NEWS

Parlamento: basta con l’autovelox usato per fare cassa

29 gennaio 2016

La Camera ha approvato una mozione e chiede che il governo prenda provvedimenti per porre fine al malcostume.

Parlamento: basta con l’autovelox usato per fare cassa
MULTE PER INCASSARE - Alcuni deputati di opposizione hanno proposto all’assemblea della Camera una mozione che punta il dito contro la politica di molti comuni i quali impiegano l’autovelox (e strumenti analoghi) come uno strumento per realizzare introiti nelle casse comunali. Vale a dire che lo strumento per rilevare la velocità dei veicoli viene usato soltanto per elevare contravvenzioni che procurano entrate ai Comuni. Anche se si è trattato di una iniziativa di parlamentari dell’opposizione il governo si è dichiarato d’accordo e nella votazione il documento è stato approvato.  
 
USO DISTORTO - Oltre a costituire una denuncia nei confronti delle tante, troppe, amministrazioni comunali che adottano questa logica di comportamento, la mozione chiede al governo di “mettere fine al più presto all’utilizzo distorto degli strumenti per la sicurezza degli automobilisti, che viene impropriamente finalizzato ad alimentare le entrate nelle casse dei comuni”. Ma non solo, la mozione della Camera dei deputati solleva anche il problema dell’impiego dei denari incassati con le multe elevate mediante autovelox e simili. 
 
INCASSI IN SICUREZZA - Ai ministeri delle Infrastrutture e dell’Interno, sollecita infatti un impegno affinché gli enti locali riferiscano dettagliatamente quante multe hanno elevato, quanto hanno incassato e come sono impiegati tali fondi. Ciò ricordando che il 50% degli introiti derivati dalle sanzioni stradali pagate deve essere impiegato per interventi mirati a migliorare la sicurezza stradale. Ciò prevedendo anche sanzioni per i Comuni inadempienti.


Aggiungi un commento
Ritratto di Dorian
31 gennaio 2016 - 19:39
Il gps ficcatevelo dove non batte il sole! Cosa siete masochisti? E non venitemi a dire che il masochista sono io perché con la mia affermazione significa che sono pronto ad espormi ai pericoli derivati da chi non rispetta gli spesso ridicoli limiti vigenti! Vi dico che sono arci stufo di continue nuove vessazioni che questo stato di imbe...lli e farbutti ci impone in continuazione, che siano per la vera sicurezza o per fare cassa, non mi interessa. Qui siamo alla stregua del Truman show con tutte ste cavolo di telecamere in ogni dove. Ormai non si è più liberi nemmeno di mettersi le dita nel naso, che ti vede qualcuno. Perciò se dovesse passare questa proposta, tanto meglio. Ma cosa MOLTO più importante: ASFALTATE LE STRADE!!!!!!!!!!!! pezzi di M che non siete altro! Quelle si che sono pericolose e indegne, c'è da fare lo slalom tra le buche e le fratture, imponendo sì lì, una guida poco sicura. SVEGLIAAAA!!!!!
Ritratto di franco jmmi
1 febbraio 2016 - 13:53
SI VEDE CHE QUESTI DEPUTATI, DALL'ALTO DELLA LORO IMPUDENZA E DOPO AVER VIAGGIATO A VELOCITA' SCANDALOSE PERCHE' SONO PREPOTENTI,HANNO RICEVUTO MOLTE MULTE CON AUTOVELOX E NON VOGLIONO PIU' PAGARLE. NON LO HANNO CERTO FATTO PER ALTRUISMO VERSO NOI AUTOMOBILISTI.
Ritratto di orsogol
1 febbraio 2016 - 17:55
1
Mi inserisco tra chi condanna gli Autovelox e chi li approva per dire che il vero scandalo sono i limiti imposti, fermi a 50 anni fa quando le auto a 100 all'ora impiegavano 80 metri per fermarsi contro i 40 di oggi e le strade erano meno sicure. Oggi i limiti sono decisi da funzionari dell'ANAS preoccupati solo di pararsi le terga in caso di incidenti o da geometri comunali preoccupati di garantire lauti incassi. Ma i limiti troppo bassi non invogliano affatto a rispettarli, quindi non servono a nulla se non, appunto, a drenare soldi. In sostanza, mettano limiti seri e realistici e sono dispostissimo a rispettarli tutti e ad accettare l'Autovelox. E poi dovrebbero anche piantarla di mettere cartelli in serie, a brevissima distanza gli uni dagli altri con limiti sempre diversi: finisce che per guardare e memorizzare i limiti tiri sotto un gatto. Disonesti e incompetenti!
Ritratto di Maxi1970
2 febbraio 2016 - 02:40
da professionista della strada due considerazioni: via le strisce pedonali, si ridurranno drasticamente gli investimenti dei pedoni. La Velocità è un problema ma non la soluzione....quindi ci vuole più controllo da parte della polizia locale, che evidentemente copre mansioni da polizia e non più da vigile urbano come era un tempo, gli agenti devono presidiare incroci e piazze, almeno le più trafficate. ultima cosa, i divieti di svolta a sinistra non servono più a nulla, in presenza di tali divieti gli automobilisti girano sempre e comunque, copiosamente purtroppo, nella piena impunità e nel disagio più totale per chi segue, visto che si crea ingorgo e rischio sinistri. creare red camere per tale scopo farebbe arricchire il comune nella piena legittimità, quindi ripristinando una viabilità degna e decente per gli 'onesti' circolanti..... queste sono alcune delle infrazioni dimenticate dal tempo, soprattutto in Italia, paese dei balocchi e inutili populismi.....aizzati da pseudo partiti politici dalle tasche piene e programmi vuoti...
Ritratto di Maxi1970
2 febbraio 2016 - 02:47
dimenticavo, telefonini alla guida oramai è norma....quindi le strade con tali dispositivi alla mani e all'orecchio sono un potenziale pericolo per tutti, quindi, ribadisco la tesi del vigile in strada, che faccia il proprio dovere di controllo e deterrente.....ma non ci vuole un genio per capirlo....
Pagine