NEWS

A Oslo i taxi elettrici si ricaricheranno senza fili

25 marzo 2019

La capitale norvegese è la prima città al mondo dove saranno realizzate corsie in cui ricaricare wireless le batterie dei taxi elettrici.

A Oslo i taxi elettrici si ricaricheranno senza fili

SOLO PER I TAXI - La città di Oslo costruirà nei prossimi anni una serie di corsie riservate ai taxi dove ricaricare senza fili le batterie delle auto elettriche, grazie a sistemi wireless analoghi a quelli per i cellulari: sotto la superficie stradale è nascosta una soletta collegata alla rete elettrica, che genera un campo elettromagnetico “catturato” da una piastra al di sotto dell’auto, che ha il compito di trasformare in energia il campo elettromagnetico e alimentare le batterie. Il progetto coinvolge il Comune della capitale norvegese, il fornitore di energia finlandese Fortum e la Momentum Dynamics, azienda statunitense che si occupa di sistemi senza fili per ricaricare le pile delle auto elettriche.

SI CARICANO SENZA SCENDERE - I taxisti non dovranno scendere ogni volta dall’auto e collegare il cavo di alimentazione ad una colonnina, perché con la ricarica wireless gli basterà parcheggiare nelle corsie adibite, dove l’attesa fra un cliente e l’altro verrà “ottimizzata” facendo salire la percentuale di carica delle batterie. Oslo del resto ha programmi molto ambiziosi per i taxisti, che dal 2023 dovranno guidare solo auto a elettroni, quindi il progetto della ricarica wireless ha l’obiettivo di facilitare il loro lavoro e renderlo più confortevole. Nel 2018 la Norvegia è stata il primo mercato in Europa per le auto elettriche (46.143 auto erano a zero emissioni) e ha già annunciato che dal 2025 saranno vendute solo vetture a elettroni.



Aggiungi un commento
Ritratto di Gordo88
25 marzo 2019 - 15:52
Soltanto auto elettriche dal 2025?? Campioni di precocità questi norvegesi
Ritratto di alex_rm
25 marzo 2019 - 16:24
In Norvegia(sono 5 milioni di abitanti) possono permetterselo grazie agli ingenti ricavi provenienti dalle estrazioni di petrolio e gas.
Ritratto di Giuliopedrali
25 marzo 2019 - 18:01
Certo quelle Nissan Leaf taxi o taksi di Oslo con quella colorazione sembrano dei mocassini anzi peggio...
Ritratto di neuro
26 marzo 2019 - 12:13
la fortuna d'essere solo in 5mln rispetto ai circa 62mln.
Ritratto di DavideK
25 marzo 2019 - 19:54
I paesi scandinavi stanno cercando di tornare ad essere i pessimi paesi socialisti di qualche decennio fa, prima che capissero che non funzionava. Si arrangino.
Ritratto di alex_rm
25 marzo 2019 - 20:58
E una realtà non paragonabile con l’Italia.Sono passiti improvvisamente e rapidamente da essere pescatori e produttori di baccalà e stoccafisso all essere grandi produttori di petrolio e gas e non sanno dove buttare gli introiti del petrolio(essendo pochi milioni di abitanti)e cercano di fare gli ecologisti(e fanno stragi di balene).E fanno turnazioni lavoravative di 2 settimane di lavoro e 4 settimane di vacanza.
Ritratto di neuro
26 marzo 2019 - 12:15
realtà o mentalità?
Ritratto di NeroneLanzi
26 marzo 2019 - 17:51
Ok sulle ragioni che consentono di spendere soldi sull’elettrificazione. Per il resto magari evitiamo solo di buttarla in caciara, 2 settimane di ferie per ogni settimana di lavoro non le fanno manco i saldatori subacquei sulle piattaforme.
Ritratto di alex_rm
27 marzo 2019 - 08:40
Chiunque lavori sulle piattaforme Equinor(ex Statoil,Azienda statale norvegese dell estrazione di petrolio e gas) fa turnazioni lavorative di 2 settimane di lavoro e 4 di ferie.E mi sembra facciano lo stesso anche negli impianti a terra.
Ritratto di NeroneLanzi
27 marzo 2019 - 11:26
Sinceramente mi risultavano turni più lungi. E parlo di ruoli da undervannssveiser, non da operaio. Certamente non di personale di terra. Detto questo, non è che siano rappresentativi della popolazione. Le vacanze sono certamente distribuite in maniera più sensata, ma qui la gente lavora esattamente come in Italia. Perdendo meno tempo, quindi passando meno ore in ufficio, quello sì, ma è un altro tema.
Pagine