NEWS

Prosegue la riattivazione dei Tutor

Pubblicato 19 giugno 2019

Vengono installati i nuovi Tutor (Sicve PM) su altre tratte autostradali, dopo la sentenza del 2018 che aveva dichiarato illegittimi i precedenti (Sicve).

Prosegue la riattivazione dei Tutor

UN CONTENZIOSO LUNGO - La sentenza 120/2019 del Tribunale delle imprese di Roma aveva stabilito che Autostrade per l’Italia non è proprietaria del  software del Tutor (Sicve), il  sistema per la misurazione della velocità media dei veicoli. I giudici si erano quindi pronunciati sul contenzioso che si protrae da 12 anni in materia di proprietà intellettuale del sistema che rileva la velocità media delle auto. Già il 10 aprile 2018 la Corte d’appello di Roma aveva accertato la contraffazione del brevetto del sistema da parte di Autostrade per l’Italia ai danni della piccola azienda toscana Craft, ordinando la distruzione di tutte le attrezzature esistenti gestite da Autostrade costituenti violazione del brevetto (qui la news). 

LE NUOVE TRATTE - Autostrade non ha mai ammesso di aver contraffatto il dispositivo e ha parzialmente risolto la questione introducendo il SICVe PM, una sorta di evoluzione del Tutor. La riattivazione dei dispositivi è quindi avvenuta sostituendo al sistema Sicve il SICVe PM. A dicembre 2018 il nuovo Tutor era in funzione su 31 tratti autostradali, per complessivi 290 km. Attualmente i tratti autostradali su cui è attivo il Tutor sono arrivati a 37. Tra i nuovi tratti possiamo annoverare quelli sulla strada provinciale 335 di Marcianise in provincia di Caserta, attivi su ambedue i sensi di marcia, e quello sul tratto bergamasco dell’A4 nel tratto tra i caselli di Dalmine e Cavenago-Cambiago in direzione di Milano (quest’ultimo sarà attivato a fine giugno).

LE TRATTE GIÀ NOTE - Tra le postazioni che erano sono state oggetto di riattivazione possiamo ricordare  i tratti autostradali dell’A7 Milano-Genova e dell’A26 Voltri-Gravellona Toce, quelli che ad agosto sono stati messi sotto stress dal crollo del Ponte Moranti e dalla conseguente deviazione del traffico. Nello specifico, sull'A7 Milano-Genova sono stati attivati i portali di due tratte consecutive della carreggiata nord: Busalla-Ronco Scrivia e Ronco Scrivia-Isola del Cantone. Gli altri portali rinforzano la copertura nel tratto romagnolo dell'A14; i controlli sono tornati in direzione nord tra Forlì e Faenza e da quest’ultima all'allaccio della diramazione per Ravenna.

CI RISIAMO? - Lo scenario sull’utilizzo del Tutor da parte di Autostrade per l’Italia è tutt’altro che definito. Infatti, dietro la richiesta di chiarezza al Ministero da parte della Craft, c’è la possibilità che anche il SICVe PM venga ritenuto illegittimo.

I tratti autostradali sui quali è attivo il Tutor:

https://www.poliziadistato.it/articolo/51

https://www.poliziadistato.it/statics/35/elenco-tratti-controllati-tutor-sicve-pm-08.02.2019.pdf





Aggiungi un commento
Ritratto di deutsch
21 giugno 2019 - 14:39
4
Premetto che su quella strada non ci sono autovelox. Non spetta al prima autodecidere che il limite non va bene senno ogni legge sarebbe priva di efficacia. Fino a che non viene cambiato si rispetta. Lo so il mio è un approccio un tedesco alle regole mentre il tuo è piu Mediterraneo
Ritratto di Pavogear
21 giugno 2019 - 14:52
Si ma se paradossalmente da domani mettessero il limite di velocità a 180 (lo gigantizzo a caso per rendere il concetto), tu diresti che è legale andare a 180 in quel tratto dove fino ad oggi il limite è 80 e non avresti nulla contro chi fa quella andatura, anche se magari te continui a fare gli 80. Il punto è questo: oggi è illegale fare i 180, domani sarà legale, ma è cambiata la sicurezza per chi fa i 180? Secondo il tuo ragionamento sul rispetto della legge, che in linea puramente teorica è giusto, da domani non dovresti sentirti preoccupato per la tua incolumità per il fatto che ci sarà gente che andrà a velocità elevate perché se c'è scritto che si possono fare un motivo ci deve essere. Allora perché essere preoccupati oggi da chi fa queste velocità? Probabilmente è come dici te che la differenza sta nell' approccio, però quello che cerco di rendere è che la legge non è infallibile e che non è detto che se c' è un limite allora è giusto. Poi è chiaro che sono nel torto nel momento in cui lo supero, ma questo non significa che io crei un maggior pericolo per gli altri utenti se presto attenzione a ciò che faccio
Ritratto di deutsch
21 giugno 2019 - 15:51
4
sarebbe la prima volta che sento qualcuno lamentarsi del limite di velocità troppo alto. se una determinata velocità è consentita vuol dire che ci sono tutti i requisiti di siceurezza necessari
Ritratto di Pavogear
21 giugno 2019 - 16:03
Paradossalmente no: le autostrade possono essere sicure per velocità più elevate eppure non alzano i limiti, di contro è assurdo come dalle mie parti la superstrada da Rovigo a Verona, meglio nota come transpolesana, è piena di buche eppure il limite massimo continua ad essere 110 anche se, ad essere sinceri, nei tratti più brutti ci vuole coraggio a tenerli. Ecco, io trovo assurda questa cosa, una differenza di soli 20 chilometri all'ora tra due strade completamente diverse per stato di mantenimento, ingressi, numero di corsie
Ritratto di Thunder1
21 giugno 2019 - 05:49
1
mbutu ma te non eri quello che odia la guida e che preferirebbe fare l'amore con la moglie mentre viaggia in auto piuttosto che guidarla? Tutti uguali i toyotari ibridi, pieni di frustrazioni perché non riescono a provare piacere nella guida e rosicano degli altri che invece hanno fatto delle scelte più gratificanti.
Ritratto di Alfa1967
20 giugno 2019 - 14:17
i limiti cosi' bassi sono messi solo per fare cassa soprattutto in Svizzera e Austria dopo il pedaggio costa poco. In Italia e' assurdo 130km h su tratte tipo A26 A28 24ore A1 Milano Bologna A4 Milano Padova soprattutto di notte. Perche' la Polizia non controlla con auto civetta chi non rispetta le distanze di sicurezza,chi invade la tua marcia provendo da destra o chi parla al cellulare senza vivavoce ? Perche' non hanno voglia di lavorare ed e' piu' semplice girare in prima corsia con la gazzella a 120km h come se fossero in gita premio.
Ritratto di Thunder1
21 giugno 2019 - 05:59
1
Trovo quasi comico vedere come i paladini del codice della strada siano agguerriti nei confronti di Pavogear e ivan92 soltanto perché dicono di andare un po' sopra i limiti mentre non hanno speso neanche mezza parola per condannare quel ritardato di federico p che si diverte ad andare a zig zag in autostrada e abusa della corsia centrale e di sorpasso quando quella destra è libera.
Ritratto di Lo Stregone
24 giugno 2019 - 11:24
C'è sempre da imparare, leggendo i commenti altrui.
Pagine