Seat eMii: a Barcellona debutta il servizio di car sharing

Mille Seat eMii elettriche sono a disposizione dei dipendenti del centro ricerca e sviluppo della Seat.

“CULLA” PER LE NUOVE TECNOLOGIE - La Seat fa “capolino” nel settore delle automobili in condivisione e lancia un servizio di questo tipo a Barcellona, la città scelta per sperimentare una serie di tecnologie oggi ancora allo studio: qui ad esempio la Seat svolgerà i test sui servizi basati su internet ultra-veloce (5G). Il car sharing non è pubblico, ma è stato messo a punto per i circa 1.000 lavoratori del Seat Metropolis:Lab, un centro vicino al molo Pier 01 dove la casa catalana fa ricerca e innovazione. Le automobili vanno prenotate attraverso un’app e sono l’utilitaria elettrica Seat eMii.

IL FUTURO È IN CONDIVISONE - Al pari di altri costruttori anche la Seat intravede delle possibilità di guadagno nel car sharing, i servizi di automobili in condivisione: fra sette anni i clienti nel mondo saranno circa 36 milioni, stando a una ricerca citata dalla Seat, che parla di un futuro in cui le automobili non verranno più acquistate ma noleggiate. La casa spagnola vuole farsi trovare pronta e inizia le sperimentazioni da Barcellona all’interno di un ambiente molto “controllato”. La Seat eMii cambia in pochi dettagli all’esterno rispetto alla Mii (la mascherina ad esempio è sigillata per questioni di aerodinamica), mentre sotto il cofano c’è un motore da 82 CV alimentato da batterie agli ioni di litio da 18,7 kWh. Le percorrenze dichiarate sono di 160 chilometri.



Leggi l'articolo su alVolante.it