NEWS

Shell: paghi di più la benzina, ma tuteli l’ambiente

12 aprile 2019

Pagare volontariamente 1 centesimo in più al litro per finanziare la piantumazione di alberi e compensare la CO2. Lo faresti?

Shell: paghi di più la benzina, ma tuteli l’ambiente

ANCHE IN ALTRI PAESI - La compagnia petrolifera Shell iniziarà il 17 aprile un programma per compensare l’anidride carbonica immessa nell’aria, investendo a questo scopo 1 centesimo per ogni litro di benzina venduto nel Paese. L’operazione sarà a costo zero per chi sceglie la benzina e il gasolio della più costosa linea Shell V-Power, mentre chi sceglierà i carburanti “normali” potrà aderire volontariamente al programma pagando 1 cent in più al litro. Questo progetto prende il via dall’Olanda e verrà avviato entro fine 2019 anche nel Regno Unito, prima di essere esteso ad altri Paesi. La Shell intende spendere 300 milioni di dollari nei prossimi 3 anni per compensare le emissioni di anidride carbonica, sostanza non dannosa per l'uomo ma che contribuisce all'effetto serra e quindi al surriscaldamento globale: lo farà piantando 5 milioni di alberi in Olanda nei prossimi 12 anni o finanziando progetti di tutela in aree a rischio. L’iniziativa contribuirà al grande obiettivo annunciato nel 2017 dalla Shell, che intende “tagliare” del 2/3% entro la fine del 2021 le emissioni inquinanti generate nei suoi processi per creare energia.



Aggiungi un commento
Ritratto di piero2cbx
15 aprile 2019 - 20:44
si è una buona idea
Ritratto di Tao_37
15 aprile 2019 - 20:58
Se è una scelta e nessuno ti obbliga ok, se deve essere obbligatorio no. Ogniuno deve scegliere come vuole. E poi dovrebbero pagare soprattutto le compagnie petrolifere non i privati che già sono tartassati di spese.
Ritratto di Giorgione61
15 aprile 2019 - 20:59
Non esiste proprio, già il carburante costa un patrimonio e finiamola con queste buffonate euro 6, euro 10. Guardate al mattino presto circa le 6 i mezzi che girano.
Ritratto di Tao_37
15 aprile 2019 - 21:08
Cmq, occorrerebbero si più alberi, ma da quanto è cementificato il nostro territorio, non c'è neanche più posto per piantarli. E poi le compagnie petrolifere dovrebbero prima di tutto autotassarsi, poi se qualcuno vuole aggiungere ed incentivare fondi, benvenga. Ma vogliamo vedere i risultati concretamente .
Ritratto di madboy
16 aprile 2019 - 10:09
no
Ritratto di aquilone
16 aprile 2019 - 13:10
Quando andiamo dal benzinaio paghiamo la benzina al prezzo che ci viene richiesto dalla compagnia petrolifera, oltre a tasse e profitto per il benzinaio. La compagnia petrolifera può benissimo aumentarci la benza di 1 cent per piantare alberi o paletti so io dove, noi non ce ne accorgeremmo
Ritratto di alfa orsetto
16 aprile 2019 - 20:45
Premio Oscar 2019 per le baggianate ,perchè lo stato non adegua i prezzi evitando accise ridicole quali la guerra abbisinia del 1935 ecc... Perchè i prezzi delle autostrade sono superiori all'europa....la schell in Austria innsbruk la verde 1.36 il diesel 1.31 con paghe superiori alle italiane ....
Ritratto di lap2
16 aprile 2019 - 21:11
no!!!! se penso di voler piantare un albero perchè penso sia giusto lo faccio... non rompo le scatole agli altri..... fare non "proclamare"
Ritratto di edovol
17 aprile 2019 - 09:06
Certamente si perchè gli alberi sono il polmone ossigenante il mondo anche se sono molto pessimista sul futuro del pianeta per la sopravvivenza dell'umanità. Abbiamo innescato, dapprima incoscentemente e poi perfettamente consapevoli,il processo di distruzione di un ambiente vivibile per l'uomo. L'unica energia pulita, ancche se per certi aspetti, pericolosa, era quella delle centrali atomiche che andavano perfezionate -in ogni modo -e non praticamente eliminate come è stato fatto. Solo se troviamo una energia simile e pulita c' è speranza di sopravvivere con questo livello di "civiltà"(?), altrimenti avremo fatto più cambiamenti su questo pianeta in 3 secoli di tutta la terra in milioni di anni!!!!
Ritratto di giancarlo always me
17 aprile 2019 - 12:06
x
Pagine