NEWS

Shell: paghi di più la benzina, ma tuteli l’ambiente

12 aprile 2019

Pagare volontariamente 1 centesimo in più al litro per finanziare la piantumazione di alberi e compensare la CO2. Lo faresti?

Shell: paghi di più la benzina, ma tuteli l’ambiente

ANCHE IN ALTRI PAESI - La compagnia petrolifera Shell iniziarà il 17 aprile un programma per compensare l’anidride carbonica immessa nell’aria, investendo a questo scopo 1 centesimo per ogni litro di benzina venduto nel Paese. L’operazione sarà a costo zero per chi sceglie la benzina e il gasolio della più costosa linea Shell V-Power, mentre chi sceglierà i carburanti “normali” potrà aderire volontariamente al programma pagando 1 cent in più al litro. Questo progetto prende il via dall’Olanda e verrà avviato entro fine 2019 anche nel Regno Unito, prima di essere esteso ad altri Paesi. La Shell intende spendere 300 milioni di dollari nei prossimi 3 anni per compensare le emissioni di anidride carbonica, sostanza non dannosa per l'uomo ma che contribuisce all'effetto serra e quindi al surriscaldamento globale: lo farà piantando 5 milioni di alberi in Olanda nei prossimi 12 anni o finanziando progetti di tutela in aree a rischio. L’iniziativa contribuirà al grande obiettivo annunciato nel 2017 dalla Shell, che intende “tagliare” del 2/3% entro la fine del 2021 le emissioni inquinanti generate nei suoi processi per creare energia.



Aggiungi un commento
Ritratto di bombicchio
15 aprile 2019 - 10:22
Stiamo scherzando vero? Chiedete ai vari governi che si sono succeduti di togliere delle accise RIDICOLE sul carburante e poi, forse, ne parliamo... Questi i contributi sulla benzina che uno stato senza testa ci chiede... Basta mangiare... 0,000981 euro: finanziamento per la guerra d’Etiopia (1935-1936) 0,00723 euro: finanziamento della crisi di Suez (1956) 0,00516 euro: ricostruzione dopo il disastro del Vajont (1963) 0,00516 euro: ricostruzione dopo l’alluvione di Firenze (1966) 0,00516 euro: ricostruzione dopo il terremoto del Belice (1968) 0,0511 euro: ricostruzione dopo il terremoto del Friuli (1976) 0,0387 euro: ricostruzione dopo il terremoto dell’Irpinia (1980) 0,106 euro: finanziamento per la guerra del Libano (1983) 0,0114 euro: finanziamento per la missione in Bosnia (1996) 0,02 euro: rinnovo del contratto degli autoferrotranvieri (2004) 0,005 euro: acquisto di autobus ecologici (2005) 0,0051 euro: terremoto dell’Aquila (2009) da 0,0071 a 0,0055 euro: finanziamento alla cultura (2011) 0,04 euro: emergenza immigrati dopo la crisi libica (2011) 0,0089 euro: alluvione in Liguria e Toscana (2011) 0,082 euro (0,113 sul diesel): decreto “Salva Italia” (2011) 0,02 euro: terremoto in Emilia (2012)
Ritratto di Costy 407
15 aprile 2019 - 10:56
Con tutte e tasse che paghiamo sui carburanti era già finito il progetto e funzionante. Hanno anche il coraggio di pagare 1cts in più. Io non lo farei Se abbassassero almeno la metà delle tasse magari un ci pensa pure
Ritratto di Costy 407
15 aprile 2019 - 10:58
Scusate ho sbagliato Volevo dire che hanno anche i coraggio di chiedere di pagare 1 cts
Ritratto di Paolo-Brugherio
15 aprile 2019 - 11:02
6
L'articolo dice che gli alberi verranno piantati in Olanda... pur con tutto l'amore che ho per gli olandesi, perché io - italiano - dovrei spendere di più ad ogni rifornimento?
Ritratto di Costy 407
15 aprile 2019 - 11:03
Abitando al confine della Svizzera la benzina i carburanti costano molto meno...l IVA e al 7.8% non come in Italia che siamo per il momento al 22% . Poi la benzina costa meno del diesel
Ritratto di atreyu976
15 aprile 2019 - 11:05
Vi do una notizia che a questo punto credo sconvolgerà qualcuno: gli alberi, di notte, producono tonnellate di CO2!! In assenza di sole la fotosintesi clorofilliana produce CO2. Detto questo, aumentare la benzina oer piantare alberi è semplicemente ridicolo. Guadagnano gia adesso talmente tanto sia le compagnie petrolifere che gli stati che potrebbero fare del mondo un giardino fiorito! Non vi fate prendere per il naso da tutti! Su!
Ritratto di Scatnpuz
15 aprile 2019 - 11:19
Ma se quando faccio il pieno, pago ancora oggi, per la guerra in Abissinia......... E SONO PER LA PACE NEL MONDO ;-)
Ritratto di Costy 407
15 aprile 2019 - 11:26
Ma si devono solo vergognare per quello che chiedono. Assurdo È vero paghiamo ancora la guerra del 15/18
Ritratto di MAUROXX
15 aprile 2019 - 12:42
la lobby dei vivaisti colpisce ancora!! altro argomento per i complottisti.
Ritratto di federico p
15 aprile 2019 - 14:13
Sarei d'accordo anche a pagare €0,10 in più al litro. Perché all'atto pratico la CO2 viene eliminata o comunque ridotta dalla piantumazione di nuovi alberi che come sappiamo tutti attraverso la fotosintesi clorofilliana producono ossigeno che riducono l'anidride carbonica ovvero la CO2. Almeno si ridurrebbe l'effetto serra anche se poi come sappiamo tutti ci sono gli allevamenti intensivi che producono moltissimo gas serra come metano e poi comunque il problema inquinamento non si toglierebbe visto che alla salute umana sono gli ossidi di azoto particolato benzene a far male. Però a fare nulla e fa qualcosa sarei d'accordo.
Pagine