NEWS

A Ginevra il primo modello della Qoros

18 gennaio 2013

Al Salone di marzo il lancio della berlina Qoros GQ3, accompagnata dalle concept Cross Hybrid ed Estate.

A Ginevra il primo modello della Qoros

ALLEANZA TRA CINA E ISRAELE - Il marchio Qoros creato da una collaborazione tra la holding Israel e la cinese Chery (che già collabora operativamente con l’italiana DR e in Cina ha trattative in corso con Fiat), dopo essersi presentato con ambiziosi programmi, stringe i tempi, annunciando la prima vettura per il Salone di Ginevra (7-17 marzo). Berlina di dimensioni medie, la Qoros GQ3 (nelle foto di questa pagina) sarà esposta in anteprima mondiale, e subito affiancata da due concept: una familiare chiamata Estate e una crossover denominata Cross Hybrid (disegno qui sopra). 

LA PRIMA AUTO - L’esordio del costruttore israeliano è rappresentato dalla berlina Qoros GQ3, la cui “repentina” realizzazione mostra le capacità del costruttore. Anche di seguire le tendenze: ispirandosi chiaramente a stile e immagine da berlina media germanica, con netti richiami alla produzione attuale. Il profilo è dinamico e slanciato dall’importanza del passo, dagli sbalzi ridotti e dal padiglione a due volumi e mezzo piuttosto spiovente. In un settore del mercato così competitivo, dove le concorrenti si chiamano VW Passato, Ford Mondeo, Opel Insignia e Mazda 6, sono necessari alti livelli qualitativi: la Qoros sostiene di aver scelto la miglior componentistica per offrire tecnologie, sicurezza (intendono raggiungere i massimi punteggi nei crash test europei) e multidialità avanzati. Anche il sistema di navigazione è di ultima generazione, e la connettività è estesa ai social network e alla possibilità di prenotare i servizi di manutenzione presso la concessionaria.
Si sa poco della meccanica, mentre si annuncia la vendita in Cina per la seconda metà dell’anno e “a seguire” in Europa.
 
 
CONCEPT E PROGRAMMI - La realizzazione della Qoros GQ3 su una piattaforma modulare, permette di creare nuove concept rapidamente: “La Qoros GQ3 è solo il primo dei molti modelli che saranno basati su questa piattaforma e la tecnologia ci permetterà di sviluppare una gamma di vetture completa in modo davvero efficace”, commenta Volker Steinwascher, vicepresidente della Qoros. Le concept che appariranno a Ginevra anticipano le tendenze di stile delle due versioni wagon e crossover della GQ3: disegnate da Gert Hildebrand, dovrebbero - secondo i piani - seguire la GQ3 a sei mesi l’una dall’altra. La Qoros Estate Concept è pensata con interni ampi e versatili grazie alle diverse configurazioni previste per i sedili e il bagagliaio, con numerosi vani portaoggetti e accessori per rendere più gradevole l'abitacolo. La Qoros Cross Hybrid Concept annuncia anche un sistema di propulsione ibrida con motore a benzina anteriore e motore elettrico posteriore per realizzare la trazione. Schema che, proprio del tutto innovativo non sarebbe, considerando che è stato introdotto dalla Lexus RX 400h nel 2005.
 
 
FABBRICA E SOCIETÀ - La produzione delle auto Qoros è prevista nel nuovo stabilimento cinese di Chery a Changshu, con capacità produttiva iniziale di 150mila veicoli l’anno, incrementabile fino a 450mila. Realizzato da un team internazionale di tecnici con esperienza, affiancati da giovani talenti nel settore dell'auto. La società Qoros è stata costituita nel 2007 in modo paritario dalla Chery Automobile (maggior costruttore automobilistico indipendente cinese), e dalla Israel Corporation, holding industriale israeliana attiva a livello globale.
Qoros 3 Sedan
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
13
26
19
15
20
VOTO MEDIO
3,0
2.96774
93


