremmo aprire un dibattito sul fatto che effettivamente tu sia o meno abbastanza bravo (ammesso che si possa esserlo) da divertirti sulla neve senza mettere a rischio l'incolumità altrui. E poi discuteremmo di quanta neve. E ci sarebbe anche da stabilire se quello che tu consideri godimento lo sia davvero o se ti accontenti di poco. E non ne usciremmo più. Qui si parla di grandi numeri. Dell'utilizzo che verosimilmente fa la massa dell'automobile.
Ritratto di Volpe bianca
10 luglio 2021 - 18:38
@Mbutu dopo quasi trent'anni di salite invernali in montagna quasi sempre con gomme estive e senza un incidente, penso di sapermela cavare. Ognuno si diverte come vuole certo, ma ti assicuro che ce ne sono tanti che si "divertono" così, con o senza neve. Certo davanti alla playstation è più facile, ma non fa per me...
Ritratto di Mbutu
12 luglio 2021 - 10:07
Volpe, devo ripetermi. Non è mia intenzione stare a sindacare sulle tue abilità e sul tuo divertimento: le prime non le posso testare, il secondo è soggettivo (per dire, vedi che c'è chi si diverte a postare commenti senza costrutto sui blog). Io mi riferisco alla massa degli automobilisti, e così rispondo anche a Katayama, con numeri che ci dicono che le competenze per godere della guida le abbiamo già perse da un pezzo (ammesso che siano mai state "di massa", cosa su cui nutro molti dubbi). Altrimenti il parco auto sarebbe formato da altre macchine ed i numeri riporterebbero abitudini diverse. In sostanza quelli che nelle intenzioni vogliono e possono godere dell'auto non sono in tanti; sono 4 gatti che diventano 2 se poi cerchiamo di dare una parvenza di oggettività alla cosa (per dire, qui ho letto di autodefiniti appassionati per cui il piacere di guida è andare a 200 in autostrada). Questi pochi, come in passato e come nel presente, avranno comunque modo di coltivare la loro passione. Ma per la maggioranza ci sarebbero cose più importanti in cui investire quell'ora e mezza al giorno che passano in macchina per fare meno di 50 km anziché girare un volante (che sia di una dacia o di una delta sempre in coda in tangenziale sono).
Ritratto di Flavio8484
12 luglio 2021 - 10:10
Oh mbutu!!!ti sei ripreso?? Pensavamo ti fossi rinchiuso in una grotta!
Ritratto di Flavio8484
10 luglio 2021 - 17:08
....non scrivere idiozie su un blog, farsi una passeggiata, accettare un pensiero diverso dal proprio...
Ritratto di Volpe bianca
10 luglio 2021 - 17:19
@Flavio8484 la passione per la guida non la si può ridurre a girare un volante....per guidare una Delta Integrale o una Spring si gira il volante in entrambi i casi ma ovviamente c'è una bella differenza ;)
Ritratto di Flavio8484
10 luglio 2021 - 17:33
@volpe prima di commentare leggi xo... io ho detto il contrario di cio che hai capito
Ritratto di Volpe bianca
10 luglio 2021 - 17:37
@Flavio8484 ho scritto a te, ma era riferito a quello che ha scritto @Mbutu. Ti stavo dando ragione :))
Ritratto di Flavio8484
10 luglio 2021 - 17:39
Ok, allora ti stimo, anche xche vai contro mbutu che fa il tuttologo!:D
Pagine