NEWS

La Subaru festeggia i suoi 60 anni

17 luglio 2013

La casa giapponese celebra l’anniversario della sua nascita, avvenuta nel luglio del 1953. Dalle vetturette di 360 cc al titoli mondiali nei rally.

La Subaru festeggia i suoi 60 anni
BUON COMPLEANNO - Esattamente oggi la Subaru festeggia i 60 anni. La prima Subaru, cioè la prima automobile prodotta dalla Fuji Heavy Industries, casa madre del marchio, fu la 1500 P1, presentata nel 1954. Utilizzava un motore prodotto dalla Subaru ma di origine Peugeot. Anche il design della vettura aveva qualcosa di ispirato alla casa francese. Il logo della Subaru riproduce una costellazione, e Subaru è il nome che in giapponese viene dato alle Pleiadi. Il riferimento simbolico è alle cinque piccole società che si unirono per creare la Fuji Heavy Industries, che generò la Subaru.
 

La prima Subaru si chiamava P1 1500. Più in alto la foto della Leone: prodotta in tre generazioni, dal '71 al '94, è un'auto molto importante per la Subaru perché contribuì a diffondere la trazione integrale molto in anticipo rispetto ad altri costruttori.
 
DA PEUGEOT ALLE MINICAR - Per vedere un modello più originale ci vollero cinque anni; fu infatti nel 1958 che venne presentata la Subaru 360 Mini, una piccola berlina (era lunga meno di 3 metri), dalla forma un po’ evocante il Maggiolino, un po’ la Renault 4CV. Il motore era in posizione posteriore, di cilindrata 356 cc (da lì il nome del modello). La Subaru 360 ebbe un notevole successo e venne costruita in 392 mila esemplari. Dopo di lei vennero diversi altri modelli anche di dimensioni e categoria superiore.
 

A sinistra la piccola citycar 360 del 1958, a destra la sua erede, la R2 del 1969.
 
GRANDI SOCI - Da allora si susseguirono molti modelli di autovetture, mentre la Subaru avviò anche la produzione di bus. Nel corso della sua storia, la Subaru ha avuto nel suo capitale sociale importanti quote di costruttori stranieri: dapprima la Nissan, poi la General Motors e attualmente (dal 2005) la Toyota. 
 

Nel 1991 la Subaru introdusse sul mercato la sofisticata coupe SVX, dotata di motore 3.0 V6, cambio automatico e trazione integrale.
 
TRE TITOLI IRIDATI - Se la storia della Subaru più vicina alle origini della casa è stata caratterizzata dalle attività giapponesi, a partire dagli Anni 90 il marchio è divenuto celebre nel mondo per la sua partecipazione al campionato mondiale rally, vincendo tre volte il titolo iridato (negli anni 1995, 1996, 1997) con i piloti Colin McRea, Richard Burns e Peter Solberg su Impreza.
 

L'Impreza (qui la prima serie del 1994) è l'auto che ha contribuito di più alla crescita della Subaru, grazie anche alle numerose vittorie nel rally degli Anni 90.
 
4x4 E BOXER - Le Subaru si sono imposte all’attenzione del pubblico e dei mercati per la due caratteristiche tecniche: la trazione integrale e i motori boxer, anche sovralimentati. Questi sono stati i due elementi identificativi del marchio, comunque sempre apprezzato per la qualità costruttiva. Recentemente la Subaru ha collaborato con la Toyota per la realizzazione di un modello coupé sportivo proposto sia con marchio Subaru (con il nome BRZ) e con quello Toyota (chiamata GT 86). Della Subaru è il motore boxer, scelto perché con la sua struttura boxer permette di avere il baricentro molto basso.
 

Di recente la Subaru ha realizzato la BRZ, una coupé a trazione posteriore pensata per gli amanti della guida.




