NEWS

Seat Ibiza: ne parliamo con Luca de Meo

2 febbraio 2017

In occasione del lancio della nuova Seat Ibiza abbiamo scambiato qualche battuta con Luca de Meo, amministratore delegato della casa spagnola.

Seat Ibiza: ne parliamo con Luca de Meo

BOTTA E RISPOSTA - La quinta generazione della Seat Ibiza s’è appena mostrata al pubblico (vedi qui). Durante la presentazione, l’amministratore delegato della Seat Luca de Meo (qui sopra) ha scambiato qualche battuta con i giornalisti. 

Quali sono i punti di forza della nuova Seat Ibiza?
La quinta generazione dell’Ibiza è un grande passo avanti nel rinnovamento della nostra gamma. Puntiamo su dotazioni tecnologiche più avanzate, spazio interno riprogettato, ma anche comfort e design. Quest’ultimo, in particolare, è un punto di forza della marca. Che ha clienti con un’età media di 44 anni, dieci di meno rispetto alla media europea. Per attrarre i più giovani abbiamo anche migliorato l’infotainment, aggiungendo la possibilità di collegamento wifi. In generale, sia per la nuova Ibiza sia per il resto della gamma, vogliamo dare un prodotto di qualità, che passa pure attraverso una fabbrica all’avanguardia come quella di Martorell, ideale per lo sviluppo e la creazione dei modelli, così come per effettuare test e simulazioni. 

Come si posiziona la Seat sul mercato e all’interno del gruppo Volkswagen?
Nel 2016 abbiamo prodotto circa 410.000 auto, con un andamento in crescita che fa segnare un più 30% dal 2012. Per quanto riguarda il posizionamento nell’ambito del gruppo, la Seat può essere vista come una via di accesso molto accogliente. Vogliamo che il cliente si trovi bene con le nostre vetture, che si fidelizzi e che, di conseguenza, resti con noi anche in futuro. Se invece avrà maggiori disponibilità economiche, potrà passare a prodotti più costosi, sempre all’interno del gruppo Volkswagen. Penso ad Audi e Porsche, in particolare. 

Parliamo di futuro. Arriverà anche una Seat ibrida o elettrica?
Tutte le case si stanno muovendo in quella direzione, anche per centrare gli obiettivi sulle emissioni inquinanti imposti dall’Unione europea. Non posso prevedere con precisione quando proporremo un modello elettrico o ibrido. Comunque, una data indicativa potrebbe essere il 2019. L’idea è quella di sfruttare le nuove piattaforme e le sinergie nel gruppo per raggiungere una riduzione dei costi.

In materia di guida autonoma, quali prospettive?
Per quanto ci riguarda, è ancora presto per parlare di estensione importante della guida autonoma alle auto private. Tenete conto che la gran parte delle Seat oggi viene venduta ancora con il cambio manuale. Comunque, credo che il punto d’inizio possa essere rappresentato da una sperimentazione sui mezzi pesanti, messi alla prova sui lunghi percorsi, con l’obiettivo di far calare gli incidenti e le emissioni. Una specie di laboratorio interessante potrebbe poi essere costituito anche dai robot-taxi in città. 

> NUOVA SEAT IBIZA: QUI PER SAPERNE DI PIÙ

Seat Ibiza
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
64
37
46
17
29
VOTO MEDIO
3,5
3.46632
193


Aggiungi un commento
Ritratto di mirko.10
2 febbraio 2017 - 16:07
2
anche kia sorento.....e questo mi parla di porsche,audi,plin plin e cip con ciop.
Ritratto di golfista97
3 febbraio 2017 - 00:05
Se se confronta Hyunday e VW, non esageriamo adesso, anche se devo ammettere che la i30 mi piace, la Rio è uguale alla precedente, e sinceramente preferisco l'Ibiza. A me tutti sti sistemi di sicurezza non piacciono, sono assolutamente inutili se si sta attenti, al massimo il cruise control adattivo ok
Ritratto di oretaxa
2 febbraio 2017 - 16:04
Ma cosa vi costa aggiungere un motogeneratore con batteria al litio come fa Suzuki con il sistema SHVS?
Ritratto di HAL
2 febbraio 2017 - 16:40
Giusto! L'Svhs è una genialata, non serve a nulla ma almeno fa risparmiare il bollo e ti fa entrare nella ZTL!
Ritratto di oretaxa
3 febbraio 2017 - 13:01
La Baleno in città fa i 17,5Km litro... siamo a livello dei diesel senza le loro complicazioni tecnologiche
Ritratto di Max_69_CNG
2 febbraio 2017 - 20:21
Per la Seat il 2017 sarà un anno importante con la Ateca che dovrebbe entrare a regime di vendite, il restiling della Leon, questa nuova ibiza e con l'arrivo della Arona derivata dal pianale della Ibiza dovrebbe esserci un buon incremento di vendite. Purtroppo essendo il marchio del gruppo VAG che vende meno credo che le tecnologie tipo l'ibrido e la guida autonoma li riservino alle altre marche per poi riversarle alla Seat in un secondo momento.
Ritratto di golfista97
3 febbraio 2017 - 00:07
Beh non è detto, ricordiamoci che la leon nel 2013 fu la prima nel segmento ad avere i fari a led come optional
Ritratto di JapanCulture
2 febbraio 2017 - 22:28
Mi piace molto. Linea azzeccatissima. Devo ammetterlo hanno fatto centro. Un po'troppo grande per il suo segmento pero' ... Attendiamo le versioni piu' pompate perche' l'auto merita.
Ritratto di ermannos1
3 febbraio 2017 - 17:25
Eì il commento più azzeccato che abbia letto, va solo completato che la grande somiglianza con la Leon, non la rende affatto originale.
Ritratto di JapanCulture
3 febbraio 2017 - 21:57
Grazie. Quello che dici e' verissimo, ma almeno con i due modelli citati e con la ateca seat puo'finalmente dire la sua. Nel senso che adesso hanno trovato un design piu' accattivante dopo anni di auto dalle linee un po'sciape. Nonostante in Italia non sia un marchio "gettonato" (dato che l'italiano medio compra piu'per moda/per chiacchiere da bar piu'che per qualita'oggettiva del prodotto), penso che forse stavolta seat possa aumentare i volumi di vendita in modo piu'o meno significativo.
Pagine