NEWS

Stellantis: per tutti i marchi programmi di 10 anni

Pubblicato 14 maggio 2021

Il ceo di Stellantis, Carlos Tavares, conferma che nessuno dei 14 marchi del gruppo sarà lasciato indietro, con programmi e budget a lungo termine.

Stellantis: per tutti i marchi programmi di 10 anni

Stellantis, il gruppo nato lo scorso gennaio dalla fusione della FCA e della PSA, conferma l'impegno per portare avanti lo sviluppo di tutti e 14 i marchi che lo compongono. A dichiararlo è l’amministratore delegato Carlos Taveres (nella foto) a margine di una conferenza di Automotive News. Il dirigente ha dichiarato che ogni marchio, al fine di mostrare la propria profittabilità sul mercato, riceverà finanziamenti per 10 anni e un opportuno piano di sviluppo. Una volta superato questo periodo verranno valutati i risultati raggiunti da quel determinato brand e prese delle decisioni.

Tavares ha ribadito che il gruppo è impegnato a rivedere la sua strategia in Cina, mercato dove attualmente latita, e che entro la fine dell’anno verrà presentato il piano di sviluppo dell’intero gruppo, che conterrà dei fondamentali passaggi per garantire la sopravvivenza di tutti i marchi. L’annuncio di Tavares quindi conferma, ancora una volta, la volontà di rilanciare anche gli storici marchi italiani come Alfa Romeo e Lancia, che insieme alla DS sono stati accorpati nella sotto divisione premium, supervisionata dal ceo del Biscione Jean Philippe Imparato.





Aggiungi un commento
Ritratto di Giocatore1
16 maggio 2021 - 12:06
1
Certo lo so, ma ai miei occhi non è un rilancio per questi marchi, anzi è uno spreco. Secondo me un discorso del genere andava fatto prima, adesso con la transizione all'elettrico perché non creare nuovi marchi ad hoc tipo tesla o nio? Tanto ormai ai clienti il nome lancia o alfa romeo non dice nulla e ricorda il passato, secondo me quindi non porta nessun vantaggio, anzi. Marchi nuovi sarebbero più efficaci, se affiancati da una buona operazione di marketing ovviamente. E così ci risparmieremmo anche il massacro storico dei nostri marchi storici italiani che finalmente forse avranno pace, perché un conto è usare per operazioni del genere skoda o seat un'altro lancia e alfa romeo, secondo me.
Ritratto di Giuliopedrali
16 maggio 2021 - 09:18
Si e alla fine qualche marchio verrà lasciato da parte, non ci vuole molto, o faranno qualcosa di nicchia semi-artigianale, ma non la vedo una soluzione adatta ad un mega gruppo come questo, un nulla da contrapporre a ciò che stanno facendo tedeschi, coreani, giap e cinesi nel mondo.
Ritratto di Trattoretto
16 maggio 2021 - 19:19
Fossi in Stellantis lancerei la Lancia Y Edizione Perpetua. Così da seppellire, una volta per tutte, le chiacchiere sul nuovo modello che dovrebbe uscire, ma che ancora non viene presentato.
Ritratto di Miti
16 maggio 2021 - 23:51
1
A me queste parole ... Da quando è "nata " quest'azienda sento semplicemente promissione. Faremo qua , faremo la. Io semplicemente aspetterò per vedere che succederà. Nemmeno non mi metto a commentare una roba del genere.
Ritratto di Alex1111
17 maggio 2021 - 11:50
1
Figurarsi. Tra 10 anni è tutto francese. Tanto non le compro
Ritratto di Giuliopedrali
17 maggio 2021 - 17:22
Il brutto è che poi magari escono davvero 4 o 5 modelli Alfa Romeo e poi magari anche delle Lancia, e magari fatte come si deve, però ormai il pubblico si è spostato da anni verso Audi e similia e voglio vederti, una cosa è vendere le Tesla, MG o Nio o Ioniq / Hyundai dove prima non c'era niente, il che è un grande successo, ma riprovarci in un mercato ormai invaso da altri è molto difficile.
Ritratto di Zucchini
17 maggio 2021 - 20:59
Ma cosa aspettano dieci anni non sanno costruire auto... Non perdete tempo.....
Ritratto di Dario 61
17 maggio 2021 - 22:54
Campa cavallo... intanto ha già dichiarato che gli stabilimenti italiani costano troppo (certo con i pochi modelli che producono...) e di conseguenza taglierà tutto il possibile. La conseguenza sarà che i vari modelli saranno tutti con le stesse piattaforme francesi e prodotti al di fuori dell’Italia, delle rimarchiature, quindi. In Italia, magari, rimarrà Maserati e poco altro. A questo punto che ci frega di una Punto sorella di Corsa e 208 prodotta chissà dove? O di una Giulietta sorella di 308 e Astra costruita in Francia? Niente di niente.
Ritratto di Giuliopedrali
18 maggio 2021 - 08:11
Mi sembra che proprio Tavares o Imparato abbiano dichiarato ieri che ci vorranno comunque 10 anni: campa cavallo...
Pagine