NEWS

Porsche Taycan: nuovi dettagli sulla berlina elettrica

15 ottobre 2018

Più corta della Panamera, l'elettrica Porsche Taycan arriverà entro fine 2019 per sfidare la Tesla Model S.

Porsche Taycan: nuovi dettagli sulla berlina elettrica

LAVORI IN CORSO - È in programma a settembre 2019, in occasione del Salone di Francoforte, l'esordio della berlina grande Porsche Taycan, una quattro porte sportiva che verrà ricordata come la prima auto a batterie della casa tedesca. In vista di quel momento la Porsche sta lavorando per adattare lo stabilimento tedesco di Zuffenhausen, lo stesso in cui è prodotta la 911, dove in questo periodo sono costruiti i duecento esemplari di test che verranno poi guidati su strada. Gli investimenti per la fabbrica di Zuffenhausen rientrano all'interno di un ambizioso piano annunciato lo scorso febbraio, quando il numero uno Oliver Blume disse che la casa tedesca avrebbe speso 6 miliardi di euro nei prossimi anni con l'obiettivo di sviluppare motori ibridi ed elettrici, assumere 1.200 nuovi dipendenti, aggiornare le fabbriche e sviluppare una rete per la ricarica delle batterie. L'obiettivo è vendere per il 2025 almeno una Porsche su due con motore ibrido o elettrico.

PIATTAFORMA SPECIFICA - Il primo di questi modelli sarà proprio la Porsche Taycan, che dovrebbe avere un obiettivo di in 20-25.000 esemplari l'anno. Il nuovo modello avrà linee molto simili alla proposta di stile Porsche Mission E, a sua volta ispirate alla sportiva 911: troveremo quindi un cofano anteriore piuttosto raccolto, il tetto basso, parabrezza e lunotto molto inclinati e una striscia di led ad unire i fanali posteriori. L'impressione sarà di una vettura grintosa e accattivante, complice la larghezza di quasi 200 cm, mentre la lunghezza di circa 485 cm dovrebbe essere inferiore di 20 cm alla Porsche Panamera. La Porsche Taycan sarà più corta della Tesla Model S (misura 498 cm), l'unica altra berlina grande a zero emissioni oggi in vendita e rivale principale della Taycan la cui piattaforma si chiama J1 ed è specifica per auto elettriche, quindi le batterie si trovano sotto il pavimento, in posizione ideale per migliorare la guidabilità e rendere l'auto meglio bilanciata fra le curve. La parte posteriore del telaio può essere modificata a seconda dell'auto, in maniera da accogliere batterie più o meno capaci. I materiali utilizzati sono acciai ad alta resistenza, alluminio e fibra di carbonio, tutti leggeri per contenere i pesi.

FINO A 612 CV - Il “cuore” della Porsche Taycan saranno i due motori elettrici di tipo sincrono, ispirati a quelli della Porsche 919 Hybrid vincitrice della 24 Ore di Le Mans. Per i collaudatori non sarà facile replicare il comportamento su strada delle Porsche a benzina, ma questo è il loro intento e per raggiungerlo metteranno a punto un raffinato sistema di torque vectoring, che sfrutta l'elettronica per indirizzare la giusta quantità di potenza verso la ruota esterna alla curva (quella con più aderenza). La potenza dei motori non è ancora nota ma ci dovrebbero essere varie versioni tra i 300 e i 450 kW  (408-612 CV) ricalcando la gamma della Tesla Model S. La trazione sarà integrale vista la presenza di un motore per ogni asse. La Porsche Taycan più potente dovrebbe scattare da 0 a 100 km/h in circa 3,5 secondi e superare i 200 km/h. 

POTENZA DI RICARICA - La Porsche è consapevole che il successo di un’auto elettrica con batterie così capienti, tanto da garantire l'autonomia di circa 500 km, non può prescindere dalla presenza di una rete di ricarica sul territorio. È proprio questo, infatti, uno dei motivi principali del successo della Tesla, che può contare sulla capillare rete dei Supercarger. Per questo ha in progetto di realizzare 400 stazioni di ricarica dedicate con colonnine con potenza fino a 350 kW in tutta Europa e 300 negli Usa. Con queste potenze le batterie da 800 Volt della Porsche Taycan possono essere ricaricate a grande velocità: in soli 4 minuti si ottiene un’autonomia di 100 km. La rete di ricarica potrà contare anche su colonnine di terzi, con i quali la Porsche farà accordi gestendo in prima persona la fatturazione al cliente, che così avrà un solo interlocutore per i pagamenti.

