NEWS

Tesla Cybertruck: i preordini sono già 250.000

Pubblicato 28 novembre 2019

Elon Musk ha confermato, attraverso il suo profilo Twitter, la cifra record raggiunta in pochi giorni.

Tesla Cybertruck: i preordini sono già 250.000

A SORPRESA - Chi se lo aspettava dopo averlo visto per la prima volta pochi giorni fa, che il Tesla Cybertruck, il primo pick-up della casa americana, con quella forma squadrata e totalmente contro corrente rispetto a tutto il resto della produzione automobilistica, avrebbe raccolto così tanti consensi. Ma con la Tesla, spinta dal grande carisma del suo fondatore, Elon Musk, non sa sa mai: e infatti, secondo quanto dichiara lo stesso imprenditore americano sul suo profilo Twitter, le prenotazioni hanno raggiunto quota 250.000. 

IN PRODUZIONE NEL 2021 - A onor del vero bisogna dire che la “soglia di accesso” al Tesla Cybertruck è molto bassa. Tanto bassa che anche i semplici fans della Tesla e di Elon Musk potrebbero preodinare il pick-up senza poi confermare l’acquisto. Attualmente è possibile farlo versando solo 100 dollari (cifra rimborsabile) e utilizzando l’apposito modulo online. La messa in produzione del pick-up (ancora non è stato dichiarato in quale fabbrica) è prevista alla fine del 2021 con il probabile arrivo nelle concessionarie nel 2022. 

TRE VERSIONI - Il Tesla Cybertruck è lungo ben 588 cm e largo 200 cm, ha un cassone chiuso (può essere aperto mediante un comando elettrico), offre una capacità di carico di 2.832 litri e può trasportare fino a 1.588 kg. Tre le versioni che saranno disponibili: la base, monomotore a trazione posteriore, garantirà fino a 402 km di autonomia, negli Stati Uniti avrà un prezzo di 39.900 dollari e scatterà da 0 a 100 km/h in 6,5 secondi (177 km/h la velocità massima); la variante intermedia a doppio motore con trazione integrale è capace di 482 km di autonomia e avrà un prezzo di 49.000 dollari; la top di gamma, la versione trimotore (è capace di trainare fino a 6.350 kg), avrà un'autonomia di 804 km, costerà 69.000 dollari, sarà in grado di accelerare da 0 a 100 km/h in 2,9 secondi e di raggiungere la velocità massima di 200 km/h.

Tesla Cybertruck
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
178
86
21
5
58
VOTO MEDIO
3,9
3.922415
348




