La Rolls-Royce Wraith si dà alla moda

La Rolls-Royce veste con inusitata raffinatezza la già esclusiva coupé: domina il bianco, abbonda la maestria artigiana.
SU MISURA - Si chiama Rolls-Royce Wraith Inspired by Fashion un'edizione speciale dell'omonima coupé, allestita a mo' di omaggio all'alta moda. Secondo la Rolls-Royce, di proprietà della BMW dal 1998, la realizzazione è equiparabile a quella di un abito sartoriale, realizzato dagli artigiani dello studio Bespoke Design presso la stessa Rolls-Royce, in quel di Goodwood. Per questa edizione, i designer di sono ispirati a colori, materiali e tecniche realizzative dell'alta moda: evidente il paradigma di “cucire addosso” al fortunato committente un'auto pressoché unica. La presentazione è avvenuta a New York, nell'élitaria Manhattan, nel corso di un evento del Pratt Institute (scuola di arte e design) dedicato alle donne più influenti della moda.
 
BIANCA - Rispetto alla già esclusivissima coupé Wraith, le modifiche sono solo estetiche: la verniciatura è bicolore, con due diversi toni di bianco (uno dei quali prossimo all'avorio). L'interno riprende questa tonalità, aggiungendo vari elementi neri; per chi ama i dettagli, impossibile non ammirare quello che, sulla carta, è lo stato dell'arte. L'idea di fondo è che gli artigiani pellai di casa Rolls-Royce abbiano privilegiato la semplicità, senza abusare di impunture baroccheggianti: esempio mirabile è il volante, con cuciture nascoste e non a vista.
 
SETA, LEGNO, PELLE - Tessuti, pelle e legno sono all'insegna della qualità più elevata: solo la laccatura del legno richiede, stando alla Rolls-Royce, nove giorni. Specifico è l'orologio: rigorosamente analogico, è realizzato con una tecnica particolare per emettere luce perlacea, e richiama dichiaratamente l'effetto dei vestiti in seta. Lo stesso materiale, la seta, che viene impiegato per i bordi dei pannelli porta. Un altro indizio neanche tanto labile per sottolineare come la Rolls-Royce Wraith Inspired by Fashion sia una sorta di étoile lunga più di cinque metri. Ovviamente riservata a pochissimi eletti.


Leggi l'articolo su alVolante.it