NEWS

Stellantis: niente crediti verdi dalla Tesla nel 2021

Pubblicato 06 maggio 2021

La FCA ne aveva bisogno per rispettare i limiti sulla CO2 imposti dalla UE, ma il gruppo Stellantis, nel quale è confluita, ne potrà fare a meno. 

Stellantis: niente crediti verdi dalla Tesla nel 2021

LA FCA SPESE 2 MILIARDI - Il ceo del gruppo Stellantis Carlos Tavares (nella foto), in occasione di un’intervista alla rivista francese Le Point, ha dichiarato che l’azienda raggiungerà i suoi obiettivi europei 2021 in termini di CO2 senza ricorrere ai crediti ambientali. Cosa che dovette fare lo scorso anno la FCA, poi confluita in Stellantis insieme a PSA, investendo l'enerme cifra di circa 2 miliardi di euro per l’acquisto di crediti di CO2 dalla Tesla, utilizzabili nel periodo 2019-2021. 

I LIMITI E LE MULTE - La legge europea prevede che i costruttori non in grado di rispettare i vincoli in materia di emissioni possono acquistare “crediti verdi” da altre case automobilistiche, come appunto Tesla, che produce solo auto elettriche e quindi non genera emissioni. In Europa, a partire dal 2021, la media delle emissioni di CO2 di tutte le auto vendute da ogni singolo gruppo automobilistico non devono superare i 95 g/km. La multa prevista per chi sfora è di 95 euro per ogni grammo di CO2 oltre il limite, moltiplicato per il numero di auto vendute nel 2020 e 2021, anche se il 5% dei veicoli più inquinanti non sarà conteggiato nel 2020.

SOTTO I LIMITI NEL 2021 - Stando quindi alle proiezioni di Carlos Tavares, grazie alle auto ibride ed elettriche portate in dote principalmente dalla PSA, Stellantis sarà in grado di soddisfare le normative sulle emissioni di anidride carbonica già dal 2021, anno in cui si è prefissata l’obiettivo di vendere globalmente 400.000 veicoli elettrificati, triplicando le 139.000 unità consegnate nel 2020. Un portavoce di Stellantis ha dichiarato che il gruppo sta discutendo con Tesla sulle implicazioni finanziarie della decisione di interrompere l'accordo relativo ai crediti verdi. 

Stellantis: bene il primo trimestre 2021





Aggiungi un commento
Ritratto di 82BOB
6 maggio 2021 - 13:43
2
Iniziano a vedersi tiepidi segnali di demaglioncinizzazione?
Ritratto di AndyCapitan
7 maggio 2021 - 13:03
1
....era una vera vergogna dover prendere crediti da Tesla per sopperire a lacune aziendali....vergogna ancora adesso FCA!!!!
Ritratto di Er sentenza
6 maggio 2021 - 15:46
Si vede che l'ecologia viene presa molto seriamente sia dall'UE che dai costruttori. Se non basta taroccare i consumi nei cicli di omologazione, se non basta truffare i fessi facendo loro credere che una plug-in fa 80km/l....paghi Tesla ed in omaggio ti fanno pure la tessera di greepeace
Ritratto di andrea10
6 maggio 2021 - 16:22
Oltretutto , i km fatti in solo elettrico costano quanto quelli percorsi a benzina , se le batterie non le riesci a ricaricare a casa. Dalle colonnine , ben che ti vada risparmi solo il 15-20% per arrivare a pagare oltre il 20% in + alle colonnine a carica rapida . Crediti ambientali , auto normali con 300 km veri di autonomia ,se va bene , alla modica cifra di 40.000 eurini che non sai neanche come ricaricare e già quest'ansia da rifornimento ti sfinisce. Poi ovviamente ti giri e trovi fabbriche , caldaie e soprattutto giganti del mare che avvelenano il mondo ; Per non parlare ovviamente della produzione batterie ed energia elettrica , che probabilmente dovrebbe inquinare quanto una vettura termica almeno per i primi anni.
Ritratto di RubenC
6 maggio 2021 - 17:25
1
Andrea10, voglio fonti e voglio l'elenco delle elettriche con cui hai viaggiato.
Ritratto di andrea10
6 maggio 2021 - 18:01
Ovviamente , parlo di esperienza personale con le vetture del gruppo per cui vendo , quindi Captur Hybrid plug-ing,Clio Full Hybrid ,Zoe E Kangoo Full elettric. Le fonti per quanto riguarda i prezzi del carburante?Quattroruote fece un articolo a riguardo pochissimo tempo fa
Ritratto di RubenC
6 maggio 2021 - 18:21
1
Captur e Clio non sono elettriche, il Kangoo è ormai un modello quasi fuori produzione. Resta la Zoe, che comunque non costa 40.000 euro, ma fra incentivi e promozioni si può portare a casa con un prezzo a partire da poco più di 19.000 euro (promozione presente sul sito Renault e confermata da un concessionario locale quando un mio parente ne ha comprata una, pagata, senza rottamazione e con qualche optional, 24.000). Sul costo di gestione si risparmia ben più del 15%, a patto di ricaricare a casa (dove il costo è di 0,18 - 0,20 euro a kWh). Sull'inquinamento ne ho già discusso abbastanza su questo forum, e non sto certo a ripetere tutti gli argomenti, ma tutte le fonti sostengono che l'impatto ambientale di un veicolo elettrico sia molto minore di quello di un veicolo termico. Infine, l'ansia da autonomia non sfinisce nessuno: qualunque proprietario di EV presente sul forum può confermarlo.
Ritratto di MS85
6 maggio 2021 - 20:21
Veramente è proprio quello che ha scritto Andrea: si risparmi a patto di avere la possibilità di installare una wallbox a casa.
Ritratto di deutsch
7 maggio 2021 - 14:19
4
il risparmio non è solo nel carburante ma anche nel bollo, assicurazione e soprattutto manutenzione. prendere una plugin o elettrica senza avere una box o posta auto dove ricaricare non ha senso
Ritratto di MS85
7 maggio 2021 - 14:22
Certo, io stavo parlando nel merito della ricarica, che era il tema che stavano affrontando nello specifico Ruben e Andrea, dicendo (credo senza accorgersene) la stessa cosa.
Pagine