NEWS

Skoda Fabia: cresce, anche nella tecnologia

Pubblicato 04 maggio 2021

Svelata la nuova Skoda Fabia: aumenta nella lunghezza fino a 411 cm e ha un abitacolo moderno e molto pratico, con sistema multimediale sempre connesso. Il tre cilindri 1.0 a benzina ha potenze da 65 a 110 CV.

Skoda Fabia: cresce, anche nella tecnologia

PIÙ GRANDE - Dopo le anticipazioni dei mesi scorsi, ecco la quarta generazione della Skoda Fabia (la prima era nata 22 anni fa). Tutta nuova, cresce nelle dimensioni (la lunghezza passa da 400 a 411 cm) e ha volumi equilibrati, superfici attraversate da lunghe nervature e linee decise, con i fari appuntiti full led che arrivano fino al bordo cromato della mascherina. I fanali (a led optional) in due parti, lo spoiler sul tetto e il lunotto molto inclinato con alette aerodinamiche laterali caratterizzano la parte posteriore. 

BAGAGLIAIO AMPLIATO - Oltre che in lunghezza, la nuova generazione della Skoda Fabia (sviluppata sulla base della piattaforma MQB-A0 della Volkswagen Polo e della Seat Ibiza) aumenta anche in larghezza (di 5 cm, fino a 178) e nel passo (di 256 cm, 9 più di prima), per offrire maggiore spazio ai passeggeri e ai bagagli (il baule passa da 330/1150 litri a 380/1190). Diminuisce, invece, l’altezza, di 1 cm, da 147 a 146 cm. 

STUDIATA PER FENDERE MEGLIO L’ARIA - Grazie a dettagli come i cerchi studiati per offrire meno resistenza e il sottoscocca carenato, i progettisti sono riusciti a ridurre il coefficiente aerodinamico Cx della Skoda Fabia da 0,32 a 0,28: un record fra le utilitarie. Un ruolo importante lo svolgono anche le alette mobili, che parzializzano le prese d’aria nel paraurti anteriore quando il flusso è sovrabbondante rispetto alle necessità di raffreddamento. Limitando l’ingresso di aria nel vano motore si limitano i vortici nocivi; a 120 orari, questo si traduce in un risparmio di carburante fino a 0,2 litri per 100 km, e di 5 grammi di CO2 per ogni chilometro percorso. Le alette restano aperte quando il flusso nel radiatore è ridotto, come nel traffico o durante le soste, o quando si chiede molta potenza, come in salita.

DUE AMPI DISPLAY - L’abitacolo della Skoda Fabia ha un aspetto razionale, con la plancia attraversata da una modanatura orizzontale (disponibile in sei diverse combinazioni di materiali e colori) che la fa sembrare più larga, il cruscotto digitale (offerto per la prima volta in questo modello, è un display configurabile di 10,25”) e lo schermo di 8” o 9,2” del sistema multimediale. Inediti anche il “clima” automatico bizona e il parabrezza e il volante riscaldabili. Molti i particolari originali, come la scritta Fabia in bella evidenza nella palpebra del cruscotto, la linea ondulata sotto il display, le grandi bocchette di ventilazione rotonde e gli elementi colorati nella console centrale e nei braccioli delle portiere. Il volante a due sole razze riprende quello della “sorella maggiore” Octavia, e optional c’è quello a tre razze. 

SEMPRE ONLINE - La nuova Skoda Fabia consente di scegliere fra diversi sistemi multimediali. In Italia ne sono disponibili due: quello con schermo tattile di 8’’ ha il vivavoce Bluetooth, sei altoparlanti e Android Auto e Apple CarPlay utilizzabili senza cavo; optional la piastra per la ricarica induttiva degli smartphone. Il sistema più ricco ha il display di 9,2” e la navigazione connessa a internet, con mappe memorizzate sul disco rigido da 64 Gigabyte; inoltre, fa da hotspot Wi-Fi, garantisce lo streaming musicale e ha la funzione di controllo gestuale di serie, mentre il controllo vocale online tramite l’assistente digitale che capisce 15 lingue è opzionale. La ricarica dei dispositivi mobili è affidata a ben cinque prese Usb-C (una sul retrovisore interno, per collegare una piccola videocamera). Tante le app disponibili da scaricare sul telefonino, oltre ai servizi mobili Skoda Connect.

