NEWS

SsangYong: piano di sviluppo da 1,3 miliardi

19 luglio 2018

Avrà ricadute anche nei paesi europei, Italia compresa, dove verrà potenziata l’offerta commerciale e si lavorerà per aumentare l’identità del marchio.

SsangYong: piano di sviluppo da 1,3 miliardi

PROGRAMMA D’ATTACCO - Negli ultimi tre mesi del 2018 la SsangYong avvierà un importante programma di promozione del marchio. Con questo scopo il gruppo Mahindra, a cui appartiene la casa coreana ha stanziato 1,3 miliardi di dollari per iniziative da sviluppare nel prossimo quadriennio. L’operazione non sarà condotta centralmente: anche le filiali dei paesi europei saranno al centro delle iniziative, SsangYong Italia compresa.

ADEGUAMENTO DELLA RETE DI VENDITA - Ci sarà anzitutto una revisione della struttura commerciale, con il rinnovamento della rete di concessionari. Ciò assieme al rafforzamento della gamma. In Italia ci sarà una azione specifica per potenziare l’immagine della marca, puntando sulle doti di affidabilità dei modelli SsangYong. Il programma conta di proseguire il lavoro di rinnovamento avviato con il lancio del modello Tivoli, avvenuto nel 2015. Carta su cui la casa intende puntare è la garanzia quinquennale a testimonianza della affidabilità dei suoi prodotti.

GAMMA IN VIA DI RINNOVAMENTO - Dopo la Tivoli ci sono state altre due novità di rilievo: la crossover XLV e la nuova suv Rexton (foto qui sopra), modelli che hanno avuto una buona accoglienza e che saranno la base della nuova strategia commerciale legata al programma di sviluppo varato dalla casa. Intanto già si conoscono quali saranno le prossime tappe nella strategia prodotto della casa. Nei prossimi tre anni sono attese altre novità, a partire dalla nuova Korando, preannunciata per il 2019 e che nel 2020 arriverà anche in versione 100% elettrica. Oltre al Korando sono poi attesi altri nuovi modelli. Il traguardo che la SsangYong Italia intende raggiungere nel prossimo triennio è quello di conquistare una quota di mercato dell’1%.

SODDISFATTI O RIMBORSATI - Oltre che sul rinnovo e ringiovanimento della gamma la SsangYong Italia punta anche su una politica commerciale mirante a conquistare la fiducia del mercato. Testimonianza di questa strategia è la proposta “soddisfatti o rimborsati” che permette al cliente di restituire la vettura entro un mese dall’acquisto (o 2.000 km percorsi) ottenendo la restituzione di quanto pagato, con esclusione dell’IPT e delle spese di immatricolazione.



Aggiungi un commento
Ritratto di Roomy79
20 luglio 2018 - 08:10
1
Purtroppo si sono (per ottenere successo commerciale e ci riescono) “tedeschizzati”, quindi linee europee, ma che non sconvolgano, mascherine frontali stile Audi, che aumentano all’aumentare della categoria, in ogni caso ottime auto. Non ancora perfetta la rete assistenza, ne abbiamo cambiate un paio e alla fine siamo tornati dal meccanico di fiducia.
Ritratto di Giuliopedrali
20 luglio 2018 - 11:20
Be se non ve ne siete accorti coi SUV oggi per qualunque costruttore anche delle isole Tuamotu è facile entrare in qualunque mercato anche maturo, cosa che i coreani iniziando con berline, coupé ed utilitarie (è molto più difficile) ci hanno messo un decennio.
Ritratto di Roomy79
20 luglio 2018 - 12:19
1
Infatti le prime auto con successo di massa di sono state ix 35 e sportage nel 2010. Pero concordo in pArte, alle spalle ci va anche qualità e una gamma completa, dr e great wall che hanno proposto solo suv hanno fallito miseramente l’obiettivo
Ritratto di Giuliopedrali
20 luglio 2018 - 14:20
DR sta vendendo il 400% in più ogni 6 mesi e la scelta di SUV è fondamentale. Great Wall ha venduto tanto col suo SUV H6 considerando che non esistevano manco i concessionari, pubblicità zero e insomma venivano proprio dal nulla.
Ritratto di Spock66
19 luglio 2018 - 13:50
Purtroppo tutto questo passa per un aumento dei prezzi non da poco..la Rexton di prima, che non era assolutamente male, si prendeva 4WD con 30000 euro (e forse anche meno), quella di adesso ce ne vogliono 40000..certo che se il rilancio dei marchi avviene con aumenti del 30%..ciao ciao
Ritratto di NeroneLanzi
19 luglio 2018 - 14:34
Di fatto l’obiettivo è anche scrollarsi di dosso l’immagine di auto low cost. In parte va fatto anche con il listino. Adesso per l’Italia il nuovo responsabile del marchio è uno che sa il fatto suo, quindi un investimento di questo tipo potrebbe essere ben sfruttato da noi. Diciamo che nel complesso fan più impressione i 9k€ in più su Wrangler che da una generazione all’altra mantiene invariato il posizionamento cambiando però il listino.
Ritratto di Giuliopedrali
19 luglio 2018 - 21:24
Ssangyong fa pochi modelli e a parte la Tivoli poco adatte al nostro mercato, aspettiamo qualche mesetto...
Ritratto di gianpaolo cianferoni
20 luglio 2018 - 16:24
Ho avuto una Korando cc.2000 a benzina negli anni 2001-2005 comprata nuova. Ottime finiture e grande motore di derivazione Mercedes. L'unico componente che fui costretto a cambiare è stato il telecomando per la chiusura delle portiere, di fabbricazione italiana. Mi pento, a distanza di tanti anni, di non averla tenuta, anche perché vedendo i fuoristrada di oggi, la sua linea è sempre attuale
Ritratto di Maria Rossi
20 luglio 2018 - 19:19
Sono d'accordo!
Ritratto di Giuliopedrali
20 luglio 2018 - 18:27
Tutto sommato originale, un vero gippone con quel muso lungo. Un enorme successo in Corea. Ora anche i coreani puntano su modelli più mainstream, spero non si tedeschizzino troppo con auto che confondi tra loro...
Pagine