NEWS

Prosegue la riattivazione dei Tutor

Pubblicato 19 giugno 2019

Vengono installati i nuovi Tutor (Sicve PM) su altre tratte autostradali, dopo la sentenza del 2018 che aveva dichiarato illegittimi i precedenti (Sicve).

Prosegue la riattivazione dei Tutor

UN CONTENZIOSO LUNGO - La sentenza 120/2019 del Tribunale delle imprese di Roma aveva stabilito che Autostrade per l’Italia non è proprietaria del  software del Tutor (Sicve), il  sistema per la misurazione della velocità media dei veicoli. I giudici si erano quindi pronunciati sul contenzioso che si protrae da 12 anni in materia di proprietà intellettuale del sistema che rileva la velocità media delle auto. Già il 10 aprile 2018 la Corte d’appello di Roma aveva accertato la contraffazione del brevetto del sistema da parte di Autostrade per l’Italia ai danni della piccola azienda toscana Craft, ordinando la distruzione di tutte le attrezzature esistenti gestite da Autostrade costituenti violazione del brevetto (qui la news). 

LE NUOVE TRATTE - Autostrade non ha mai ammesso di aver contraffatto il dispositivo e ha parzialmente risolto la questione introducendo il SICVe PM, una sorta di evoluzione del Tutor. La riattivazione dei dispositivi è quindi avvenuta sostituendo al sistema Sicve il SICVe PM. A dicembre 2018 il nuovo Tutor era in funzione su 31 tratti autostradali, per complessivi 290 km. Attualmente i tratti autostradali su cui è attivo il Tutor sono arrivati a 37. Tra i nuovi tratti possiamo annoverare quelli sulla strada provinciale 335 di Marcianise in provincia di Caserta, attivi su ambedue i sensi di marcia, e quello sul tratto bergamasco dell’A4 nel tratto tra i caselli di Dalmine e Cavenago-Cambiago in direzione di Milano (quest’ultimo sarà attivato a fine giugno).

LE TRATTE GIÀ NOTE - Tra le postazioni che erano sono state oggetto di riattivazione possiamo ricordare  i tratti autostradali dell’A7 Milano-Genova e dell’A26 Voltri-Gravellona Toce, quelli che ad agosto sono stati messi sotto stress dal crollo del Ponte Moranti e dalla conseguente deviazione del traffico. Nello specifico, sull'A7 Milano-Genova sono stati attivati i portali di due tratte consecutive della carreggiata nord: Busalla-Ronco Scrivia e Ronco Scrivia-Isola del Cantone. Gli altri portali rinforzano la copertura nel tratto romagnolo dell'A14; i controlli sono tornati in direzione nord tra Forlì e Faenza e da quest’ultima all'allaccio della diramazione per Ravenna.

CI RISIAMO? - Lo scenario sull’utilizzo del Tutor da parte di Autostrade per l’Italia è tutt’altro che definito. Infatti, dietro la richiesta di chiarezza al Ministero da parte della Craft, c’è la possibilità che anche il SICVe PM venga ritenuto illegittimo.

I tratti autostradali sui quali è attivo il Tutor:

https://www.poliziadistato.it/articolo/51

https://www.poliziadistato.it/statics/35/elenco-tratti-controllati-tutor-sicve-pm-08.02.2019.pdf





