NEWS

Prime foto spia per la Hyundai i20

5 agosto 2013

La seconda generazione della utilitaria coreana dovrebbe arrivare entro la fine del 2014.

Prime foto spia per la Hyundai i20
PRIMA LA i10, POI LA i20 - La Hyundai è a lavoro sulle “piccole” di casa: la citycar i10 farà il suo debutto al salone di Francoforte, la berlina a 5 porte Hyundai i20 dovrebbe invece essere presentata non prima della fine del 2014 per essere in vendita forse a inizio 2015. Nata nel 2009 e aggiornata nel maggio dello scorso anno, la i20 è impegnata nei primi collaudi stradali in Germania dove è stata “pizzicata” dai fotografi di Carscoops nei pressi del centro tecnico della casa a Francoforte dove, presumibilmente, viene sviluppata. 
 
PIÙ BERLINA - La Hyundai i20, erede della Getz e terza Hyundai ad adottare la nomenclatura alfanumerica che ha sancito un vero e proprio cambio di rotta, è ovviamente ancora pesantemente camuffata. Ampi teli di plastica nera nascondono frontale, coda e fiancata della vettura che dovrebbe comunque distinguersi per un profilo più slanciato (da notare il terzo finestrino laterale dall’andamento meno verticale) e uno stile maggiormente personale e sportivo. Insomma, le proporzioni la rendono un po' meno stretta e alta e un po' più bassa e larga. La Hyundai i20 dovrebbe nascere su di un’inedita piattaforma e adottare una gamma motori composta da piccoli diesel e benzina.
Aggiungi un commento
Ritratto di MAXTONE
5 agosto 2013 - 16:39
Tipo gli USA,principale mercato da sempre per le asiatiche, luglio 2013: Gruppo Toyota (del quale non me ne puo'fregar di meno perche'sono biemmevuista e da sempre) ma è pur sempre rivale principale di Hyundai/Kia: 193,400 unita' per toyota, 141,440 Honda mentre Hyundai ha fatto 66,005 unità e Kia 49,004, cioè a momenti anche prese insieme vendono la metà di Toyota e ancora molto ma molto meno di Honda. Magari cresceranno meglio sui mercati emergenti ma il problema è che anche le nipponiche crescono a rotta di collo li', se poi vuoi dire che faranno barba e capelli alla fiat vabbe'...spariamo sulla croce rossa.
Ritratto di Franchigno
6 agosto 2013 - 10:19
Non è questione di sparare sulla croce rossa ma di essere obiettivi.Non puoi paragonarla come linea, oltretutto camuffata, alla Fiat Ritmo.Dove vedi che assomiglia?forse nelle ruote?in effetti anche esse sono rotonde.
Ritratto di MAXTONE
7 agosto 2013 - 14:01
Nella finestratura laterale, il finestrino posteriore è praticamente identico col finto deflettore triangolare disegnato alla stessa maniera...insomma, disegnare in quel modo le finestrature è un vezzo stilistico anni 80, un po'demode'oggi o forse troppo in anticipo sui tempi in quanto siamo ancora in pieno revival dei 60, per quello degli anni 80 forse dovremo aspettare ancora 20 anni.
Ritratto di Valerio Ricciardi
6 agosto 2013 - 13:12
tallonata dal gruppo VW; la Hiundai/Kia è passata dal nono al quarto posto in sette anni. Non è tanto lo spazio che vanno conquistandosi le sudcoreane a doverci preoccupare, quanto l'inarrestabile declino del gruppo Fiat sui mercati europei. che sembra volere in prospettiva abbandonare al suo destino in favore dei grandi "numeri" che fa in Sudamerica e pian piano anche negli USA limitatamente a 500 e Alfa.
Ritratto di MAXTONE
7 agosto 2013 - 14:08
Bensì da GM: Gli ultimissimi dati del 29 luglio 2013 relativi al primo semestre parlano di 4,911 milioni di auto per Toyota, 4,85 per GM e 4,7 per VW.
Ritratto di Valerio Ricciardi
7 agosto 2013 - 20:32
in cui il primo può fluttuare a seconda di variazioni di mercato minime.
Ritratto di MatteFonta92
5 agosto 2013 - 17:33
3
Dalle proporzioni sembra piuttosto graziosa... speriamo bene, il modello attuale esteticamente non è granché, pur essendo qualitativamente un'ottima auto, offerta con una dotazione completissima ad un prezzo davvero concorrenziale. Sono molto curioso anche per la i10, l'auto che andrà a sfidare il duo Panda/up!
Ritratto di DanieleVTS
12 agosto 2013 - 18:36
3
Avanti così Hyundai, se solo ci si fermasse a pensare per un momento che poco più di una decina di anni fa Hyundai (parallelamente ai cugini di Kia) produceva auto come la Atos Prime, la Accent e via dicendo, quasi non si riuscirebbe a credere alla gamma di oggi.
Pagine