PRATICITÀ AL PRIMO POSTO - A seconda delle versioni (Active, che non arriverà in Italia, Ambition e Style), la Skoda Fabia offre una quarantina di soluzioni pratiche (43, specifica la casa), che rendono la vettura più facile da usare nella vita quotidiana. Non mancano i classici “gadget” presenti in altre auto della casa boema, quali il raschietto per il ghiaccio con scala di misurazione per il controllo del battistrada integrato nello sportello del serbatoio del carburante, il porta-biglietti sul montante del parabrezza e l’ombrello inserito nella portiera del conducente. Altre soluzioni che rendono gli interni e il bagagliaio più ordinati sono lo scomparto estraibile nella parete laterale del bagagliaio, il portabicchieri rimovibile tra i sedili anteriori, il vano portaoggetti sul tunnel davanti al divano, l’aletta parasole amovibile per il tetto panoramico e il portaschede e portapenne nello scomparto davanti alla leva del cambio.

SICUREZZA NOTEVOLE - Di serie la Skoda Fabia offre 7 airbag, compreso quello per le ginocchia del guidatore, e optional si possono avere anche i due laterali posteriori (una rarità su un’utilitaria); tra gli aiuti alla guida, c’è il Travel Assistant, che combina vari sistemi, incluso il cruise control adattativo e il mantenimento in corsia. A richiesta c’è anche il monitoraggio dell’angolo cieco evoluto, che riconosce fino a una distanza di 70 metri i veicoli che si avvicinano dalla zona posteriore e avvisa quando questi vengono a trovarsi nella zona non coperta dai retrovisori. E per rendere più facili le manovre, fa la sua comparsa su una Fabia il sistema di parcheggio semiautomatico Park Assist: funziona fino a una velocità di 40 km/h, indicando gli spazi (sia paralleli sia trasversali alla strada) adatti all’auto per dimensioni e controllando i movimenti dello sterzo durante la manovra.

MOTORI SOLO A BENZINA - Alla base della gamma dei motori della Skoda Fabia c’è il tre cilindri 1.0 aspirato da 65 CV, 5 in più rispetto all’attuale, abbinato al cambio manuale a 5 rapporti, disponibile anche nella versione da 80 CV. Il 1.0 TSI turbo, invece, ha potenze di 95 e 110 CV. Quest’ultimo è abbinabile sia alla trasmissione manuale a sei rapporti sia a quella robotizzata DSG a sette marce. Su richiesta è possibile avere il serbatoio da 50 litri (quello di serie è da 40), che consente di avere un’autonomia di 950 km con un pieno. Il 1.0 TSI a iniezione diretta ha i cilindri rivestiti al plasma, per ridurre l’attrito. Questo limita il consumo di carburante, le emissioni e, grazie a una migliore distribuzione e dissipazione del calore nella camera di combustione, il carico termico del motore. Sulla nuova Skoda Fabia debutta anche il quattro cilindri 1.5 TSI da 150 CV, con la disattivazione automatica dei cilindri ACT, abbinato di serie al cambio automatico DSG; ma in Italia, per ora, non è disponibile. Non sono previsti modelli ibridi, né diesel. E i prezzi? La nuova Skoda Fabia dovrebbe arrivare nelle concessionarie a ottobre, a un prezzo di partenza attorno ai 15.000 euro. Per la Skoda Fabia Wagon (unico esempio di famigliare fra le utilitarie) dovremo aspettare il 2023.