Aggiungi un commento
Ritratto di Roomy79
28 novembre 2019 - 22:13
1
Ancora con sta storia? Lo dicono persino nell’articolo, 100 $ rimborsabili (forse col soggetto in questione non mi fiderei troppo) per avere il pdf del pre-ordine del pick up del futuro, puoi capire che serietà, mossa pubblicitaria e stop non sanno neppure se e dove lo produrranno, tra le varie grane pare pesi troppo e rischi di finire nella categoria truck , con conseguente limitazioni della patente.
Ritratto di zero
29 novembre 2019 - 00:35
Giulio, tu confondi il venduto con lo spacciato per venduto: l'Alfa Romeo che evidentemente popola i tuoi incubi da quando hai venduto la 33 che assicurava emozioni che manco una 4C sa dare non raccatta i miei e i tuoi cento dollari in cambio del solo pdf di una mastodontica cassapanca con le ruote che non si sa se e quando verrà realmente prodotta... Fai come la saggezza contadina insegna: mele con le mele, pere con le pere.
Ritratto di Giuliopedrali
29 novembre 2019 - 18:09
L'Alfa Romeo non si vende più e non se la ricorda più nessuno. mentre quando c'era la 33 qui nessuno comprava le serie 3 BMW, prova pure a guardare. Sto Cybertruck è il più grande successo mediatico della storia, poi può essere anche che non lo costruiranno mai, è lo stesso.
Ritratto di pierfra.delsignore
1 dicembre 2019 - 14:08
4
I tempi cambiano, il segmento dell'Alfa 33, ne ho una quindi so di cosa parla, è ESTINTO nel mercato dell'auto, la berlina piccola non esiste più, all'epoca la BMW non faceva auto del segmento della 33, non puoi confrontare epoche diverse grande errore, direi che tutti quei preordini comunque sono un successo ed il segmento dei Pick-up è uno dei più venduti in America.
Ritratto di Miti
1 dicembre 2019 - 17:07
1
Ho sempre guardato con grande interesse il mercato da oltre oceano. Le auto dei anni 60 e 70 sono una mia passione. Loro sono molto diversi dai europei. La passione per l'auto è ben oltre i nostri livelli. Non nego che anche in Europa in tutti i paesi sono pasionati d'auto. Solo che loro sono sempre stati ad un altro livello. Sia come possibilità motoristiche con tantissime case , modelli ...ma anche come possibilità finanziarie ... o semplicemente come costo del carburante. O con quel V8 ... o con un Hemi ...le hot road o le custom con potenze e consumi che per noi è irraggiungibile. Questa è peccato per me. L'altro giorno da una parte della strada c'era una Camaro ZL1 da un paio di anni fa , una seconda mano e da l'altra parte la solita auto europea ...non dico quale per non offendere gusti di nessuno. Non c'è paragone. So che si dirà che non ci sono le infrastrutture per questi macchinoni. O che si pagano le tasse a gogò. O che consumano. O qualsiasi cosa ... o motivo. Ma spiccava. Per me ...per le persone a quale le auto piacciono per davvero di qualsiasi tipo o dimensioni ... per me sono occasioni perse. O se posso dirlo ... sensazioni perse. Sentite un V8 sotto il sedere ogni tanto ... senza essere spennato dal legislatore di turno ... Probabilmente adesso è troppo tardi anche di avere queste pretese. Andata così.
Ritratto di pierfra.delsignore
1 dicembre 2019 - 17:17
4
Sicuramente sono due mercati diversi con diversa tassazione e prezzo della benzina/gasolio, in USA però una larga fetta di mercato da sempre è fatta di questo tipo di veicoli ossia i pick-up che da noi sono una fetta irrisoria di mercato, come da noi piacciono molto le Station Wagon che vanno poco, sono mercati diversi, poi per gli americani l'auto sportiva è l'auto da 0-400, da noi è quella dell'handling in curva da sempre e non è detto che ad un V8 corrisponda un miglior tempo sul giro, o piacere di guida nel misto stretto, spesso un V6, Boxer 6 o un 4 cilindri addirittura se messi sul telaio giusto garantiscono maggiore piacere di guida, anche altra mentalità di apprezzare le sportive in diverse declinazioni nelle loro caratteristiche, almeno a mio giudizio
Ritratto di Miti
1 dicembre 2019 - 17:32
1
No mi riferivo a correre ...tranquillo. Non sono uno che tira il collo dell'auto. Vado normale come tanta gente... a volte piano a volte un po' più veloce. Non nego quello che dici. Ma la ... voce del V8 ... rimane la voce del V8. Che è tirato al massimo o lasciato così al minimo. Non pretendo che si guidano meglio nemmeno questi macchinoni. Sto pensando a noleggiare per qualche settimana una ... probabilmente dovrò noleggiare anche il benzinaio. Ma chi se ne frega. Uno sfizio ogni tanto ...
Ritratto di Andre_a
1 dicembre 2019 - 17:35
9
Io apprezzo tutte le culture automobilistiche, mi sento più vicino a quella giapponese, ma non me la sento di dire che una è superiore all’altra, ognuna ha i suoi pregi e difetti. In Europa abbiamo strade più belle, abbiamo i v12, mentre quello che sicuramente apprezzo degli Usa (e di alcuni suoi stati in particolare) è il sistema legislativo e tributario, più leggero e liberale, ma da questo punto di vista meglio ancora la Nuova Zelanda.
Ritratto di Miti
1 dicembre 2019 - 17:57
1
Si, ti do assolutamente ragione in quello che dici. Solo che riguardo la Nuova Zelanda dal punto di vista del auto non ho la più pallida idea. Dal Giappone mi ricordo la Eclipse dei anni 95 ...la seconda serie ...ma dopo il restyling ...che macchina !!!
Ritratto di Giuliopedrali
1 dicembre 2019 - 18:35
La Nuova Zelanda ha una serie di piccolissimi costruttori artigianali che neanche l' UK, però non sono auto significative.
Pagine