NEWS

Skoda: varie novità con le edizioni 2021

Pubblicato 02 luglio 2020

Sono in arrivo i modelli Skoda dotati dei motori aggiornati alla normativa Euro 6d e dei nuovi sistemi multimediali di terza generazione.

Skoda: varie novità con le edizioni 2021

I MOTORI SONO EURO 6D - Nelle prossime settimane arrivernno nelle concessionarie le edizione 2021 dei modelli Skoda, con minime novità stilistiche e più corposi aggiornamenti sotto il cofano visto il debutto dell’evoluzione di alcuni motori, adattati per essere in linea con la normativa anti-smog Euro 6d.

FABIA - L’utilitaria Fabia Fabia adotta i rinnovati benzina 3 cilindri 1.0, in versione aspirata MPI da 60 CV o turbo TSI da 95 CV. Il 1.0 MPI ha il cambio manuale a 5 rapporti; per il 1.0 TSI ci sono il medesimo manuale a 5 marce o il robotizzato doppia frizione DSG a 7 rapporti, non disponibile per la precedente edizione. Debuttano inediti cerchi di 16” e 17”, cambia il volante, il clima si impreziosisce con il filtro a carboni attivi (trattiene più impurità dall’esterno) e arriva la versione aggiornata del sistema Kessy per l’accesso a bordo senza chiave, più efficace contro i tentativi di furto. 

SCALA E KAMIQ - Per la berlina compatta Skoda Scala e la crossover Skoda Kamiq, basate sul medesimo pianale, c’è il 1.0 TSI nella versione da 95 CV e in quella da 110 CV, che sostituisce la precedente da 115 CV. Fra i benzina è presente anche il 4 cilindri turbo 1.5 TSI da 150 CV, oltre al 1.0 da 90 CV alimentato a metano. Sono ordinabili nuovi cerchi di 17” e debutta il rinnovato Kessy. Per la Kamiq arriva l’allestimento in crossover Scoutline, con protezioni in plastica non verniciata per la carrozzeria. 

KAROQ - La suv Skoda Karoq guadagna il 1.0 TSI da 110 CV e l’aggiornato 2.0 TDI in versione Evo, che riceve un nuovo catalizzatore SCR, in grado di abbattere le emissioni di ossidi d’azoto fino all’80%. La versione meno potente ha 115 CV e sostituisce il 1.6 TDI di pari potenza, ma sono presenti anche quelle da 150 CV o 200 CV. Per gli allestimenti S-Tech, Scout e Sportline ci sono il volante ed i sedili riscaldabili.

KODIAQ - Per la suv più grande Skoda Kodiaq sono disponibili il 1.5 TSI da 150 CV, abbinato ad un nuovo cambio manuale a 6 marce, e il 2.0 TDI Evo. La dotazione si impreziosisce dell’evoluto regolatore di velocità adattativo: tiene conto non solo della distanza di sicurezza dal veicolo che precede, ma anche del limite di velocità vigente. 

SUPERB - L’edizione 2021 della Skoda Superb riceve anch’esse il 2.0 TDI Evo, nelle versioni da 122 CV (sostituisce il 1.6 TDI da 120 CV), 150 CV e 200 CV. Arrivano l’evoluto regolatore di velocità adattativo e le telecamere di parcheggio con visione perimetrale: unendo le immagini riprese dalle 4 telecamere, lo schermo nella consolle mostra l’intera area attorno alla vettura.

NUOVI INFOTAINMENT - Le Skoda Karoq, Kodiaq e Superb 2021 si aggiornano anche nella tecnologia di bordo, perché ricevono i sistemi multimediali di terza generazione, connessi a internet tramite una scheda sim e dotati di inedite funzionalità, fra cui le app per ricevere aggiornamenti in tempo reale, la radio via internet e la connettività senza filo per Android Auto e Apple CarPlay. I nuovi sistemi multimediali sono disponibili nelle versioni Bolero, con schermo di 8”; Amundsen, con schermo di 8” e maggiori funzionalità; e Columbus, con schermo di 9,2” e ulteriori funzioni. Gli Amundsen e Columbus sono in grado di “dialogare” con un cloud, dove vengono salvate la grafica del cruscotto digitale, il colore del sistema di illuminazione interna a led e le regolazioni del clima automatico, dei sedili elettrici (se presenti) e degli specchietti. Dopo aver creato un profilo utente, il guidatore può ritrovare le personalizzazioni non appena sale a bordo di un’altra Skoda con i due sistemi citati. C’è anche la versione Swing, con schermo di 6,5” e il sistema multimediale di precedente generazione. 

Se dotate dei sistemi Bolero, Amundsen e Columbus, le Skoda Karoq, Kodiaq e Superb 2021 possono disporre dell’assistente vocale Laura e le porte usb di tipo C, adatte ai cavi di alimentazione dei più recenti smartphone. Una porta usb C è presente anche sopra lo specchietto retrovisore: serve ad alimentare la dash cam, la telecamera per riprendere la strada e avere una testimonianza video in caso di incidente. Inoltre, con l’edizione 2021, la Kodiaq riceve un più evoluto regolatore di velocità: tiene conto non solo della distanza di sicurezza dal veicolo che precede, ma anche del limite di velocità vigente.