Skoda Fabia
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
37
54
17
8
14
VOTO MEDIO
3,7
3.70769
130




Aggiungi un commento
Ritratto di Ale 01
4 maggio 2021 - 23:42
La nuova Sandero purtroppo si è dimostrata carente sotto il profilo della sicurezza attiva e passiva. Questa Skoda invece sembra essere al top.
Ritratto di Pintun
5 maggio 2021 - 15:31
Mima, condivido in parte il tuo ragionamento, perché ormai queste sono di fatto delle medie, sia per dimensioni che per prezzi. Chi cerca un'utilitaria ormai oltre a Panda, Picanto, I10, Twingo e Aygo, non ha molta scelta, può spingersi al massimo fino a Y, Swift e Yaris. Però tutte hanno troppo di serie e infatti costano tutte troppo. Conosco molti che son passati da Punto e simili a Panda perché ormai le seg.B son diventate troppo lunghe e larghe.
Ritratto di steff69
4 maggio 2021 - 21:48
A parte che è rimasta l’unica Skoda con un nome pronunciabile insieme alla Octavia…si vede che è un’auto ben fatta, poco innovativa ma concreta. Certo la mancanza di un aiuto anche micro-ibrido su una vettura che dovrà restare sul mercato per i prossimi tre anni (almeno fino al primo restilyng utile) potrebbe rivelarsi un problema per le vendite.
Ritratto di zioesse
5 maggio 2021 - 06:53
In effetti la totale, sembra proprio, assenza di un minimo di ibrido per un modello in uscita a ridosso del 2022, cosa che per qualcuno un altro po dovrebbero esserci quasi solo new entry elettriche pure oramai:), non fa prorprio effetto avanguardia. poi personalmente sono il primo a credere ancora fermamente nel termico puro soprattutto in certi segmenti, ma posso assicurare che se domani pubblicassero che è in arrivo la nuova ypsilon o punto e prevederà solo motori benzina, be verrebbe seppellita all'istante fra i commenti :)
Ritratto di steff69
6 maggio 2021 - 08:41
In effetti questa scelta di Skoda mi lascia un po' perplesso, però sono anche certo che avranno fatto i loro calcoli, anche perché le cugine Polo e Ibiza hanno fatto la stessa cosa nonostante l'uscita dei modelli restilizzati di questi giorni.
Ritratto di Luzo
4 maggio 2021 - 21:54
Bella ...aspettiamo di avere conferma con la versione base . Intanto pare che Diess abbia una visione che porterà seat e skoda a non fare più concorrenza interna a VW come adesso
Ritratto di Demon_v8
4 maggio 2021 - 22:00
1
Molto bella, ma ha raggiunto dimensioni quasi da media..per come la vedo io le utilitarie non dovrebbero superare i 4m di lunghezza con una larghezza max di 172/173 cm ..
Ritratto di domila
4 maggio 2021 - 22:52
Ecco un motivo per cui Yaris e Swift restano tra le più convenienti.
Ritratto di zioesse
5 maggio 2021 - 07:03
Non credo a una regola universale. per chi in famiglia vuole fermarsi al segmento b come auto principale o avere la sua unica auto personale tuttofare, averla a pari spesa più grande, ovviamente se ciò rende in abitabilità e bagagljaio, sarà invece meglio a meno di non abitare nelle metropoli in cui anche 20cm fanno differenza soprattutto in parcheggio. cioè questa ha ben 380 litri di bagagliaio contro i 270 di swift e 290 di yaris. anche perchè esiste comunque un segmento sotto con ancora tante proposte poer chi vuole. magari se il b era l'ultimo dei segmenti quei 20 cm in mneno su alcuni modelli potevano essere molto più importanti
Ritratto di Demon_v8
5 maggio 2021 - 08:51
1
Il segmento delle utilitarie è destinato a sparire.. chi cerca comodità vira su un b-suv, chi non ha spazio in garage si compra un utilitaria. Come dimensioni e prezzi sono diventati troppo impegnative
Pagine