Aggiungi un commento
Ritratto di Fr4ncesco
19 gennaio 2013 - 13:16
Dacia è nato come marchio Low e rimarrà tale altrimenti non avrebbe senso, questo invece ha delle prospettive future. E' ovvio che risulterà peggiore della concorrenza, è inesperiente ed è tutto da vedere, ma la politica è partita dal presupposto che vogliono affermarsi in Europa e a quanto dicono i mezzi li hanno (o comunque sembra siano impegnati a farlo). Riguardo le coreane se hanno raggiunto il livello delle tedesche è ancora presto per dirlo, però sono stati gli stessi vertici delle giapponesi a dire che erano stati raggiunti da queste case. Bisognerà vedere i prossimi modelli. Se poi hanno una garanzia di 7 anni, mediamente, almeno prima della crisi, la gente cambiava auto ogni 6 anni. Poi ovvio, se voglio tenere un auto per 20 anni anche io mi orienterei verso una tedesca, e visto che se devo tenerla per tanto tempo non prendo in considerazione nemmeno la svalutazione, compro una Skoda e chi si è visto si è visto. (E comunque vedo in giro ancora coreane di 15 anni fa e dai propretari non ho mai sentito lamentele)
Ritratto di kimi69
19 gennaio 2013 - 11:11
Ciao, rispondo a tè ma vale anche per altri, Soprattutto negli ultimi 5 anni il termine "prodotto cinese" viene utilizzato come dispregiativo o denigrante (per esempio un oggetto di scarso valore o kitch viene bollato come "cineseria") ma nel mio settore lavorativo trattiamo articoli di importazione da oltre 30 anni e ti posso garantire che l'altissima qualità la sanno produrre anche loro. E' vero che non sono fenomeni per quanto riguarda l'originalità delle cose, ma la ricerca e sviluppo e la serietà industriale che impiegano lore è tutt'altro che disprezzabile. In sintesi tenderei a non sottovalutare troppo la loro crescita esponenziale, non vorrei che fra qualche anno ci trovassimo noi a scopiazzare loro! In ultimo trovo che la vettura non sia affatto male. Grazie e ciao ancora.
Ritratto di Fr4ncesco
19 gennaio 2013 - 13:19
Esatto, le persone prendono sottogamba i cinesi, quando anche la produzione di alti livelli qualitati avviene in Cina. Anche gli altoparlanti Bose vengono prodotti li. Se gli operi cinesi vengono diretti bene e utilizzano materiali di qualità gli risulta facile fare un buon prodotto, anche perchè lavorano in modo più diligente rispetto a noi, caratteristica degli orientali, infatti basti vedere i giapponesi che meglio organizzati e più ricchi hanno sempre fatto prodotti di alto livello qualitativo.
Ritratto di Chromeo
18 gennaio 2013 - 19:45
ed impersonali
Ritratto di Jinzo
19 gennaio 2013 - 11:18
le sentenze sputate dagli italiani...è cinese fa skifo...sono meglio le nostre auto premium... tutto cio che abbiamo in casa è asiatico...dal mattone della casa fatti in india...alle scarpe che tanto vantate di avere hogan o nike che sia... dai 700 euro di iphone, pc tablet....perche nn vi lamentate anche di tutto cio che nn sia una vettura....
Ritratto di kimi69
19 gennaio 2013 - 11:21
Almeno siamo in due ad averlo capito.
Ritratto di sharan_TDI
19 gennaio 2013 - 16:26
Il mio commento vale x tutti. Al giorno d'oggi Made in China non vuol mica dire solo schifezze; la qualita' di un prodotto dipende dalla tipologia di produzione richiesto. Se i materiali sono di alta qualita', i prodotti sono di alta qualita', indipendentemente dal luogo di produzione. Anzi, i operai cinesi sono molto piu' diligenti e bravi se formati bene quindi i prodotti fatti da loro possono essere addirittura meglio di quelli fatti nell'UE. Perche' criticare un'auto peraltro progettato alla meglio se una moltitudine di noi si fanno fighi usando l'Iphone o indossando calzature fatte in Cina??
Ritratto di donato-614
20 gennaio 2013 - 10:42
anche perche e da un po di anni che costruttori tedeschi come vag e mercedes,anche la Fiat,producono auto in cina,con qualità a norma C E ( comunita europea ),perciò non c'è da stupirsi di nulla.
Ritratto di Gianluigi74
20 gennaio 2013 - 10:43
E' ti credo che sono molto + diligenti !!!!! Non so' se ti è sfuggito, ma in cina non c'è la democrazia, ma la + grande dittatura del mondo e se qualcuno si azzarda a criticare qualcosa, succede che la notte passa la polizia e ti fa sparire!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! Gli operai sono praticamente schiavizzati per 100/200 dollari al mese in turni di 10/12 ore al giorno!!!!!!!!!!!!!!!!!! Mi viene in mente lo slogan del gratta evinci: ti piace vincere facile ?????? ehhhhh si !!! e alla fine i + fessi siamo noi occidentali che stiamo zitti e magari spendiamo 1000 euro per un iphone7891011 made in china e poi quando chiudono le fabbriche qui in italia allora saliamo sulle gru!!!! che gente insensata che siamo: solo tv dipendenti, nient'altro ....
Ritratto di Esaro3
20 gennaio 2013 - 23:11
di conoscere: motori, prestazioni prezzi e sicurezza.
Pagine