NEWS

Stellantis: niente crediti verdi dalla Tesla nel 2021

Pubblicato 06 maggio 2021

La FCA ne aveva bisogno per rispettare i limiti sulla CO2 imposti dalla UE, ma il gruppo Stellantis, nel quale è confluita, ne potrà fare a meno. 

Stellantis: niente crediti verdi dalla Tesla nel 2021

LA FCA SPESE 2 MILIARDI - Il ceo del gruppo Stellantis Carlos Tavares (nella foto), in occasione di un’intervista alla rivista francese Le Point, ha dichiarato che l’azienda raggiungerà i suoi obiettivi europei 2021 in termini di CO2 senza ricorrere ai crediti ambientali. Cosa che dovette fare lo scorso anno la FCA, poi confluita in Stellantis insieme a PSA, investendo l'enerme cifra di circa 2 miliardi di euro per l’acquisto di crediti di CO2 dalla Tesla, utilizzabili nel periodo 2019-2021. 

I LIMITI E LE MULTE - La legge europea prevede che i costruttori non in grado di rispettare i vincoli in materia di emissioni possono acquistare “crediti verdi” da altre case automobilistiche, come appunto Tesla, che produce solo auto elettriche e quindi non genera emissioni. In Europa, a partire dal 2021, la media delle emissioni di CO2 di tutte le auto vendute da ogni singolo gruppo automobilistico non devono superare i 95 g/km. La multa prevista per chi sfora è di 95 euro per ogni grammo di CO2 oltre il limite, moltiplicato per il numero di auto vendute nel 2020 e 2021, anche se il 5% dei veicoli più inquinanti non sarà conteggiato nel 2020.

SOTTO I LIMITI NEL 2021 - Stando quindi alle proiezioni di Carlos Tavares, grazie alle auto ibride ed elettriche portate in dote principalmente dalla PSA, Stellantis sarà in grado di soddisfare le normative sulle emissioni di anidride carbonica già dal 2021, anno in cui si è prefissata l’obiettivo di vendere globalmente 400.000 veicoli elettrificati, triplicando le 139.000 unità consegnate nel 2020. Un portavoce di Stellantis ha dichiarato che il gruppo sta discutendo con Tesla sulle implicazioni finanziarie della decisione di interrompere l'accordo relativo ai crediti verdi. 

Stellantis: bene il primo trimestre 2021





Aggiungi un commento
Ritratto di andrea10
7 maggio 2021 - 17:51
Certamente , ma son prezzi drogati attualmente e anche gli incentivi su assicurazione , bollo ecc ... saranno in vigore non per molto tempo , fin quando non si inizierà a vendere sul serio secondo me. Su alcune vetture non ti discosti molto , anzi la Twingo con gli incentivi Statali costa quanto quella termica , 1.000€ circa in più. Ma grazie agli incentivi. Sulla manutenzione è sicuro il risparmio , se sai guidare anche le pastiglie dei freni durano una vita. Difatti non so cosa si inventeranno le officine e l'indotto ... Una vettura termica ha oltre 1000 componenti , se non vado errato una elettrica intorno ai 50 , speriamo bene. Io davvero spero in un futuro prossimo robotizzato , dove i lavori pesanti e di industria vengano fatti dai robot , così da esser tassati solo quelli e dare una sorta di stipendio a tutti per vivere e non lavorare soltanto una vita , ma questi son altri discorsi
Ritratto di andrea10
6 maggio 2021 - 21:21
Infatti una Intens ne costa 38.000 circa, finita. Incentivi statali con rottamazione di 10.440 euro. Ovviamente diverso se vivi in Lombardia Veneto ecc. Per impatto e costi mi rivalgo alle riviste in cui leggo certi articoli, altrimenti non potrei parlarne non avendo competenze, come quasi tutti del resto. Cordialmente
Ritratto di RubenC
6 maggio 2021 - 23:08
1
Ma chi ti obbliga a prendere la Intens? È un discorso che c'entra poco con la discussione sui limiti dell'elettrico, dato che si tratta di equipaggiamento e optional che non intaccano le prestazioni riguardo all'autonomia, ai consumi, al tempo di ricarica eccetera. Oltretutto gli incentivi statali vanno contati finché ci sono, perché se non esistessero in molti casi il prezzo di listino sarebbe significativamente inferiore a quello attuale.
Ritratto di andrea10
7 maggio 2021 - 09:45
Ovviamente nessuno , ma se dobbiamo paragonare una termica di pari dimensioni , come una Clio , sempre in allestimento base ci scappano 12.000 euro con gli incentivi statali , pensa senza questi ultimi . Io son a favore della transizione , ma ragionata e sostenibile , ecologicamente ed economicamente. Sbaglio qualcosa nel mio ragionamento?
Ritratto di deutsch
7 maggio 2021 - 14:23
4
tra una golf ed una id3 non c'è tutta questa differenza a pari dotazione e con gli incentivi costa pure meno, stesso dicasi per enyaq e kodiq o tiguan e id4
Ritratto di AndyCapitan
7 maggio 2021 - 13:10
1
....solo se carichi a casa hai un risparmio grande se no meglio il metano....e solo se hai i supercharger gratis...quindi ...o tesla...o niente elettrica....puo' funzionare inoltre anche la dacia spring per ora....a patto che si girotti nell'arco di 250 km andata e ritorno...al limite anche la corsa,la zoe o la mokka ma richiedono gia' un notevole investimento!!!!
Ritratto di deutsch
7 maggio 2021 - 14:21
4
una id3, leaf o enyaq pur essendo tutte più grandi, a volta molto, si possono acquista per ben meno di 38 k di listino
Ritratto di Roomy79
6 maggio 2021 - 21:57
1
Mamma mia, le tue reazioni ad ogni critica ai tombini elettrici sono così appassionate da far diventare gelosa la tua fidanzata... Chissà se l'hai mai difesa così
Ritratto di RubenC
6 maggio 2021 - 22:56
1
Roomy79, dici a me? I tuoi immancabili insulti contro i "tombini elettrici" sono invece una reazione pacata e spassionata? PS. La battuta ti è andata male: sono single e gay, quindi nessuna fidanzata da difendere.
Ritratto di RubenC
6 maggio 2021 - 17:28
1
Er sentenza, i crediti verdi non sono mica così scorretti... La questione è questa: non sei proprio riuscito a vendere auto a basso impatto ambientale? Bene, a questo punto è meglio che la penalità che dovresti pagare la devolvi a un'azienda che produce mezzi ecologici. Tu hai danneggiato l'ambiente, ma sei stato "punito" e hai dovuto finanziare qualcuno che dà un contributo positivo alla questione.
Pagine