Subaru Viziv Performance: sarà così la nuova WRX?

La berlina sportiva ha un motore boxer, la trazione integrale e una carrozzeria muscolosa, come piace agli amanti del genere.

MITO DEI RALLY - La Subaru è solita chiamare Viziv le proposte di stile che anticipano fedelmente alcuni modelli in rampa di lancio, a partire dalla suv media Viziv-2 e dalla suv grande Viziv-7, realizzate in previsione della nuova Forester e della suv a 7 posti per gli Stati Uniti. L’ultima arrivata in questa “famiglia” di prototipi è la Subaru Viziv Performance Concept, esibita in anteprima al Salone dell’automobile di Tokyo 2017 e destinata secondo le anticipazioni a mostrare come sarà la nuova edizione della berlina sportiva WRX, un modello fra i più conosciuti e apprezzati del costruttore giapponese, che in sua compagnia (quando si chiamava Impreza WRX) ha ottenuto grandi vittorie nel campionato del mondo rally. La Viziv Performance Concept è lunga 463 cm e ha una carrozzeria molto muscolosa, per effetto della grande apertura sul cofano anteriore e dei rigonfiamenti sugli archi passaruota, che nascondono ruote da 20 pollici.

“SOLITA” SUBARU - La Subaru WRX attesa nei concessionari non sarà larga e appariscente al pari della Viziv Performance, che misura 195 cm da un lato all’altro della carrozzeria ed è priva delle maniglie laterali, ma riprenderà dettagli di stile come la mascherina a forma di esagono, le luci anteriori a C e il posteriore raccolto simile a quello di una sportiva. Il costruttore giapponese ha dotato il prototipo di un motore con architettura boxer (i cilindri formano un angolo di 180° e non sono montati in linea l’uno con l’altro o a V) e della trazione integrale Symmetrical AWD, ma non è sceso nei dettagli e non ha rivelato le caratteristiche essenziali di questi due sistemi, che verranno ripresi sull’auto in vendita al pari di tutte le Subaru: il motore boxer e le quattro ruote motrici sono infatti dotazioni tipica per il costruttore giapponese.

UN 2.0 DA 338 CV - La Subaru ha dotato la Viziv Performance delle nuove tecnologie di assistenza alla guida, attese nel 2020, che dovrebbero migliorare la sicurezza e la maneggevolezza fra le curve sfruttando l’integrazione con i sensori, i radar e le telecamere di bordo. Anche in questo caso la Subaru non è scesa nei dettagli e non ha fornito informazioni specifiche. Il costruttore giapponese ha mostrato al Salone di Tokyo anche una versione potenziata e più “arrabbiata” della WRX oggi in vendita, la WRX S208, che arriva due anni dopo la WRX S207 e adotta un motore a benzina quattro cilindri turbo da 2.0 litri e 338 CV, il tetto in carbonio e nuove ruote da 19 pollici. Questa edizione speciale è riservata al mercato giapponese.



Leggi l'articolo su alVolante.it