NEWS

Suzuki Jimny: per il 2020 è già esaurita

di Fabio Madaro
Pubblicato 22 gennaio 2020

Venduti in pochi giorni tutti gli esemplari della piccola fuoristrada Suzuki Jimny destinati all’Italia.

Suzuki Jimny: per il 2020 è già esaurita

GIÀ TUTTE VENDUTE - In un comunicato diffuso in queste ore, Suzuki Italia annuncia con una punta di orgoglio che l’intero lotto di Suzuki Jimny estinate al nostro Paese sono state già tutte vendute. Si tratta di 2.000 esemplari, che hanno già trovato un acquirente e che verranno consegnate nei prossimi mesi. 

COSTRUIRNE DI PIÙ - Per la piccola fuoristrada Suzuki Jimny, giunta alla sua quarta generazione, introdotta nel 2018, si tratta di un successo che va al di là delle più rosee aspettative e che ha colto di sorpresa la stessa casa madre che dovrà porre rimedio aumentando la capacità produttiva. Al momento però, Suzuki Italia conferma che: “non sarà più possibile effettuare alcun ordine della piccola fuoristrada presso la rete dei concessionari”. Per tutti gli altri non resta quindi che aspettare il 2021, o rivolgersi al mercato degli importatori non ufficiali.

> SUZUKI JIMNY: LA PROVA COMPLETA

Suzuki Jimny
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
162
50
24
22
39
VOTO MEDIO
3,9
3.92256
297




Aggiungi un commento
Ritratto di Challenger RT
23 gennaio 2020 - 02:11
Pare purtroppo che le vendite siano state limitate da Suzuki per evitare di sforare la media di g/km di CO2 imposta ai costruttori di automobili da una delle norme più stupide e controproducenti che L'Europa si è inventata. Gli stupidi governanti europei, dopo essere stati conniventi per decenni con la scellerata diffusione dei diesel in Europa, ora se la prendono con 4 auto di nicchia a benzina che per uso e chilometraggio annuale risultano nella realtà essere proprio quelle che rilasciano meno emissioni.
Ritratto di Meandro78
23 gennaio 2020 - 05:56
Dunque, facciamo un piccolo calcolo matematico: tutte le case automobilistiche che vendono in Europa dovranno pagare penali di 95 Euro al grammo di CO2 prodotta oltre il nuovo "demenziale" limite di 95 grammi. La Jimny ne prevede 155. Quindi, semplificando brutalmente, Suzuki dovrebbe smenare in multe alla UE 5.700,00 Euro per ogni esemplare venduto, quindi quasi il 25% del valore di vendita. Ovvio che abbia ritirato il prodotto dalla linea di vendita ufficiale. Torneranno tramite importatori paralleli a caro prezzo. Forse.
Ritratto di v8sound
23 gennaio 2020 - 09:22
Il calcolo dei 95 g/km è effettuato sulla media dell'80% dell'immatricolato, non una penale sull'eccedenza del singolo esemplare.
Ritratto di Meandro78
23 gennaio 2020 - 12:26
Premesso che effettivamente per quest'anno esiste una franchigia del 5% più inquinante, e che quindi viene considerato solo il 95% dell'immatricolato (si, a Bruxelles devono essere dei numerologi burloni), che dal 2021 sparisce proprio, quale parte della premessa "semplificando brutalmente" è difficile da capire?
Ritratto di MS85
23 gennaio 2020 - 13:10
Forse eliminare il concetto di media ponderata dal calcolo era una semplificazione più che brutale in effetti, in quello V8 non ha tutti i torti.
Ritratto di v8sound
23 gennaio 2020 - 13:11
C'è che devi capirne il meccanismo: il calcolo delle emissioni è sulla media di CO2 per ciascun costruttore, sono poi riconosciuti dei ‘Supercrediti’ dal valore decrescente per cui ogni nuova autovettura con emissioni inferiori a 50 g CO2/km conterà come 2 autovetture nel 2020 poi (circa) 1,6 nel 2021 e così via...
Ritratto di Meandro78
23 gennaio 2020 - 13:21
Quindi Suzuki produce e commercializza delle elettriche o delle ibride di tipo "Full"? No perché per stare sotto quota 50 questo significa. E comunque credo che il senso della mia grossolana semplificazione resti ampiamente
Ritratto di v8sound
23 gennaio 2020 - 13:48
Quello serve per avere il bonus, ma l'aspetto principale è che il calcolo è relativo alla media (ponderata) del venduto: se per esempio (semplifico anch'io in modo grossolano) vendono 5 Swift (94 g/km) e 1 Jimni (155 g/km) , tralasciando la franchigia abbiamo una media di 104 g/km. L'eccedenza passa dai 60 g/km del tuo esempio ai 9 g/km del mio, con proporzionale riduzione dell'esborso. Probabilmente proprio per questo hanno "contigentato" gli esemplari per il mercato europeo, avranno fatto delle stime. Nella realtà saranno ben lontani dai 5.700 € ad esemplare che tu hai, seppur semplificando, calcolato.
Ritratto di v8sound
23 gennaio 2020 - 13:50
Poi per quest'anno c'è appunto la franchigia, vedrai che anche loro punteranno a breve alle ibride plug-in, l'offerta và in quella direzione.
Ritratto di Meandro78
23 gennaio 2020 - 14:44
Perdonami, ma sono 9 moltiplicato il numero di vetture immatricolate. Stai deducendo che per le vetture non si applichino a prescindere. Io non sarei così sicuro, dato che sono norme europee e non italiane. A parer mio moltiplicheranno la media della CO2 chilometrica dell'immatricolato per il totale delle vetture. Cosi facendo, tornando al tuo esempio, non avremmo uno sforamento di 9, ma 54 (6x9), minore ma decisamente più vicino a 60. Altrimenti il limite di 56 previsto per il 2030 lo raggiungeranno... Ehm, fammi pensare, mai. L'unica possibilità consiste nel bloccare totalmente la produzione di taluni motori (non che la cosa mi faccia piacere)
Pagine