Aggiungi un commento
Ritratto di Pavogear
19 giugno 2019 - 20:28
Sono completamente d'accordo con te, ma purtroppo in questo modo è più facile rubare soldi e i soliti pecoroni si sentono al sicuro e "protetti"
Ritratto di federico p
20 giugno 2019 - 09:58
2
Sempre con questa fissa della Germania ma andate a vivere la e non rompete più. Perché dovete obbligare tutti a consumare più carburante? Se io vado su un autostrada a 130 in corsia centrale anche se a dx è libera avete sempre la corsia di sx per prendere le multe o avere il vostro momento di gloria a sorpassare uno che va tranquillo per i fatti suoi. Ma poi se uno viaggia a sx e la corsia di centro è libera sorpassare al centro prima una lampeggiata e poi si sorpassa e pure più divertente andare a zig Zag che mettersi su un unica fila ed andare a 180-200.
Ritratto di Pavogear
20 giugno 2019 - 10:11
Io a vivere in Germania non ci vado, a meno che non mi offrano un bel lavoro ma per quello devo aspettare. Per ora sto molto meglio in Italia, grazie. Secondo: tra andare a 150km/h e andare a 130km/h non cambia molto nel consumo di carburante se non hai una citycar di 10 anni fa che è già vicina al limitatore a quelle velocità. Punto terzo: non tutte le autostrade hanno 3 corsie, tante ne hanno due e in ogni caso esistono le corsie proprio perché quando uno deve sorpassare si mette in quella più a sinistra, altrimenti sta a destra. Poi non ci vedo nulla di male ad andare un po' più forte degli altri, se poi te hai caro che io prenda la multa quello è un problema tuo. Inoltre non lo considero un "momento di gloria", quelli sono ben altri, semplicemente la mia velocità di crociera è più alta di 130, punto e stop. Poi se per te andare a zig zag in autostrada, rendendosi pericolosi, è divertente, significa che tu, pur andando a 130, sei molto più pericoloso di me. Con questo spero di essere stato esauriente
Ritratto di Ivan92
20 giugno 2019 - 10:33
8
@Pavogear credo che il simpatico federico p sia ironico, non c'è altra spiegazione logica al: "è divertente fare zig-zag in autostrada" e al "me ne sto sulla corsia centrale anche se la corsia destra è libera".
Ritratto di Pavogear
20 giugno 2019 - 10:36
Lo spero veramente che sia ironico, certe affermazioni fanno rabbrividire
Ritratto di Alfa1967
20 giugno 2019 - 14:08
Hai ragione. Chi percorre pochi km in autostrada non capisce le esigenze di chi e' sempre in strada. 130km h e' un limite ridicolo per le auto attuali. E' pazzesco che tale velocita' debba essere rispettata da una smart e da una Ferrari. E parlano di sicurezza?
Ritratto di Ivan92
20 giugno 2019 - 10:23
8
Ma che stai dicendo? Uno se vuole andare tranquillo (anche in Germania) lo può fare benissimo, nessuno ti impedisce di andare anche a 110 km/h, basta che usi la corsia più libera a destra, è la legge che ti obbliga a stare sulla destra, non io. Il limite di velocità invece è soltanto la velocità massima che si può raggiungere, mica è obbligato tenerla. Infine rabbrividisco nel leggere la tua giustificazione per gli asini che se ne stanno in corsia centrale o di sorpasso senza motivo, se eri ironico va bene, se invece eri serio ti consiglio di buttare via la patente e ricominciare tutto da capo.
Ritratto di deutsch
20 giugno 2019 - 11:07
4
La stessa legge che obbliga ad utilizzare la corsia a destra più libera obbliga a non superare i 130, ad usa la freccia e mantenere la distanza di sicurezza. Valgono tutte le regole non solo quelle che ci fanno comodo.
Ritratto di Pavogear
20 giugno 2019 - 11:17
@deutsch ma infatti queste regole sono utilissime e sacrosante: utilizzare le frecce, se lo facessero tutti, aiuterebbe un sacco a diminuire il rischio di incidenti anche nel traffico cittadino quando ci si muove a 20km/h a dire tanto, e mantenere le distanze di sicurezza pure, e infatti mantengo sempre le distanze, e quando corro oltre i 130 in autostrada mi assicuro sempre di avere ancora più distanza dalla macchina che ho davanti e di sicuro non mi metto a fare i 160 attaccato al retrotreno dell' auto che mi procede. Questo tanto per dire che adottando qualche misura di sicurezza in più si possono evitare inutili rischi a prescindere dalla velocità a cui si viaggia
Ritratto di Ivan92
20 giugno 2019 - 11:23
8
@deutsch, appunto, visto che valgono tutte perchè viene sanzionata e criminalizzata solo la velocità mentre tutte le altre regole si possono comodamente infrangere senza conseguenze?
Pagine