Renault Kadjar, la gemella diversa

04 marzo 2015

La meccanica è quella della Nissan Qashqai, le linee riprendono quelle della Captur: prevista la trazione integrale.

Renault Kadjar, la gemella diversa
PARENTELA CHIARA - Si inserisce tra la Captur (della quale riprende molti motivi stilistici, dalla mascherina con forma a “V” che evidenzia la losanga Renault ai fari allungati - e interamente a led - fino ai caratteristici sottoporta sagomati) e la Koleos, ha una parentela meccanica strettissima con la Nissan Qashqai (con cui condivide il pianale CMF in virtù della consolidata alleanza con la Casa giapponese) e punta a ritagliarsi uno spazio significativo in un comparto affollato: la Renault Kadjar, lunga 445 cm e larga 184, è la nuova suv di taglia media della Régie.
 
AVVENTUROSA - Il tetto arcuato della Renault Kadjar è da crossover, la zona tra il montante posteriore e il passaruota caratterizzata dal particolare taglio della terza luce laterale, ridotta per dare imponenza alle forme: gli sbalzi sono visivamente ridotti, e gli angoli di attacco dichiarati (18° in entrata e 25° in uscita) rendono sulla carta possibile qualche escursione in fuoristrada, purché leggero. L'altezza da terra è di 19 cm. La trazione integrale è prevista su alcuni modelli, al pari del sistema Extended Grip (che simula elettronicamente la presenza del differenziale sulle ruote motrici) per le varianti a trazione anteriore.
 
 
INTERFACCIATA - All'interno della Renault Kadjar, di impronta tradizionale e caratterizzato da un ampio tunnel centrale e dal quadro strumenti formato da elementi con display Lcd, si trova il sistema multimediale R-Link 2, lo stesso della Espace: prevede connettività a Internet e applicazioni specifiche per interfacciarsi a smartphone e tablet. Tra i sistemi per la guida assistita, vi sono la frenata di emergenza, l’allarme di superamento involontario della linea di carreggiata, il riconoscimento della segnaletica stradale con allarme per limiti di velocità e la retrocamera.
 
DUE DIESEL E DUE BENZINA - Sul fronte-motori, sono due i benzina e due i diesel: nel primo caso, il 1.2 DIG-T da 116 CV e il 1.6 DIG-T da 163. Tra i diesel, confermati i 1.5 dCi da 110 e il 1.6 dCi da 131: in pratica, lo stesso parco della cugina Qashqai.
VIDEO
Renault Kadjar
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
84
63
64
46
61
VOTO MEDIO
3,2
3.198115
318




