NEWS

La Porsche nel 2030 diventerà carbon neutral

Pubblicato 19 marzo 2021

La Porsche annuncia i risultati economici del 2020 e dichiara che entro il 2030 l’80% della gamma sarà composto da elettriche. 

La Porsche nel 2030 diventerà carbon neutral

ESSERE NEUTRALE - La Porsche continua con il suo programma green, ponendosi ambiziosi obiettivi per il futuro. La casa tedesca, durante la conferenza stampa annuale, ha infatti comunicato che entro il 2030 ha come obiettivo quello di diventare “carbon neutral”, ossia di avere un bilancio di zero emissioni di CO2 in tutta la catena del valore. 

TUTTI IN RIGA - Obiettivo che la Porsche intende raggiungere utilizzando energie rinnovabili e biogas nelle sue fabbriche (gli impianti di Zuffenhausen e Lipsia sono già CO2-neutral), ed esigendo a tutta la propria catena di fornitori di minimizzare le emissioni. Ad esempio, tutti i fornitori di celle per le batterie agli ioni di litio, dovranno effettuare la loro produzione esclusivamente con energie sostenibili. Nei prossimi dieci anni, la Porsche investirà più di un miliardo di euro a livello globale in turbine eoliche, energia solare e altre forme di rinnovabili. Parlando di prodotti, il ceo della casa tedesca Oliver Blume (nella foto sopra) ha dichiarato che la Taycan Cross Turismo sarà il primo veicolo CO2-neutral durante tutto il suo ciclo di vita.

L’ELETTRIFICAZIONE DELLA GAMMA - Contribuiranno in maniera determinante ad abbassare l’impronta ecologica del costruttore l’elettrificazione della gamma. La Porsche infatti ha dichiarato che entro il 2025, la metà delle consegne globali dovrà essere totalmente elettrica, quota che salirà all'80% nel 2030. Attualmente la gamma elettrica della casa è composta dalla berlina sportiva Taycan e dalla variante station wagon Taycan Cross Turismo. Ad esse si aggiungerà il prossimo anno la suv Macan, sviluppata sulla piattaforma PPE condivisa con l’Audi.

OLTRE 4 MILIARDI DI UTILI - Quello che si è appena concluso è stato un anno molto positivo per la Porsche, nonostante la pandemia. Il costruttore ha infatti stabilito un nuovo record di ricavi, che hanno toccato i 28,7 miliardi di euro, 100 milioni in più rispetto all’anno precedente. L’utile operativo è stato di 4,4 miliardi. Ottimo anche il margine operativo, che è risultato essere del 14,6%. In totale, la Porsche ha consegnato più di 272.000 auto ai clienti in tutto il mondo, un risultato che è inferiore al 3% rispetto all’anno precedente. 

I MODELLI PIÙ VENDUTI - Per quanto riguarda le performance dei singoli modelli, nel 2020 sono state consegnate un totale di 20.015 Taycan. Il modello più venduto è stata la suv Cayenne, che ha registrato una crescita dell’1%, toccando quota 92.860 unità e superando la Macan, ferma a 78.124 esemplari (in calo del 22%). Ha registrato un brusco calo anche la berlina sportiva Panamera, con un -23% e 25.051 unità vendute. La famiglia delle sportive ha visto 34.328 Porsche 911 consegnate (-1%) e 21.784 di 718 (+6%).

I MERCATI - La Cina rimane il mercato più importante: la Porsche ha infatti consegnato 88.968 veicoli nel 2020, in aumento del tre per cento rispetto al 2019. Anche le regioni Asia-Pacifico, Medio Oriente e Africa hanno continuato a mostrare una crescita positiva, con 121.641 veicoli consegnati nel 2020 e registrando un aumento del quattro per cento rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente. In Europa la casa ha consegnato 80.892 veicoli e 69.629 in America.

Porsche Cayenne
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
50
28
25
28
60
VOTO MEDIO
2,9
2.89529
191




Aggiungi un commento
Ritratto di DigitalHunter
19 marzo 2021 - 20:20
Ragazzi, io vi voglio bene, ma ho appena partecipato alla sagra della virgola tra soggetto e verbo... Dai...
Ritratto di Lucawroom
19 marzo 2021 - 20:39
90 aziende chiedono a Bruxelles l’ok per il blending di idrogeno e gas. Notizia di oggi!
Ritratto di -katayama-
19 marzo 2021 - 22:30
Piano Morgenthau 2.0 in salsa CO2.
Ritratto di 19andrea81
19 marzo 2021 - 23:20
Il vero problema e che le EV non saranno mai a buon prezzo. Le macchine con il motore termico sono a giro da più di 100 anni e ora si spendono sui 25k per una media 1.0l. La tecnologia delle batterie e solo al inizio, tradotto vuol dire che ogni anno avremo batterie sempre meglio però sempre più care
Ritratto di Check_mate
20 marzo 2021 - 09:22
1
Ma è la stessa cosa che succede con il termico, gli accorgimenti meccanici adottati solo nell'ultimo ventennio si sprecano. Quindi il problema non è il costo in sé, agli albori anche una termica aveva costi proibitivi. Il problema è la massificazione della tecnologia, una volta sviluppato il mercato i prezzi si abbassano inesorabilmente.
Ritratto di 19andrea81
20 marzo 2021 - 09:59
Allora secondo te una Hyundai Kona EV che ora costa 40.000€ ora tra 10-15 anni costerà 20-25.000€? Secondo me costerà 45.000€ e gli stipendi saranno 10% in più rispetto ad ora
Ritratto di Mbutu
20 marzo 2021 - 10:28
Le batterie di 10 anni fa erano peggiori e costavano di più.
Ritratto di DigitalHunter
20 marzo 2021 - 10:29
Che il prezzo si dimezzi è difficile, ma non impossibile. Comunque ti sei dato una prospettiva temporale abbastanza lunga, è più facile dirlo da qui a 5 anni, che da qui a 15 anni perché il mercato elettrico è in divenire. Proposte economicamente interessanti cominciano ad esserci, il tempo che la maggior parte delle case auto avrà inserito modelli elettrici in gamma ed assisteremo al fisiologico riassestamento dei prezzi. Difficile che una model 3 arrivi a 35 mila euro, ma è probabile che una media come la e208 non costi più 36-37k, ma una decina in meno.
Ritratto di 19andrea81
20 marzo 2021 - 19:23
Tutto quello che ho letto ultimamente sulle batterie a litio non parla altro che e una tecnologia quasi a fine strada con pochi margini di miglioramento. Per non parlare della scarsità del litio. Tutto questo fa capire che se non ci sono novità,un altra tecnologia,altri materiali,i prezzi delle batterie saranno sempre più alti.
Ritratto di Andre_a
20 marzo 2021 - 12:10
9
@19andrea81: le case automobilistiche sembrano molto restie ad abbassare i prezzi, quindi anch'io penso che la Kona elettrica del 2030 costerà più di quella attuale, ma credo anche che la Kona a benzina, se ci sarà, costerà ancora di più.
Pagine