NEWS

Range Rover Evoque e Discovery Sport: per loro l’ibrido plug-in

di Paolo Alberto Fina
Pubblicato 22 aprile 2020

Il nuovo motore 3 cilindri 1.5 turbo viene abbinato a un elettrico montato posteriormente, per un totale di 309 CV: fino a 66 km l’autonomia a zero emissioni.

Range Rover Evoque e Discovery Sport: per loro l’ibrido plug-in

BASE COMUNE - I sistemi ibridi plug-in, con batterie ricaricabili dall’esterno, sono sempre più diffusi, una strada obbligata per tutti i costruttori a causa delle normative europee che impongono limiti sempre più bassi per le emissioni di CO2. La categoria delle suv compatte e medie non fa accezione e, così, dopo le rivali BMW X2, Mercedes GLA e Volvo XC40, vengono annunciate le Range Rover Evoque P300e e Land Rover Discovery Sport P300e, entrambe basate sulla piattaforma PTA del gruppo inglese. Queste due versioni sono già ordinabili: la Land Rover parte da 51.150 euro, la Range Rover da 53.000 euro. 

UN MOTORE PER ASSE - L’ibrido plug-in è composto dall’inedito motore turbo benzina 3 cilindri 1.5 da 200 CV e 280 Nm di coppia, che dà trazione alle ruote anteriori e fa parte della famiglia di motori modulari Ingenium, la stessa dei 4 cilindri 2.0 e 6 cilindri 3.0. Ad esso si abbina il motore elettrico posteriore Electric Rear Axle Drive: ha 109 CV, 260 Nm e dà trazione alle ruote posteriori, dunque le Evoque P300e e Discovery Sport P300e possono contare sulla trazione integrale. Il sistema ibrido sviluppa complessivamente 309 CV e 540 Nm, ed è governato da una trasmissione automatica a 8 rapporti, più leggera di 5 kg rispetto a quella a 9 impiegata su altre versioni.

CI PENSA L’ELETTRONICA - Il sistema elettronico permette al guidatore di scegliere fra tre modalità di guida. Con la EV, opera solo il motore elettrico: la Evoque P300e percorre fino a 66 km (62 km la Discovery Sport P300e) e raggiunge i 135 km/h, velocità oltre la quale entra in funzione il 1.5. Le batterie agli ioni di litio, con 15 kWh di capacità, sono alloggiate sotto del divano posteriore. Nelle condizioni più favorevoli, ovvero attraverso una colonnina in corrente continua da 32 kW, si rigenerano dallo 0% all’80% in 30 minuti. Dalla rete di casa, invece, la ricarica completa avviene in 6 ore e 42 minuti.

PER LA MASSIMA EFFICIENZA - Con la modalità di guida Hybrid, invece, l’elettronica gestisce i due motori per massimizzare la resa energetica, tanto è vero che la Land Rover dichiara per la Evoque una percorrenza media di 71,4 km/l con emissioni di 32 g/km di CO2, mentre la Discovery Sport percorre 62,5 km/l e produce 36 g/km di CO2. In Hybrid si raggiungono anche le massime prestazioni, compreso lo ‘0-100’ di 6,4 secondi. Con la modalità Save, infine, viene preservata la carica delle batterie e l’auto sfrutta maggiormente il 1.5.

Land Rover Range Rover Evoque
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
80
34
28
28
35
VOTO MEDIO
3,5
3.468295
205




Aggiungi un commento
Ritratto di Giuliopedrali
23 aprile 2020 - 09:15
Ma avete notato costa come la Skoda Kodiaq dell'altro articolo, forse Skoda ha un pochino esagerato coi prezzi...
Ritratto di treassi
23 aprile 2020 - 09:42
Ma è anche il modello più estremo che in Italia non vedrai mai, nemmeno nei concessionari....
Ritratto di remor
23 aprile 2020 - 10:08
E non dimenticherei che poi lo stesso Kodiaq """diesel""" alla fine fa 13.1km/l (con i suoi 240CV e lo 0-100 in 6.8 sec); nella fattispecie Rover invece di parla di (seppur vincolati al discorso accumulo elettrico disponibile) di 310CV e 0-100 in 6.4sec. Si riuscisse a fare con le batterie scariche anche un semplice 10-11 al litro di media (per la Outlander phev, è stato sopra riferito il dato 12km/l) imho sarebbe già un buon margine, considerando che poi invece a batterie cariche (80% in 30 minuti da una "semplice" colonnina a 32kW, oltre che nottetempo in una mezza dozzina di ore a casa) si finirebbe per viaggiare (con uso combinato benzina+elettrico) a consumi che i 13,1 del Kodiaq rischiano di se non quadrupicarli almeno tripicarli in convenienza (l'articolo dice 60km/l dichiarati, caliamo un po' per il dato realistico e pre-ammortizziamoci il costo del comunque pagato kWh elettrico, e un 40km/l per litro di benzina speso potrebbe starci) ed il tutto , ad occhio, per range di percorrenza penso (ma qui potrei sbagliarmi sia in eccesso che difetto) di almeno un 150km (se in solo elettrico l'autonomia è di oltre 60Km)
Ritratto di Percy
23 aprile 2020 - 19:55
2
Ecco come si fa a rovinare una macchina, almeno esteticamente, superba. Montarci un motore in cui ci si e'scordati un cilindro!!!
Ritratto di Giulio Menzo
25 aprile 2020 - 15:18
2
A me piace abbastanza esteticamente, anche se il motore mild hybrid, per quanto con il motorino a 48 volt, non consuma poco, come riscontrato nella prova di aprile 2020. Inoltre, non vedo la ragione di un appesantimento che non porta benefici positivi ai consumi, anche se va detto che il motore diesel non è molto efficiente. Detto questo mi piace abbastanza come marchio, anche se si riscontrano problemi di affidabilità.
Ritratto di Eduard24
27 gennaio 2021 - 19:00
ciao a tutti. siccome sto per fare un noleggio a lungo termine proprio su una Evoque ibrida, vedo qui tanti pareri discordanti, per ciò resto molto in dubbio su questo motore... attualmente ho una stupenda audi a4 avant quattro black edition che pero devo venderle per passare a noleggio , la evoque mi piace tanto ed ho optato per ibrida anche se faccio sui 30 mila km al anno...piu della meta in urbano. qualche consiglio ?
Ritratto di MotorG
24 marzo 2021 - 00:03
Belle e buona l idea del plug in, ma ad un tre cilindri 1.5 non bastavano 150 cv ...
Pagine