Skoda Superb: più generosa in fatto di sicurezza

Gli allestimenti più ricchi della Skoda Superb hanno ora di serie diversi sistemi per far viaggiare più sicuri.

A SUPPORTO DEL GUIDATORE - La Skoda Superb Wagon è una delle famigliari più spaziose e, da qualche settimana, la sua dotazione e quella della versione berlina (900 euro in meno) si è arricchita di sistemi per la sicurezza. Infatti, le più costose Style, SportLine e Laurin&Klement (che totalizzano il 30% delle vendite) hanno ora di serie gli abbaglianti automatici, il sistema di mantenimento di corsia e il monitoraggio dell’angolo cieco e del traffico che sopraggiunge dai lati quando ci si muove in retromarcia. Nelle vetture con cambio robotizzato a doppia frizione DSG si aggiunge anche il Traffic Jam Assistant con Emergency Assistant: nella marcia in colonna e fino ai 65 km/h, il primo consente all’elettronica di gestire freni, motore e sterzo, permettendo all’auto di fermarsi e ripartire da sola seguendo il flusso del traffico. Il secondo, invece, rileva l’eventuale inattività del guidatore, e in caso di un suo malore ferma gradualmente la vettura nella corsia occupata. Gli aumenti di prezzo variano (parecchio) a seconda della versione: in media, attorno ai 500 euro.

14 ANNI DI TRANQUILLITÀ - Nessun aggiornamento interessa l’allestimento intermedio Executive (che in Italia rappresenta il 60% delle vendite), che comunque è tutt’altro che spoglio: per la sicurezza, infatti, ha di serie il radar con frenata automatica d’emergenza (nel disegno qui sopra, standard per tutte le Superb), il riconoscimento della stanchezza del guidatore, i sensori di distanza con frenata automatica “anti-toccatina” (che abbiamo “toccato” con mano vedi qui), il cruise control adattativo (adegua con dolcezza e puntualmente la velocità a quella degli altri veicoli, come abbiamo potuto constatare in un lungo viaggio in autostrada) e il pacchetto Care Connect. Quest’ultimo comprende (gratis per 14 anni) la chiamata automatica d’emergenza e il sistema che permette alla concessionaria di “leggere” a distanza lo stato della vettura e proporre in anticipo interventi di assistenza, olttre all’accesso ai sistemi di bordo dal telefonino, gratuito per il primo anno. 



Leggi l'articolo su alVolante.it