Porsche Taycan
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
20
7
6
2
6
VOTO MEDIO
3,8
3.80488
41


Aggiungi un commento
Ritratto di Jumputer
16 ottobre 2018 - 06:21
Non è la scelta del motore la chiave. Chi "vince" in questa gara è chi possiede la tecnologia delle battere. E qui gli europei sono rimasti al palo. Non è il problema delle 20000 porsche e l'industria automobilistica europea contro il resto del mondo. Arrocati su vecchie tecnologie. Vendono ancora i tedeschi ma "nebuloso è il suo futuro". Hanno messo tante Porsche in fila sulla foto. Sembra che le stiano già producendo ma ci vorrà almeno ancora 1 anno per poterla comprare. Provano a creare l'attesa come per la model 3 ma sono arrivati "secondi" anche qui, Due anni fa di Model 3 , senza foto, ne hanno prenotate centinaia di migliaia e ne stanno facendo 23.000 al mese... Non è una porshe ma non è neanche una Panda da 9000 euro. La Model s in germania vende più di MB classe S e BMw 7. Tesla debiti o non debiti vende tutta la produzione e se la raddoppiasse raddoppierebbe le vendite... E' solo questione di tempo. Quando il primo cliente uscirà soddisfatto dal conc. con una delle porshe in fila nella foto di tesla S in giro per il mondo ce ne saranno più di 300000. Quest'anno 2018 di Tesla S ne produrranno 50.000. Stiamo parlando di auto nella fascia di prezzo di porsche non di Panda.
Ritratto di pierfra.delsignore
16 ottobre 2018 - 14:12
Il posizionamento delle batterie è obbligato ed ottimo, ogni altro tentativo la T di Mercedes, posizionarle al retrotreno come nelle prime elettriche sbilancia troppo l'handling della vettura. Non penso che si assimileranno le vetture, anzi con l'elettrico puoi avere sportività a basso costo, rumore a parte, avendola guidata trovo la Model S una vettura eccezionale, ho avuto la fortuna di guidare la P90D da 700 cv, niente da invidiare a Quattroporte S, M5 e Classe S AMG. Non penso che la Porsche sarà da meno e ci sarà da divertirsi.. Spero che questa competizione, permetta degli usati a prezzi ragionevoli, se le berilinone sportive ad endotermico sono accessibili solo per acquisto, ma poi hanno costi di gestione insostenibili, per le elettriche la musica cambia.
Ritratto di Fr4ncesco
15 ottobre 2018 - 17:14
2
Tra l'altro rileggendo l'articolo "La Porsche Taycan più potente dovrebbe scattare da 0 a 100 km/h in circa 3,5 secondi e superare i 200 km/h", alla faccia, mi sembra di essere tornato nel 1947. Cioè una volta i 200 li ho superati con una misera Mito. Dovrebbe essere umiliante poi sull'autobahn farsi sfanalare pure da una Corsa GSi.
Ritratto di Fr4ncesco
15 ottobre 2018 - 17:27
2
E aggiungo. La Tesla Model S più potente ha 10CV in meno ed un po' più grande e lo 0-100 lo compie in 2,7" ed ha una velocità autolimitata a 250km/h (autolimitazione da M, AMG, Audi Sport) più un'autonomia di 113km maggiore.
Ritratto di ziobell0
15 ottobre 2018 - 17:51
'cesco, sempre bello leggere i tuoi commenti da 16enne. Torna sulla fiesta...
Ritratto di Fr4ncesco
15 ottobre 2018 - 19:03
2
:D
Ritratto di Santhiago
15 ottobre 2018 - 18:21
Beh obiettivamente se le auto elettriche si mette a farle anche chi sa fare grandi auto da sempre, Tesla potrebbe conoscere la via del tramonto ancora prima di esser riuscita a fare un dollari di utile. Allora sì che ci sarà davvero un delisting...
Ritratto di Zot27
15 ottobre 2018 - 19:20
Sicuro, come no. Infatti le caratteristiche millantate ora, come dice giustamente Fr4ncesco, saranno fra un anno, quando Tesla avrà migliorato ulteriormente le proprie
Ritratto di Giuliopedrali
15 ottobre 2018 - 19:28
Be Tesla ha già superato le 100.000 unità e la Model3 è davvero un enorme successo, cioè con l'elettrico possono aver successo anche le start-up, (Tesla, BYD, Byton, Nio ecc) sono i marchi tradizionali, pure Porsche o Mercedes che iniziano a tremare, poi alla fine chi ha più esperienza nell'elettrico, chiaro le start-up.
Ritratto di pierfra.delsignore
16 ottobre 2018 - 14:16
La partita guarda che è apertissima e io punterei piu sulle case tradizionali, Tesla ha aperto la strada ed ha ancora grandi capitali, ma background di decine di anni, conta eccome, l'auto non è solo motore e batterie ed un tablet, ma anche appeal del marchio, rete di vendita, di riparazione, handling, piacere di guida, abitudine ai processi produttivi, di testing etc. etc.
Pagine