NEWS

Regno Unito, effetto Brexit: code interminabili ai distributori di benzina

Pubblicato 25 settembre 2021

Nel Paese si registra una forte carenza di camionisti che riforniscono le pompe: anche fare rifornimento alla propria vettura sta diventando un’impresa.

Regno Unito, effetto Brexit: code interminabili ai distributori di benzina

NON SOLO I DISTRIBUTORI DI BENZINA - Nel Regno Unito anche un’azione semplice come fare rifornimento alla propria vettura sta diventando difficile. Si registrano infatti lunghissime code in molti distributori a causa della carenza di carburante dovuta soprattutto allo scarso numero di camionisti impegnati nella distribuzione. Esso, BP e Tesco sono le società del settore che stanno maggiormente risentendo di questa situazione e che si sono ritrovate costrette a chiudere diverse stazioni di servizio proprio per l’impossibilità di soddisfare la clientela. Il problema si sta verificando ormai da diverse settimane e coinvolge anche i supermercati che non riescono a essere riforniti dei prodotti da mettere in vendita. Inevitabilmente questo sta provocando preoccupazione anche tra i cittadini, nonostante il governo guidato da Boris Johnson stia provando a tranquillizzare la popolazione. 

MANCANO I CAMIONISTI - Il Ministro dei Trasporti, Grant Shapps, è stato tra i primi a prendere la parola per sottolineare quanto l’esecutivo britannico si stia muovendo concretamente per ridurre l’entità del problema. Il politico si è detto disponibile a ricorrere all’esercito per poter colmare la carenza di personale dedicato. Ma non è escluso che si possa ricorrere anche a lavoratori provenienti dall’estero a cui potrebbero essere forniti visti ad hoc (necessari ora che il Paese è uscito dall’Unione Europea). In attesa di capire se le misure che verranno intraprese avranno successo, la situazione non è da sottovalutare. Secondo gli ultimi riscontri, sarebbero necessari ben 100.000 camionisti per poter risolvere il problema. Infatti, molti di loro hanno lasciato il Paese a causa del salario minimo di 25.600 sterline all’anno richiesto ai lavoratori stranieri per restare nel Regno Unito dopo l’uscita dalla UE.





