NEWS

Shell: paghi di più la benzina, ma tuteli l’ambiente

12 aprile 2019

Pagare volontariamente 1 centesimo in più al litro per finanziare la piantumazione di alberi e compensare la CO2. Lo faresti?

Shell: paghi di più la benzina, ma tuteli l’ambiente

ANCHE IN ALTRI PAESI - La compagnia petrolifera Shell iniziarà il 17 aprile un programma per compensare l’anidride carbonica immessa nell’aria, investendo a questo scopo 1 centesimo per ogni litro di benzina venduto nel Paese. L’operazione sarà a costo zero per chi sceglie la benzina e il gasolio della più costosa linea Shell V-Power, mentre chi sceglierà i carburanti “normali” potrà aderire volontariamente al programma pagando 1 cent in più al litro. Questo progetto prende il via dall’Olanda e verrà avviato entro fine 2019 anche nel Regno Unito, prima di essere esteso ad altri Paesi. La Shell intende spendere 300 milioni di dollari nei prossimi 3 anni per compensare le emissioni di anidride carbonica, sostanza non dannosa per l'uomo ma che contribuisce all'effetto serra e quindi al surriscaldamento globale: lo farà piantando 5 milioni di alberi in Olanda nei prossimi 12 anni o finanziando progetti di tutela in aree a rischio. L’iniziativa contribuirà al grande obiettivo annunciato nel 2017 dalla Shell, che intende “tagliare” del 2/3% entro la fine del 2021 le emissioni inquinanti generate nei suoi processi per creare energia.



Aggiungi un commento
Ritratto di giancarlo always me
15 aprile 2019 - 16:21
Sono ingegnere aeronautico e conosco perfettamente come si produce l'idrogeno. Ho quasi 70 anni e mi sono occupato di produzione di energia in gran parte della mia vita. Gran parte delle "impossibilità" ufficiali sono state divulgate e insegnate nelle università solo per accondiscendere alle multinazionali. Cercati qualcosa su Lorenzo Errico (ci sono molti video)... Comincia con questo: https://www.youtube.com/watch?v=CGriseXWX-E e poi cercane di altri anche in giro per il mondo. Queste cose io le ho viste e studiate da anni.. ma vengono soffocate da chi ha interessi contrari.
Ritratto di emergency
15 aprile 2019 - 17:03
Convengo con lei sull'idrogeno e mentre case automobilistiche blasonate studiano come fare l'elettrico c'è chi l'auto ad idrogeno la già prodotta e venduta La Hyundai Nexo venduta a Trento c'è la Mercedes GLC la Toyota Mirai la VW e altre ancora ma queste ultime sono sperimentali mentre la Hyundai e già in commercio.
Ritratto di Fr4ncesco
12 aprile 2019 - 22:42
2
Assolutamente no, hanno così tanti soldi che potrebbero ripiantare la foresta pluviale, perché dovrei dare io un centesimo?
Ritratto di Agl75
12 aprile 2019 - 22:47
La Shell che con una operazione di questo genere fa la figura di azienda che ha a cuore la natura, è qualcosa di clamoroso, umoristico, decisamente assurdo per definizione. Probabilmente spenderei circa 30€/anno per questa operazione e si veramente lo farei volentieri ma quali sono i dettagli: dove si ripianta, cosa, quando, come, ... Solo sfacciatamente marketing. Si impicchino al tubo del diesel LOL
Ritratto di erresseste
12 aprile 2019 - 23:01
NO
Ritratto di Pavogear
12 aprile 2019 - 23:18
Ottima iniziativa da parte di Shell, magari averne di iniziative di questo tipo mirate finalmente a risolvere il problema della CO2 e non a fare inutili battaglie contro la cause sbagliate. Mi spiego meglio. Non è la CO2 ad essere dannosa, non è dannosa per nessuno, l'unico "danno" che causa è l' aumento del processo di riscaldamento globale in atto oggi ma il pianeta già in passato ha attraversato periodi nel più caldi e ne è uscito praticamente illeso o quantomeno si è sempre risollevato. Il fatto è che tutti puntano il dito verso ciò che produce CO2, produzione di cui le auto coprono la minima parte, e nessuno si preoccupa di come catturare tale sostanza. Perché possiamo anche smettere oggi di produrre anidride carbonica, cosa impossibile, ma la quantità già presente in atmosfera continuerà ad accrescere il processo di riscaldamento globale. E sarà ancora peggio finché continua il processo di deforestazione, dato che gli alberi (e le alghe presenti nei mari) sono gli unici "accumulatori" di CO2 presenti nel mondo, e il loro compito lo fanno alla grande. Quindi è una grande opera questa intrapresa dalla Shell e io sarei ben felice di pagare un centesimo in più per questo, peccato che in Italia Shell non ci sia più. Quindi piantando più alberi e assorbendo più CO2 si andrebbe a diminuire drasticamente l' impatto delle auto a motore tradizionale ed ecco che in questo modo nessuno avrà più il diritto di puntare il dito contro questa categoria di mezzi. Non sempre ciò che è ambientalista è sbagliato, ogni tanto qualche idea buona c' è e per fortuna quelle buone sono anche ottime
Ritratto di vincenzo77
12 aprile 2019 - 23:20
No,Mi pare che di extra sui carburanti se ne paghino fin troppi!
Ritratto di lucios
13 aprile 2019 - 07:33
4
NOOOOOOOO. Se vogliono, g li euro li trovano per fare questo discorso. Basta collettivizzare i problemi.
Ritratto di studio75
13 aprile 2019 - 09:36
5
Pianto del basilico sul mio balcone
Ritratto di q8
13 aprile 2019 - 10:47
No con tutti i miliardi che hanno pure il centesimo si devono fregare, se vuoi puoi fare ... e poi sponsorizzano cavolate a vagonate di milioni
Pagine