NEWS

In prova: sei piccole crossover per mille occasioni

15 marzo 2018

Hanno il look alla moda delle grandi suv, ma due sole ruote motrici e piccoli motori turbo a benzina: ecco come vanno le piccole crossover del momento. 

In prova: sei piccole crossover per mille occasioni

LE AUTO DEL MOMENTO - Non è un caso che suv e crossover siano attualmente così gettonate: in Italia, un automobilista su tre sceglie una vettura di questo tipo. La loro categoria si è progressivamente allargata verso il basso, fino a includere modelli di piccola taglia che, grazie anche a ingombri da utilitaria, rappresentano la sintesi della versatilità. Nel look sportivo e avventuroso (frontale imponente, carrozzeria con muscoli in bella evidenza, un’adeguata altezza da terra) fanno il verso alle sorelle maggiori: ne sono un esempio le crossover compatte a confronto in questo supertest. La trazione solo anteriore le distingue dalle suv più agguerrite, ma grazie a pimpanti motori sovralimentati, alle ridotte dimensioni, a pneumatici di generosa sezione, alla struttura solida della carrozzeria e all’equipaggiamento degno di vetture di categoria superiore, sono a proprio agio in città come nei lunghi viaggi, oltre a essere in grado di affrontare un moderato fuori strada. 

SIMILI PER MOLTI ASPETTI - Per conoscerle meglio, abbiamo messo a confronto un paio di collaudate “veterane” (ma recentemente aggiornate), la Peugeot 2008 e la Renault Captur, con quattro novità: l’originale Citroën C3 Aircross (cugina della 2008, della quale adotta motore e cambio); la spigolosa spagnola Seat Arona, realizzata sulla piattaforma della Ibiza; e due coreane che condividono la stessa meccanica, la Hyundai Kona e la Kia Stonic. In sostanza, sei vetture simili nelle dimensioni (fra i 412 cm della Captur e i 417 della Kona) e nei motori a tre cilindri (l’unico quattro in linea è quello della Renault) da 1 a 1,2 litri, con potenze fra i 110 e i 120 CV, abbinati a cambi manuali (a cinque marce per la C3 e la 2008, a sei per le altre).

NELLA GUIDA PRIMEGGIA LA SPAGNOLA - Le crossover di questo supertest sono caratterizzate da buone qualità dinamiche ma, nelle prove in pista, se la sono giocata la Seat e le due coreane. L’agilità e il notevole bilanciamento hanno reso vincente la crossover spagnola in maneggevolezza: con l’Arona si arriva facilmente al limite, e lo si gestisce al meglio grazie a un Esp impeccabile. Nonostante lo sterzo non prontissimo, la Kona ha svettato in fatto di tenuta laterale grazie all’assetto “piatto” (buono il controllo delle sospensioni) e ai grandi pneumatici di 18”. Brillante anche la Stonic, nonostante un sottosterzo più marcato. In coda, la C3 Aircross, la 2008 e la Captur, penalizzate anche dalla minore aderenza delle gomme M+S di serie. Fra le tre, la Peugeot è la più agile e leggera, ma anche la più precisa, mentre la Citroen e la Renault devono fare i conti con una maggiore altezza da terra e con sospensioni più “ciondolanti”.

LA PEUGEOT VA COME UN DIESEL - Raramente nei nostri test rileviamo valori così vicini fra le varie rivali. In velocità di punta, la differenza fra la migliore (la Kia) e la peggiore (la Citroën) è inferiore ai 7 km/h, mentre nell’accelerazione 0-100 km/h s’impone la Seat (ma la Hyundai non è distante). In coda la C3 Aircross, penalizzata anche dalle gomme M+S di serie. L’Arona diventa il fanalino di coda in ripresa, penalizzata dai rapporti molto lunghi, mentre eccelle la Peugeot, col suo tricilindrico pieno di coppia e i rapporti più corti. A dispetto delle gomme M+S, la 2008 fa suo anche il primato nel consumo, ma la Arona le è vicinissima. Le gomme termiche costringono in coda le francesi in frenata, con un divario importante rispetto alle vetture equipaggiate con gomme estive. Sul fronte del comfort acustico eccelle la Kia Stonic (anche se quella che alza meno la voce in accelerazione è la Seat), mentre fanno più baccano le “cugine” Citroën e Peugeot.

