NEWS

Subaru BRZ e Toyota GT86: stop alla produzione

Pubblicato 06 aprile 2020

Le ultime usciranno dalla fabbrica a maggio, ma già per l’Italia è stata sospesa l’importazione: “colpa” del coronavirus e delle multe europee sulla CO2. Nel 2021 la nuova generazione.

Subaru BRZ e Toyota GT86: stop alla produzione

ADDIO DOPO 8 ANNI - È ufficiale: dopo otto anni le “gemelle” Subaru BRZ e Toyota GT86 escono di produzione. Sviluppate congiuntamente dalle due case e costruite negli stabilimenti giapponesi della Subaru, queste due sportive hanno riportato l’attenzione sulle coupé divertenti da guidare ma accessibili nel prezzo. Lo stop è stato anticipato di qualche mese rispetto ai piani e le ultime vetture lasceranno le catene di montaggio a maggio. Per la BRZ, però, le ultime 35 destinate all’Italia sono già sulle navi e arriveranno a breve: superaccessoriate e destinate a un’edizione finale.

PREZZI ALLE STELLE - I motivi dello stop anticipato sono molteplici: la crisi del coronavirus, ma anche le multe europee sui limiti della CO2: è stato calcolato che per “assorbirle” il prezzo di una BRZ, che parte da € 32.900, dovrebbe aumentare di 9.000 euro. Diverso il discorso per la Toyota, dove la media delle emissioni della CO2 della gamma è più bassa, grazie all’abbondanza di modelli ibridi. E a proposito di aumenti di prezzo, pare sia un destino comune ad altre sportivette: da inizio anno per la Mazda MX-5 si è assistito a rincari fino a 4.000 euro (in parte compensati, va detto, da una dotazione più ricca).


Nella foto qui sopra l'edizione di finale Toyota GT86 Black Limited, più in alto la BRZ.

EREDI NEL 2021 - Ma le due coupé non rimarranno senza eredi: la nuova generazione dovrebbe arrivare già nell’estate del 2021. Ancora sconosciute le caratteristiche, ma pare molto probabile l’uso di un quattro cilindri boxer Subaru: come ora, ma stavolta turbo. Ancora non è chiaro se si tratterà del 2.4 già in vendita negli Stati Uniti o il nuovo 1.8 presentato qualche mese fa. Ad ogni modo i cavalli dovrebbero arrivare a circa 250, ben cinquanta in più rispetto a quelli dei modelli attuali che ne contano “solo” 200: non molti per delle vetture sportive. Con l’occasione, la Toyota GT86 potrebbe anche cambiare nome, passando a GR86 per meglio sottolineare il legame con la Gazoo Racing, il reparto sportivo della casa. 

Subaru BRZ
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
124
70
32
26
27
VOTO MEDIO
3,9
3.853045
279




Aggiungi un commento
Ritratto di Road Runner Superbird
6 aprile 2020 - 19:37
I limiti sulla CO2 è un'altra cosa che andrebbe rivista...
Ritratto di tramsi
6 aprile 2020 - 19:43
Prestazioni inferiori a quelle delle segmento B sportive e, in fin dei conti, anche a quella della Mazda MX-5 2.0, che in più è anche roadster e certamente non seconda in termini di piacere di guida. Fin dall'inizio gli appassionati hanno chiesto una potenza adeguata al layout meccanico (peraltro, di una sportiva chiusa) e le prove hanno evidenziato una cronica carenza di coppia. Quando fu commercializzata, oltretutto, aveva anche un prezzo vicino a quello delle segmento C sportive, molto più prestazionali. Divertente da guidare, ok, ma per ma per essere iconica avrebbe dovuto soddisfare le richieste dei suoi stessi possessori. Speriamo in quella del 2021.
Ritratto di Andre_a
6 aprile 2020 - 20:29
8
È divertente da guidare, ti puoi portare dietro la famiglia oppure un treno di gomme per la pista, per me è perfetta, chissenefrega delle prestazioni assolute! Anche la mancanza di coppia è un problema facilmente superabile in paesi più liberali del nostro (quasi tutti). Per me il suo unico problema è che piace a molti, quindi anche i primi esemplari costano ancora un sacco di soldi.
Ritratto di Giuliopedrali
6 aprile 2020 - 21:01
Fortuna che ne faranno una nuova generazione perchè questa quelle rarissime volte che l'ho vista non mi ha detto niente, quanto rimpiango l'auto bassa che avevo davvero ti portavi dietro altro che la famiglia, questa è come tutte le ultime coupè coupettine alla fine, promette molto ma alla fine nessuno la vuole, mentre guardate la 911, quasi 200 esemplari al mese in italia...
Ritratto di Andre_a
6 aprile 2020 - 21:17
8
@Giuliopedrali: vorrei che fosse come dici, ma purtroppo non hai ragione. Se non la volesse nessuno, nel mercato dell’usato la darebbero via per 2 lire, ma non è così.
Ritratto di Giuliopedrali
6 aprile 2020 - 21:27
Io al di fuori dalla concessionaria Toyota che poi è in fondo alla mia via in pratica, ne ho vista una o due in tutto e non è uscita da poco, certo è un'auto di nicchia che ha un suo pubblico, ed è giusto che si paghi il giusto, però almeno esteticamente si vedono i soliti limiti giapponesi, meccanica e anche impostazione straordinaria e poi manca l'umiltà di fare vestire sto bendidio da un designer italiano, potrei farlo io, ho cominciato a disegnare anche coupè dopo tonnellate di SUV...
Ritratto di tramsi
6 aprile 2020 - 21:54
Certamente...
Ritratto di supermax63
7 aprile 2020 - 02:03
Un Ego spropositato, Umiltà sconosciuta Una belle pretesa voler insegnare ai Giapponesi
Ritratto di Giuliopedrali
7 aprile 2020 - 09:06
L'ironia questa sconosciuta, ho detto esattamente che l'auto di per se è fantastica, una delle poche oggi ad un prezzo medio, però manca di un design veramente accattivante, pensiamo all'ulltima piccola coupè italiana la Fiat Coupè aveva fascino da vendere appunto, in Italia non facciamo mai niente di insipido, quindi l'augurio è che ne esca una nuova, magari anche più potente come dice tramsi e soprattutto con un design che colpisca, mica è una 500L.
Ritratto di Road Runner Superbird
7 aprile 2020 - 13:20
Fiat Coupe disegnata dall'italiano Bangle.
Pagine