NEWS

La Porsche dice addio ai motori diesel

23 febbraio 2018

La casa tedesca ha deciso di favorire i motori a benzina, gli ibridi e gli elettrici.

La Porsche dice addio ai motori diesel

RESTA SOLO LA MACAN - Scandalo dopo scandalo alla fine per il motore diesel era inevitabile che ci fossero delle defezioni. La prima, esplicita e chiara, viene dalla Porsche, la casa di Stoccarda che ha costruito il suo blasone con i propulsori a benzina ma che negli ultimi anni aveva “ceduto” alla moda dei diesel, proponendo per la sua gamma anche versioni con questo tipo di motori. Ora i vertici della casa hanno deciso di depennare dai listini tutte le versioni diesel, anche per la Porsche Macan (nella foto) che non è più ordinabile con questo motore. Il primo segnale evidente e concreto è stata la cancellazione dalla gamma delle versioni a gasolio delle Porsche Panamera. Poi c’è stata la presentazione della nuova Porsche Cayenne soltanto con il motore a benzina o ibrido (ma questo modello potrebbe in futuro offrire anche un diesel).

NON LI FANNO LORO - Con questa decisione la Porsche riprende così la totale autonomia in materia di sviluppo dei motori. I turbodiesel impiegati, soggetti a vari richiami negli Usa ed in Europa per via delle emissioni di NOx nell'ambito delle scandalo Dieselgate, erano e sono di provenienza Volkswagen-Audi, e la cosa aveva un po’ incrinato il prestigio dei prodotti Porsche, da sempre apprezzati proprio per la loro qualità progettuale e realizzativa. Ciò a maggior ragione dopo gli scandali legati alle emissione dei turbodiesel, di cui la Porsche in quanto tale ha subito e subisce le conseguenze senza appunto aver mai lavorato in proprio su questi prodotti. E l’ultima vicenda scandalosa dei test di laboratori su scimmie ed esseri umani per verificare le conseguenze delle emissioni dei motori a gasolio, può davvero essere stata l’ultima goccia che ha fatto traboccare il vaso.

Aggiungi un commento
Ritratto di jabadais
24 febbraio 2018 - 17:24
Boh... sinceramente non capisco, quasi vent'anni a spingere sul diesel a livello di marketing e ricerca tecnologica fino a fargli prendere più quote di mercato possibile ed esportarlo negli stati uniti, ed ora di punto in bianco il diesel è brutto, cattivo, malvagio e fa un sacco male. Che facesse male e inquinasse lo sapevano anche prima, che le auto ibride ed elettriche abbiano comunque un impatto ambientale dovuto sopratutto alla gestione delle batterie, e che tra l'altro non saranno una valida risposta per diversi anni ancora, lo sanno ugualmente. A me sembra quasi che ogni tot di anni si debba puntare su una nuova tecnologia per far girare dei soldi. Un po come la storia dei piccoli turbobenzina: anni a scassarci con il downsizing e ora si svegliano tutti con questa nuova corrente del rightsizing perché 4 cilindri della giusta cubatura sono meglio di 3 piccoli ed iperpompati, ma allora non conveniva ottimizzare e affinare il 1400 ed i 1600 turbo di 10 anni fa?
Ritratto di Mbutu
24 febbraio 2018 - 18:55
Il diesel è sempre stato brutto, cattivo e malvagio. Semplicemente ora con le norme sempre più stringenti pare stia diventando antieconomico aggiornarlo per tenere il passo ed alcuni preferiscono dirottare gli investimenti su altro. Del resto che la gestione delle batterie sia più impattante di un diesel è tutto da dimostrare. E se anche lo fosse le case guadagerebbero tempo. Sul fatto che le nuove tecnologie servano a far girare soldi ...in realtà le case hanno solo da perderci perchè gli farebbe più comodo mantenere lo status.
Ritratto di jabadais
24 febbraio 2018 - 20:35
Giusto per chiarire, non ho scritto che sia più o meno impattante del diesel, ho detto che sicuramente la questione batterie ha un suo impatto ambientale che diventerà sempre più importante man mano che questo tipo di tecnologia si diffonderà. Attualmente è trascurabile perché le auto ibride o elettriche sono una percentuale trascurabile rispetto alle altre, quando saranno anche solo il 25-30% del parco macchine circolante bisognerà pensarci seriamente e bisognerà aumentare considerevolmente l'elettricità prodotta nelle centrali, mi sembra ovvio. Conseguentemente aumenterà il prezzo dell' elettricità stessa all'aumento della domanda. Insomma che poi le macchine elettriche o ibride siano così green bisognerà vederlo nel lungo periodo.
Ritratto di Leonal1980
25 febbraio 2018 - 10:54
3
Se fai in modo che i possessori di auto ibride ed ellettriche, facciano il pieno agevolato dalle ore 0:00 alle 7:00, hai un sacco di elettricità da consumare che verrebbe dispersa e ti coprirebbe anche più del 30% delle auto.
Ritratto di gjgg
24 febbraio 2018 - 17:38
1
Per me anche i suv di Porsche Lamborghini Maserati Bentley Rolls e Ferrari dovrebbero non essere diesel. Volvo e Land Rover il diesel ci sta benissimo. Altri come Jaguar e Alfa un po' meno, anche se poi il common rail ossia la tipologia he oramai copre tutta la produzione diesel mondiale esordì proprio su un'Alfa, la 156.
Ritratto di Ercole1994
24 febbraio 2018 - 18:29
Condivido il fatto che è una decisione saggia eliminare la gamma diesel Porsche, però il 4.0 V8 della Panamera, era tanta roba!
Ritratto di tramsi
25 febbraio 2018 - 17:38
Esattissimo! Viene ancora montato sulla Bentayga.
Ritratto di lucios
24 febbraio 2018 - 18:50
4
Beh, su questi modelli da nababbi, Diesel è quasi un controsenso. Ad ogni modo, l'ibrido sarà un ottimo sostituto. Anche perché, ste auto sembra facciano più percorso urbano che grandi viaggi.
Ritratto di Leonal1980
25 febbraio 2018 - 10:57
3
Bhe io in autostrada ne vedo parecchi di suv porsche....
Ritratto di Arreis88
24 febbraio 2018 - 19:28
Urca, che brutta notizia per tutte quelle facce di bronzo che avevano in programma di mangiare pane e cipolla a pranzo e cena pur di poter andare in giro con un Suv Porsche. Maledizione ai motori a benzina e a quanto consumano......
Pagine