Aggiungi un commento
Ritratto di Ferrari V12 6-5L
3 luglio 2020 - 08:57
VERAMENTE NON HAI ALTRO DA FARE CHE SCRIVERE SEMPRE STRONZ@T&??????? TROVATI UN LAVORO.
Ritratto di GiO420
3 luglio 2020 - 09:53
adesso come adesso, se dovessi spendere soldi per acquistare un'auto del gruppo VW, comprerei solo le skoda... il resto sono soldi buttati
Ritratto di ziobell0
3 luglio 2020 - 09:34
non comprerò mai una skoda però questo marchio negli ultimi 20 anni è stato valorizzato in modo pazzesco. In Svizzera vedo skoda da tutte le parti
Ritratto di oretaxa
3 luglio 2020 - 10:10
Mancano i sistemi ibridi 48V su Fabia, la modifica più importante...
Ritratto di sergioxxyy
3 luglio 2020 - 10:59
Skoda ha fatto passi da gigante e le vetture onestamente hanno delle buone rifiniture meglio addirittura di volkswagen; dal canto suo volkswagen mantiene sull'usato un valore molto piu' elevato rispetto ai marchi del loro gruppo stesso.
Ritratto di Ostacolo Mobile
3 luglio 2020 - 13:26
No, Skoda è impazzita completamente. Da auto semplici, robuste ed economiche è passata a roba costosa e complicata. Oggi non comprerei nulla se non la Fabia 60 CV aspirata. Peccato che abbia cerchi e gomme da manicomio, bastavano le 175/65r15.
Ritratto di Miti
3 luglio 2020 - 13:37
1
Quando una casa automobilisticav diventa un conglomerato di marchi è normale che si va su quella più " povera " di prezzo. Solo che visto i calci nel didietro presi da Volkswagen nei ultimi anni i prezzi sono allineati tra queste marche ovviamente nel loro favore. Vendere un marchio Skoda a quasi prezzo di Audi ...mi spiace no grazie. Tutti ormai vendono molto caro. Adesso ancora di più non abbasseranno i prezzi. Che motivo hanno ?
Ritratto di GiO420
3 luglio 2020 - 16:44
guarda che la cenerentola del gruppo VW è Seat. a parte la Cupra, che poi non la si può nemmeno considerare Seat, non c'è un modello che vada oltre i 30K.
Ritratto di Miti
3 luglio 2020 - 18:16
1
Il mio era solo un modo da dire. So che solo un paio vanno oltre 30 k e che sono i SUV Seat quelli grandi. Comunque non si può dire che sia Seat che Skoda hanno prezzi bassi su ultimi modelli. Sono perfettamente allineati al marchio madre. Non con molto sotto.
Ritratto di Miti
3 luglio 2020 - 18:51
1
Io non so gli stipendi dei metalmeccanici spagnoli. So che nel est , in Romania per esempio sia la Renault che la Ford non vanno oltre 500 euro per un operaio super specializzato.al mese. E questo dopo vari minacce di sciopero. E con prezzi per alimenti come in Italia . Se è così in Europa mi figuro in Africa ...mi sa che hanno un impianto in Tunisia la Renault . A questo punto i prezzi si tengono giù sempre in due modi alla fine dei fatti. O meno operai come numero o meno pagati ... o insieme tutte due queste condizioni. Materiali ovviamente non al avanguardia o meno. Riguardo la cenerentola di una multinazionale auto anche qui direi una cosa. Ti ricordi quando la Porsche voleva acquisire la VW ? Anni fa ? Poi in due anni la cosa se è invertita improvvisamente ? Era l' inizio di questa storia delle multinazionali auto. In quei anni sia la Porsche che la VW non avevano volumi di vendita come durante gli ultimi anni passati. E lo stato tedesco pur di non rischiare di perdere una di loro le ha messe insieme. Si trattava esclusivamente di non perdere l'industria auto autoctona. I cinesi erano in espansione. Un occhio nel riguardo anche la GM aveva ... Mantenere il Made in Germany in Germania è essenziale per i tedeschi. Che comunque non sono perfetti nemmeno loro. Essere la cenerentola è anche questione di scelta. Di management sbagliato. E qui includo auto che non vendono o impianti con una certa età. In Hyundai Kia era così con la Kia. In Peugeot Citroen la Peugeot. In Renault la Dacia , in Toyota la Daihatsu. Ma visto che tutti hanno mercato nei paesi meno ricchi o sono mirati su una certo tipo di popolazione o sistema ( Daihatsu ) i volumi di vendite ci sono. Ed e di preferire un volume ampio e meno qualitativo che poco ma più qualitativo. Alla fine la gran parte della gente guarda l'auto come un mezzo fi trasporto dal punto A al punto B. Saluti
Pagine