Aggiungi un commento
Ritratto di Andrea Zorzan
25 settembre 2021 - 19:47
Hanno lasciato l'UE trattandoci da pezzenti e invece...
Ritratto di nafto
25 settembre 2021 - 20:37
Il motivo per cui mi vengono i brividi a pensarmi domani in giro con un'elettrica. Per come sono abituato che sul tragitto in qualsiasi momento zac 2 minuti e rifornimento fatto, sarebbe un delirio arrivare e dover aspettare le mezzore per il mio turno o allungare giri per andare a trovare la stazione-colonnina carica-libera. Io non considerai mai il metano perché già uscire 2 km dall'autostrada mi skatzava.
Ritratto di Rav
26 settembre 2021 - 01:42
3
È ciò che penso anche io ma quando l'ho detto c'è chi mi ha risposto che se non mi fermo mezz'ora a ricaricare la macchina rischio di sbandare per la stanchezza... comunque elettrico o meno inizia ad apparire evidente che uscire dall'Europa e far da soli non è tutto rose e fiori. Vedremo se il tempo darà ragione a loro o agli altri, io francamente credo ancora nell'Europa, fermo restando che cambierei parecchie cose e parte della visione perchè così com'è funziona solo a metà. Stare da soli sarà sempre più difficile da qui in avanti
Ritratto di nafto
26 settembre 2021 - 07:26
@Rav c'è una parola che ultimamente non piace più a molti. Libertà. I nostri nonni hanno combattuto per darcene quanta più possibile. Ora piano piano altri stanno cercando con stratagemmi di togliercene quanta più. Nel tuo caso ti vogliono togliere la libertà di fare durare un viaggio in auto il minimo che secondo la tua idea e le tue capacità potresti, tutto legale e lectito. Una scusa frequente è che se guidi 3 ore di fila ti autodisintegri per la stanchezza e la tua auto proseguirà da sola seminando distruzione. L'altra ancora peggio è che non credi sia piacevole fare qualsiasi viaggio in 1.5 volte il tempo che hai sempre impiegato solo perché non lo hai mai provato, quando invece con qualsiasi auto termica ognuno di noi avrebbe in tutti gli anni passati potuto fare 2 ore di viaggio e 45 minuti di sosta, ma nessuno lo ha mai fatto e chi lo avesse proposto che lui faceva così gli avrebbero riso tutti dietro. Quando l'ideologia scavalca la razionalità si entra nei paradossi
Ritratto di Vincenzo1973
26 settembre 2021 - 17:48
nafto questo discorso sulla liberta' riferito alla liberta', scusa, ma non ha ne capo ne coda. non e' chiaro cosa ti stiano togliendo, visto che sei rimato sul vago, eccetto che parlare di tempo di rifornimento. come sia associbile il tempo di rifornimento alla liberta' non l'ho capito. si chiama semplicemente progresso. se fossi vissuto nel periodo delle prime automobili lo avresti detto perche il cavallo perdeva il confronto.
Ritratto di Er germanico
26 settembre 2021 - 09:56
nafto poveretto non hai ancora capito che se sei ricco e vuoi un elettrica te la carichi comodamente a casa a 22 kW, in 5 secondi attacchi il cavo e basta, altro che due minuti che ti servono adesso. Se sei ricco è compri un elettrica top hai colonnine riservate tutte per te da 250 kW e non trovi mai coda. Ma vedendo che hai preso in considerazione il metano mi pare evidente che sei un povero barbone che con un elettrica avrebbe al massimo la twingo e dovrebbe si stare ore e ore in giro a ricaricarla perchè a casa tua puoi giusto caricarci l'iPhone 4 di seconda mano. Rav con quei catorci che ti ritrovi è più facile che ti addormenti dalla noia che dalla stanchezza. Con una Porsche Taycan Turbo S canteresti dalla gioia ogni volta che ci entri dentro, altro che quei trabiccoli che ti ritrovi.
Ritratto di nafto
26 settembre 2021 - 10:13
@ Germanico Purtroppo per me, e non faccio ironia ma dico serio, hai ragione su tutta la linea. Perché hai avuto l’onestà di dire e ridire se uno è ricco. Tu l’hai messo in risalto e in quel momento passi dalla parte del giusto, mentre solitamente chi parteggia per l’elettrico questa cosa non vuole mai ammetterla esplicitamente ma se può cerca di nasconderla fra le righe. E vuole fare sembrare come che o con la Twingo elettrica, che sono comunque 25 mila euro di listino, che terresti sotto casa calando dal balcone il cavo di ricarica a 220V e 3kW, o con la Model 3 LR e coi Tesla Charger a 0,3 per kWh e in più l’impianto fotovoltaico in villetta in aggiunta alla wallbox a 22kW per quando serve, è la stessa cosa perché l’elettrico è un tuttuno compatto. Per cui molti vorrebbero, a differenza tua, far credere se uno lascia la Panda Diesel per passare a un’elettrica avrà il fantastico mondo della M3 con l’impianto fotovoltaico a casa e wallbox a 22kW, al prezzo e disturbo di un e-Twingo con il cavo attaccato sulla ciabatta del televisore. Il tuo discorso lo accetto 100%, l'altro no
Ritratto di Rav
26 settembre 2021 - 12:08
3
Quindi è appurato che, almeno al momento, l'elettrico è una cosa per ricchi. Oh buon per te eh, io dal basso delle mie due auto, che non sono Porsche Taycan, sinceramente dico che se devo iniziare ad andare a piedi mi tira un po' il di dietro. Ma magari voi con le Porsche inzierete a portare a spasso la grossa fetta di gente che non ha il vostro potere d'acquisto, perchè se quelli iniziano a faticare ad andare al lavoro o ad andare in giro vedi che in un po' di anni iniziate a far fatica pure voi col Taycan. Lo dimostra il fatto che come dice l'articolo se mancano i camionisti si fatica a reperire il carburante. Poi vedo che qua ci sono gli illuminati che hanno la soluzione "manca la benzina? Andiamo in elettrico!", perfetto, peccato che i camion non portano in giro solo benzina, oggi è quella domani magari è la carne, la farina, il sale... veramente mi sembra di essere in "italiano medio" di Maccio che alla notizia della cresita del prezzo della benzina risponde che tanto lui ha il diesel. Ah per ultimo, poi basta che non ho voglia di discutere, ci si ricordi che quando viaggerete (o viaggeremo) su tutte le bellissime auto elettriche (e non sto scherzando è innegabile che una Taycan o una ModelS siano belle) e decideranno di alzare i prezzi dell'elettricità si inizierà a pagare di più anche per far andare la luce a casa o in azienda, la lavastoviglie, la lavatrice... e allora che stipendio deve avere una persona media per sostenerlo? Perchè oggi se te lavedi brutta con la benzina magari domenica stai a casa e giri in bici, ma domani i panni te li devi lavare, a meno di non tornare a mano, magari al fiume, come i nonni. Dai valà, cerchiamo di essere oggettivi, l'auto elettrica è una vera opportunità e lo sarà di più all'abbattimento dei costi e dei tempi di ricarica dato che le autonomie già ci sono, oltre che al potenziamento della rete, ma non è concepibile che sia l'unica scelta data all'utente oltre tutto in tempi brevissimi. Se uno non capisce questo allora si fan solo chiacchiere e tifo che non portano a nulla.
Ritratto di Verde Passero
26 settembre 2021 - 12:30
Questa volta 92 minuti di applausi x German. Finalmente un proprietario di BEV che ha il coraggio di dire che ci vogliono i soldi per entrare in quel giro con la dovuta soddisfazione d'uso e non prendersi l'auto tamagotchi che diventi il suo schiavetto. Altro che farseschi discorsi alla Maria Antonietta e le sue Brioche
Ritratto di Vincenzo1973
26 settembre 2021 - 17:51
german non e' ricco, e' solo un caf.one che gioca a fare il briatore de' noartri.. moltissime persone con reddito medio ormai posseggono una elettrica. non e' nulla di cosi esoso, anche perche se fai due conti nel medio periodo risparmi e tanto.
Pagine