Aggiungi un commento
Ritratto di gio.G
17 luglio 2013 - 20:20
20
La BRZ e la GT86 sono bellissime e spero tanto che le facciano anche spyder. Io sono salito sulla GT86 del Salone di Ginevra, quella dove gareggiavi nel videogioco. Devono essere gran macchine da guidare ma sono per gente esperta secondo me anche se si rivolgono ad un pubblico giovanile...Con queste piccole bombe è un attimo andare nei casini..
Ritratto di Flavio Pancione
17 luglio 2013 - 20:45
7
l'importante è non essere degli emeriti imbecilli, queste piccole sportive hanno un eccellente bilanciamento e reattività ai comandi meglio di chiunque altra , tendono ovviamente al sovrasterzo ma con reazione piuttosto prevedibili e composte.. quindi un po di sale in zucca e di abilità e ci può divertire in sicurezza. Aiuta anche sapere che la potenza è in alto da bravo aspirato e quindi ti mettono in condizione di capire per bene dove stanno i cavalli da usare in base a ciò che si vuol fare, non come i diesel che ai bassi regimi tra turbo e quant'altro danno tutto quello che hanno. Per assurdo il più semplice dei motori, oggi è una rarità anche sulle sportive, è un peccato davvero..
Ritratto di Manfred
17 luglio 2013 - 18:47
Davvero interessanti, son tra le poche da godersi davvero appieno... Speriamo arrivi anche la sovralimentata per completare la gamma. L'aspirata è perfetta per chi si avvicina al posteriore, è cattiva in alto e non troppo impegnativa. Col turbo sarebbe la ciliegina sulla torta per bruciare coperture a gogò e divertirsi altrettanto!
Ritratto di Manfred
17 luglio 2013 - 18:17
I nomi di due rallysti sono sbagliati. Il grandissimo pilota scozzese che purtroppo non è più tra noi si chiamava Colin McRae, ed il nome di Solberg e Petter. Cordiali saluti.
Ritratto di Manfred
17 luglio 2013 - 18:42
Chiedo venia.... Ho dimenticato l'accento sulla e relativamente al nome di Solberg
Ritratto di Manfred
17 luglio 2013 - 18:20
Mitica Subaru, auto con tecnica sopraffina e tremendamente concrete ed efficaci! I migliori auguri!
Ritratto di fabri99
17 luglio 2013 - 18:45
4
Beh, auguri! La storia di Subaru è piuttosto varia ed interessante, a partire dalla collaborazione con la Peugeot, passando per le microcar, come la mitica 360, arrivando a quello per cui è più conosciuta, ovvero il trionfo nei rally anni '90... Si sono sempre dimostrate ottime auto, tecnicamente validissime e all'avanguardia, sia per quanto riguarda il lodevole boxer, sia per la trazione integrale, tra le più famose e avanzate oggi... Senza dimenticare la gloria del marchio. Auguri Subaru, auguri alla regina dei rally...
Ritratto di Gianluu
17 luglio 2013 - 18:57
1
Auguroni alla subaru! Mi piacciono tremendamente le due gemelle, ma il mio sogno è sempre la impreza.... Capolavoro di meccanica associata ad una livrea che trovo bellissima.... Da migliorare gli interni, ma a me non interessano, dalla serie chi se ne fotte? Ancora auguri! Saluti:)
Ritratto di MatteFonta92
17 luglio 2013 - 19:30
3
Premesso che io non comprerei mai una Subaru (non perché non mi piacciono, ma perché sono delle sportive troppo "dure" per i miei gusti, io preferisco auto sì sportive ma più confortevoli nella guida, come la 208 GTi, per esempio, anche se so bene che non è la stessa cosa), faccio comunque i miei più sinceri auguri alla Casa, perché la stimo moltissimo; un marchio come questo, che ha scritto la storia dei Rally, si merita tutto il mio apprezzamento. Comunque, sarebbe bellissimo possedere una Subaru 360 da collezionare, magari assieme ad una vecchia 500, a una Renault 4 e ad un Maggiolino! :-D
Ritratto di Willy2000
17 luglio 2013 - 22:20
Auto fantastiche soprattutto considerando la loro storia nei rally.
Pagine