NEWS

Quanto si spende per ricaricare l’auto elettrica? 

Pubblicato 08 luglio 2020

Facciamo due conti su quanto costa la ricarica rispetto alle normali auto a motore termico, fra conferme e sorprese.

Quanto si spende per ricaricare l’auto elettrica? 

MA QUANTO SI SPENDE? - Le elettriche sono molto più efficienti delle automobili a benzina e gasolio, come abbiamo visto in QUESTO articolo. Ma tale grande efficienza si traduce in costi per 100 km minori rispetto a quelli delle automobili convenzionali?. La risposta non è semplice non solo perché i prezzi dell’energia elettrica sono molto variabili, ma anche perché il modo con il quale si carica la batteria ha la sua influenza. 

EFFICIENZA DELLA RICARICA - Andiamo con ordine partendo dal fatto che i chilometri percorsi con 1 kWh rilevati, ad esempio con il ciclo WLTP, tengono conto del percorso “dal serbatoio alle ruote”, (TTW, Tank To Wheel): si misura l’energia che esce dalla batteria e rapportata ai km percorsi. Se siamo su una Zoe, per esempio, sappiamo che prelevando dal battery pack 1 kWh percorreremo 5,8 km. Ma quanta energia consumiamo per avere quel kWh disponibile nella batteria? Qui entra in gioco l’efficienza della ricarica, che è meno del 100% e oscilla indicativamente fra l’85 e l’80%. Per avere 1 kWh nella batteria il caricabatteria erogherà quindi circa 1,2 kWh e questo fa scendere la percorrenza a poco più di 5 km/kWh.

ECONOMICA? NON SEMPRE - Possiamo paragonare questa perdita all’evaporazione del carburante: se il distributore eroga 1 litro, nel serbatoio avrò poco meno di un litro ma il fenomeno è quasi trascurabile, soprattutto per il gasolio che è meno volatile. Con queste ipotesi semplificate assumiamo che occorrano 20 kWh per fare 100 km. A questo punto arriva la variabilità: se ricarico a casa con il mio impianto fotovoltaico il costo sarà bassissimo perché la vita utile dei pannelli è maggiore di 20 anni e anche le spese di gestione sono basse. Ricaricando dalla rete elettrica è verosimile un costo totale (con oneri di sistema, dispacciamento e simili) di 20 cent/kWh che porta ad un esborso di 4 euro per 100 km, paragonabile a quello di un’auto a metano. Le colonnine a 22 kW in corrente alternata erogano energia a circa 40 cent/kWh e quindi il costo raddoppia, arrivando a 8 euro/100 km. Con i prezzi attuali si tratta di un esborso paragonabile a quello di una vettura a gasolio che percorra 16 km/litro.

VELOCE E COSTOSA - Ricaricando alle colonnine fast a corrente continua il prezzo sale a circa 55 cent/kWh, cosa che porta il costo a 11 euro/100 km, simile a quello di una vettura a benzina e superiore a quello che una buona ibrida plug-in riesce a fare in città, dove il recupero dell’energia è molto efficace. L’energia elettrica, a differenza dei combustibili fossili, ha quindi dei prezzi molto variabili che possono essere anche molto bassi ricorrendo alle rinnovabili.

FERMARSI ALL’80% - Concludiamo con alcune osservazioni, la prima delle quali riguarda le colonnine veloci in corrente continua: il loro kWh è più caro, ma si risparmia sia tempo sia energia. Le batteria si ricaricano infatti con corrente continua e quindi se si usa l’energia domestica o le colonnine in alternata entra in gioco il convertitore di bordo che trasforma l’alternata in corrente continua e dissipa energia in questo processo. La ricarica parziale, poi, è più efficiente perché la fase finale, quella che arriva al 100%, rende di meno: fermarsi intorno all’80% aumenta il rendimento complessivo del processo di ricarica.

PREZZI VARIABILI - Ricordiamo che questi prezzi sono, come quelli dei carburanti, molto variabili nel tempo e a seconda delle zone; esistono inoltre formule di abbonamento molto economiche. La tessera E-Moving Card di A2A, per esempio, consente ricariche illimitate per 15 euro a trimestre. Quando l’offerta crescerà è poi facile pensare ad una guerra commerciale che potrebbe abbassare i prezzi.

> QUANTO DURANO LE BATTERIE DELLE AUTO ELETTRICHE





Aggiungi un commento
Ritratto di Mirko 2016
11 luglio 2020 - 22:43
Metano no di certo, al massimo GPL. Perché ora ricaricando a casa spendi 13-14 cent al kWh esagerando, fai 6 km al kWh allora per far 18 km devi spendere 39 cent. A quel punto il confronto con auto metano è impossibile (costa più del GPL e hai un mare di soldi da spendere per revisione bombole periodica). Forse GPL può fare 18 km al litro?
Ritratto di freaklondon
8 luglio 2020 - 21:00
Per questo l'auto elettrica è una buona scelta solo per i radical chic.
Ritratto di RubenC
8 luglio 2020 - 23:01
1
Semmai il contrario...
Ritratto di ste74
9 luglio 2020 - 08:53
Non mi sembra che la gente comune andrà a spendere 38.000 euro per una 500 elettrica
Ritratto di RubenC
9 luglio 2020 - 11:31
1
Mica sei obbligato a comprare la 500, puoi anche prendere una Zoe, una Corsa-e o una e-Up. Comunque, con tutti gli incentivi che ci sono la 500 costa molto molto meno di € 38.000
Ritratto di Vincenzo1973
9 luglio 2020 - 12:30
38.000 sono per la 500C Prime edition...la normale costera' circa 25.000. poi ci sono gli incentivi...il prezzo (specialmente in Lombardia ed a Milano) sara' inferiore alla analoga versione termica....macchina da persone normali con stipendi normali..
Ritratto di Vittorio Popoli
10 luglio 2020 - 10:02
Con l'autonomia che ha potrà essere la macchina unica per single o famiglie di 2 persone... E poi la 500 Elettrica mi piace molto
Ritratto di deutsch
10 luglio 2020 - 16:59
4
pensate che in francia la 500e france edition viene 29900 e con gli incentivi diventano 18000
Ritratto di Mirko 2016
12 luglio 2020 - 00:00
Questo non lo capisco. Io vorrei comprare italiano ma se mi tieni prezzi più alti rispetto quelli che fai all'estero per spendere la stessa cifra mi prendo una 208 gt
Ritratto di Vittorio Popoli
9 luglio 2020 - 17:41
Secondo me FCA punta molto sulle flotte, che risparmieranno parecchio sulla manutenzione e anche sul 'carburante', se avranno prezzi di favore sul kWh
Pagine