NEWS

Stellantis: Tavares a Mirafiori e Grugliasco

di Fabio Madaro
Pubblicato 25 febbraio 2021

Nella sua seconda visita agli impianti italiani il ceo di Stellantis conferma gli investimenti della Maserati, ma sottolinea che il costo di produzione in Italia è troppo alto.

Stellantis: Tavares a Mirafiori e Grugliasco

VISITA LE FABBRICHE - Come riferisce il Sole 24 Ore, il ceo di Stellantis, Carlos Tavares, ha fatto visita agli stabilimenti italiani di Mirafiori e Grugliasco. Un incontro con i rappresentanti dei lavoratori di tutte le sigle sindacali durato oltre un’ora. Mirafori e Grugliasco sono due realtà industriali italiane ancora molto importanti e perciò la scelta di Tavares è anche simbolica a poche settimane dalla fusione tra FCA e PSA. Il ceo di Stellantis è stato a Mirafiori, dove nasce la Fiat 500 elettrica, e a Grugliasco, dove si realizzano le Maserati Ghibli e la Quattroporte. E proprio a Grugliasco ha ribadito la sua intenzione di voler lavorare intensamente per il rilancio della Maserati. 

TEMI CRUCIALI - Secondo i sindacalisti i colloqui si sono svolti in un clima sereno, apprezzando la volontà di Tavares di aprire un dialogo con le organizzazioni sindacali su temi importanti come il costo del lavoro, la produzione, la competitività degli impianti. La visita a Torino segue quella fatta allo stabilimento di Melfi e di Cassino.

RILANCIO DELLA MASERATI - La situazione delle fabbriche torinesi ed è legata soprattutto alle attuali difficoltà della Maserati sul mercato. Grugliasco era la sfida di Fiat Chrysler sul polo del lusso e sul rilancio del brand Maserati ai tempi di Marchionne. E dopo i buoni risultati del 2017 i volumi sono calati e alla gamma si è aggiunta soltanto la Levante. E lentamente il mercato ha perso quote. C’è grande attesa per quello che il piano industriale di Stellantis indicherà per il rilancio del Tridente.

COSTO DI PRODUZIONE - Un altro nodo fondamentale al centro del confronto con i sindacati è il tema del costo del lavoro. Il ceo di Stellantis ha avuto colloqui anche con i rappresentanti dei sindacati delle fabbriche italiane di Fiat Chrysler e pare abbia lamentato i costi di produzione troppo elevati, da Mirafiori a Grugliasco e forse anche altrove, sono costi più alti rispetto a quanto avviene nelle fabbriche ex PSA di Francia e Spagna. E avrebbe aggiunto che i costi più alti non derivano certo dai salari rispetto ai lavoratori francesi e spagnoli.





Aggiungi un commento
Ritratto di Miti
25 febbraio 2021 - 21:48
1
@Flavio8484. Ricordiamo che prestito hanno preso poco tempo fa questi della FCA. In gran parte garantito dallo stato. In quanto potrei rispondere io al CEO di Stellantis che per avere costi di produzione minori devi investire , signor Tavares. Usare materiali sostenibili. Fare ricerca. Dare un bel design alle tue auto , signor Tavares. E non per l'ultimo fare auto che si vendono. Vai a dire ai metalmeccanici francesi così. O vai oltreoceano. Poi ne parliamo in seguito.
Ritratto di querelle61
27 febbraio 2021 - 11:43
Standing ovation
Ritratto di AndyCapitan
25 febbraio 2021 - 19:17
1
Claus90.....i costi in italia son piu' alti perche' lo stato ci tassa troppo ma magari anche perche' fiat aveva dei comparti inutili con burocrazie inutili con vari sign...grand duc...figli di put al comando...come diceva fantozzi....tagliare tutto tavaressssss !!!!...vuoi vedere che forse i francesi ci mettono in riga?!!!!
Ritratto di Alex1111
26 febbraio 2021 - 17:04
1
Bero
Ritratto di Alex1111
26 febbraio 2021 - 17:04
1
Vero
Ritratto di Ale 01
25 febbraio 2021 - 11:15
Non aveva detto qualche settimana fa che non gli interessava il costo di produzione perché incide solo per il 20%?
Ritratto di Meandro78
25 febbraio 2021 - 14:30
Quello era il messaggio di presentazione, un po' in stile Draghi prima della fiducia... Oops...
Ritratto di The Krieg
25 febbraio 2021 - 14:41
Ha detto che il costo del lavoro incide molto poco. Il problema qui sono tasse, corrente, burocrazia, ecc.
Ritratto di alvolantefan
25 febbraio 2021 - 11:44
Da quel poco che si evince dall'articolo Tavares non voleva dire che allora per ridurre i costi produciamo fuori dall'Italia, ma che i costi sono più alti rispetto agli stabilimenti in Francia e Spagna. Si chiede: perchè? dato che i salari non sono più alti? Domande legittime..
Ritratto di katayama
25 febbraio 2021 - 12:28
@alvolantefan Certo, perché le macchine non vendono e di conseguenza la saturazione è al 55%. Polarizzare quell'area produttiva nel luxury è un suicidio. Anche lì deve arrivare il pianale CMP. Segui il CMP e scopri come si stanno muovendo e dove andranno i posti di lavoro. In seconda battuta l'EMP2.
Pagine