Aggiungi un commento
Ritratto di Vespa Primavera
4 marzo 2015 - 19:53
Giacché ci sono anch'io ho un piccolo OT: come fate ad arrivare a Ginevra partendo da Milano? Auto, aereo, treno? Prezzi e tempo di arrivo?
Ritratto di Moreno1999
4 marzo 2015 - 20:02
4
In treno è un casino, non c'è diretto, arrivi a Lione e poi ce ne sarebbe un altro (oltre al pezzo con i mezzi da ginevra stazione a ginevra palexpo). In aereo fai scalo o a zurigo o a francoforte. Io ci sono andato sempre in macchina, milano-courmayeur, poi il tunnel del monte bianco (50€ andata e ritorno), il pezzo di francia e i 10 km di svizzera che comunque necessitano di vignetta autostradale (34 chf se non erro). Comunque ci si mettono circa tre ore e mezza, il prezzo è uguale all'aereo e al treno (dove però ci metti come minimo due ore in più) o poco di più (soprattutto per la benza). Se hai già un veicolo dotato di vignetta 2015 naturalmente spendi meno. Oppure esci prima della dogana e ti fai la statale dal confine francese fino al palexpo, dove però è più facile accedere tramite autostrada. Alternative? Da milano vai sempre in direzione di aosta ma esci poco prima, prendi il tunnel del san bernardo, poi però c'è un pezzo di montagna per arrivare all'autostrada (obbligatoria la vignetta) e ci metti circa un'ora in più rispetto al monte bianco. Attenzione soprattutto al ritorno: siccome tutti escono più o meno nel pomeriggio tardo, ci sarà un sovraffollamento assurdo e capita di rimanere un'ora in coda (mi è successo nel 2013, l'anno prima sono uscito da un ingresso secondario e non da quello principale - ricordo che era di fianco allo stand Kia e a quello Smart/Mercedes di quell'anno. Se puoi andarci non esitare, è bellissimo!
Ritratto di Vespa Primavera
4 marzo 2015 - 20:07
Grazie sei stato molto dettagliato, quest'anno anch'io nulla. Forse l'anno prossimo con un biglietto aereo low cost prenotato mesi prima ;) Quest'anno (quasi di certo), ci sta un salto all'expo a maggio/giugno, ben più facile da ragiungere :)
Ritratto di Moreno1999
4 marzo 2015 - 20:18
4
Ti conviene trovare (se esistono) dei biglietti roma-ginevra. Anche perché il palexpo è attaccato all'aeroporto (a noi una volta hanno fatto parcheggiare in quello dell'aeroporto). Il miglior rimedio comunque resta andarci in 4 o 5 con una macchina sola e dividere i costi (cosa che noi abbiamo fatto entrambe le volte). Per l'expo abbiamo già preso i biglietti, anche se in mezzo al cibo etnico e dagli ingredienti sconosciuti io non so proprio cosa potrei fare. Comunque non so nemmeno cosa ci sarà, siccome lo fanno una volta ogni cent'anni vale la pena andarci! Se vuoi andare ti conviene comprare i biglietti già da ora, è valido per tutti i giorni ma devi prenotare sul sito internet (non fanno entrare più di un tot persone lo stesso giorno, devi vedere quando c'è posto e segnarti in anticipo). Comunque la rho-monza a duecentordici corsie non si è vista e solo ora stanno facendo i lavori, a milano fiera non mi sembra che ci sia molto di completo e oltretutto la M5 non è finita e la M4 promessa per l'expo esiste (se esiste) solo su carta. Siamo messi bene!
Ritratto di Vespa Primavera
4 marzo 2015 - 20:24
Si avevo già visto sul sito dell'expo, si risparmia poco se scegli un solo giorno, meglio spendere 4-5€ in più e andare appena ho tempo. Io sinceramente ho alcuni amici che ci vogliono andare, quindi li seguo e giacché visitare Milano. All'expo ci sarà di tutto, non solo cibo (che è il tema principale), oltretutto un simbolo dell'expo è l’albero della vita di Otranto, un'invito ;)
Ritratto di Moreno1999
4 marzo 2015 - 20:31
4
Visitala perché ne vale la pena. Se vuoi facciamo scambio, il mare del Salento è qualcosa di unico. Qui massimo vedi le paludi dei canali che puzzano di fogna, altro che rispetto per l'ambiente
Ritratto di M93
4 marzo 2015 - 20:38
Mi unisco all'invito di Moreno: vale la pena visitare Milano, nonostante sia perennemente congestionata, ha un fascino tutto suo. A mio avviso è il massimo nel periodo autunnale/invernale. Sto guardando anche io per visitare l'EXPO, anche in virtù della vicinanza geografica a me favorevole.
Ritratto di Moreno1999
4 marzo 2015 - 20:52
4
Scusa ma non ricordo: tu sei già sotto monza giusto?
Ritratto di M93
4 marzo 2015 - 20:57
Si, sono sotto Monza Brianza e non più Milano. Credo che sia un paese limitrofo al tuo, se non ho intuito male.
Ritratto di Moreno1999
4 marzo 2015 - 21:14
4
Non ho idea, casa mia è per circa 600 metri sotto Milano. Comunque per privacy e netiquette non faccio nomi di luoghi geografici ovviamente.
Pagine