VIDEO
loading.......
Aggiungi un commento
Ritratto di Mattia Bertero
16 marzo 2018 - 01:44
2
Oggi ho ordinato la Kia Stonic con il 1.0 da 120 cv Energy per sostituire la mia Polo 1.2 TDI 75 Cv divenuta superflua per la riduzione del chilometraggio da non giustificare più l'impiego di un Diesel. Prima dell'acquisto ho eseguito un test drive. Devo ammettere che mi ha stupito. Il 1.0 si comporta come un Diesel ai bassi regimi riuscendo a riprendersi bene con marce alte, comodissima come sedili ma un filo rigida come assorbimento delle sospensioni sulle sconnessioni (ma niente di così disturbante). Nelle curve molto agile, avrei preferito uno sterzo più reattivo. Sono soddisfatto del nuovo acquisto, ad un prezzo molto competitivo, poi vedremo nel corso del tempo se sarò ancora contento della scelta.
Ritratto di Mattia Bertero
16 marzo 2018 - 03:29
2
Intendevo ieri. Chiedo vegna, il turno di notte in fabbrica fa brutti scherzi.
Ritratto di BARRACUDA74
16 marzo 2018 - 13:45
Sinceramente non mi meraviglierei se lei avesse una serie di guai inenarrabili, sia personali che sulla sua auto. Non mi fraintenda, non glielo auguro minimamente, ma e' solo una mia sensazione. Non credo che gli dei dei motori sorrideranno a chi a cquista certi aborti meccanici.
Ritratto di Mattia Bertero
16 marzo 2018 - 14:20
2
Questione di punti di vista. Vede per alcuni, me compreso, avere un auto sportiva non é in cima alle priorità, specialmente quando non si ricchi da potersi permettere di mantenere due macchine insieme, e quando ci sono determinate situazioni nella vita che non ti consentono di comprarsi l'auto dei sogni. Vedremo come andrà con questa Stonic.
Ritratto di Ivan92
16 marzo 2018 - 15:20
6
Ciao Mattia, ti ho scritto in privato.
Ritratto di Mattia Bertero
16 marzo 2018 - 16:30
2
X IVAN92. Grazie per avermelo detto, i messaggi privati non mi viene mai in mente di guardarli.
Ritratto di AMG
16 marzo 2018 - 10:36
Perché non si giustifica più l'impiego di un diesel? Dopo un pò di tempo se facevi più km ripagavi la differenza di prezzo all'acquisto, una volta che ce l'hai non vedo perché cambiare l'auto solo perché non fai più tanti km.... Piuttosto posso capire che volevi cambiare auto.
Ritratto di Mattia Bertero
16 marzo 2018 - 13:47
2
X AMG. Principalmente perche ho trovato lavoro fisso a 3 km di distanza da casa dove prima ne avevo uno a 32 km, e perché una volta avevo interessi sentimentali a 50 km dove adesso li ho in casa, contando anche i km che facevo per adare in montagna. Facevo 20/22000 km all'anno. Ora che ho avuto certezze lavorative molto più vicine, i km sono notevolmente diminuiti. In montagna continuo sempre ad andare ma comunque più di 12000 km all'anno non li faccio ora come ora. Nei brevi percorsi il Diesel patisce con tutti questi filtri antiparticolati così ho deciso di passare ad un benzina. Un'altra motivazione é per il fatto che con il richiamo del Dieselgate, il motore della Polo é peggiorato in tutto. Di conseguenza, anche contando che praticando l'Alpinismo, ho preso la Stonic. Leggermente più alta da terra per avere più sicurezza nelle strade dissestate, non ha il 4x4 ma non serve troppo sopravvalutato. Si, poi la voglia di cambiare auto c'era eccome e ne ho approfittato, tra l'altro in Kia la Polo l'hanno supervalutata e mi porto a casa un crossover full optional ad un prezzo di un'utilitaria medio accessoriata.
Ritratto di AMG
16 marzo 2018 - 18:12
Ok, anche se non mi pare che nei brevi percorsi il diesel patisca... Forse nel tuo caso per il richiamo VW. E ad ogni modo capisco perfettamente l'acquisto della Stonic, che non è male come modello ed ha un prezzo ragionevole, ma per quanto riguarda l'alpinismo ti assicuro che è una scusa ingiustificata ahahah dopotutto per andare a sciare non occorre affatto un suv, tanto meno se TA. Casomai, anche a seguito dir recentissime esperienze posso dirti che l'altezza relativamente più alta può essere un vantaggio concreto per via delle buche assassine che si formano sulla strada appena piove come nei giorni scorsi.........
Ritratto di Mattia Bertero
16 marzo 2018 - 18:47
2
Hai colto nel segno. Le strade che pratico quando vado a fare Alpinismo sono piene di buche assassine o comunque con asfalto ridotto in stato pietoso. Con la Polo ogni tanto toccavo il fondo, con la Stonic dovrei essere più tranquillo. Poi logicamente é un modello che mi piace molto quindi tanto vale spendere soldi per cose che piacciono, non nego che anche il fattore estetico ha pesato non poco.
Pagine