NEWS

Tesla: in questo incidente l’Autopilot ha fatto cilecca?

Pubblicato 04 giugno 2020

Un incidente che si poteva evitare, tenendo gli occhi sulla strada, mette in discussione il sistema assistenza alla guida della Tesla Model 3. 

Tesla: in questo incidente l’Autopilot ha fatto cilecca?

OTTIMO, NON PERFETTO - L’Autopilot della Tesla è un evoluto sistema per la guida assistita, la cui ultima versione è composta da un radar anteriore, otto videocamere a 360° e dodici sensori ad ultrasuoni, con il compito di monitorare lo spazio intorno all’auto. Queste informazioni vengono elaborate da un potente computer di bordo e l’auto segue da sé la strada, mantenendo le corsie, adattandosi al flusso del traffico e rilevando anche pedoni, ciclisti e motocicli. Il guidatore non può distrarsi, ma deve restare vigile, con le mani sul volante e pronto ad intervenire in caso di malfunzionamento. L’Autopilot, seppur molto efficace, non è a prova d’errore, come ha scoperto il guidatore di una Tesla Model 3 in transito lungo la National Freeway 1 a Taiwan (guarda il video qui sotto). 

MAI DISTRARSI - Secondo la ricostruzione del sito internet taiwanese Cna, il guidatore aveva impostato l’Autopilot affinché mantenesse l’auto alla velocità di 110 km/h. Il sistema però non avrebbe rilevato un ostacolo bello grosso presente nella corsia di marcia, dove in precedenza si era ribaltato un furgone per la consegna di cibi, e non ha ridotto la velocità per evitare l’impatto. A quanto pare, il conducente, accortosi del malfunzionamento, ha eseguito una frenata d’emergenza pochi secondi prima dell’impatto, ma questa non è servita ad evitarlo. Il guidatore della Tesla ha riportato ferite non gravi, mentre quello del furgone si era già messo in salvo prima dello scontro. Ulteriori indagini delle autorità chiariranno meglio se realmente si è trattato di un malfunzionamento.

VIDEO
Tesla Model 3
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
346
58
33
22
55
VOTO MEDIO
4,2
4.202335
514


Aggiungi un commento
Ritratto di Giuliopedrali
4 giugno 2020 - 21:52
A me sembra una cosa controproducente per Tesla sto Autopilot, già siete riusiti a fare auto splendide che vengono sognate come un'auto italiana che non sia proprio una supercar appunto si sogna dall'epoca della Thema, però capisco che serva a mantenere il mito di Tesla, oggi tutti sognano Tesla e alla fine tutti sogneranno elettrico.
Ritratto di supermax63
5 giugno 2020 - 00:11
Scambiare incubi per sogni...
Ritratto di Giuliopedrali
5 giugno 2020 - 09:47
La gente normale si certo che sogna Tesla e cosa sogna la nuova Astra...
Ritratto di supermax63
7 giugno 2020 - 18:09
Che senso ha associare Opel Astra a una Tesla...meglio sognare una bella Alfasud di Pasquale Ametrano, 33, Fiat 127, Uno e Ritmo
Ritratto di flavio84
4 giugno 2020 - 22:18
Testa piedi e mani sono sempre meglio degli adas....o al volante pensate al cellulare??
Ritratto di neuropoli
5 giugno 2020 - 07:01
sono d'accordo! la gente deve capire che gli adas vengono in aiuto al conducente e non LO sostituisce.
Ritratto di supermax63
7 giugno 2020 - 18:12
Gli ADAS sono molto utili e spesso sopperiscono a errori/distrazioni del guidatore..ovviamente non lo sostituiscono. Inutile aggiungere che è fondamentale la prudenza ed attenzione del guidatore
Ritratto di 82BOB
4 giugno 2020 - 22:41
La medicina per i c0gl10n1 ancora non l'hanno inventata... ma guardare la strada no?!?
Ritratto di Oxygenerator
5 giugno 2020 - 10:09
@ 82 BOB Concordo con lei.
Ritratto di Pavogear
4 giugno 2020 - 22:58
C'è la guida autonoma ma non mi posso distrarre mentre guido. In poche parole, in un viaggio di 900 km dovrei stare 10 ore a controllare che l'auto non faccia scherzi. Il senso dove sarebbe? Non posso usare quel tempo per fare altro. È comunque tempo perso. Non posso bere due birre anziché una prima di salire in auto in quanto dovrò comunque essere vigile. Tanto vale guidare da soli per conto proprio a questo punto. Anche perché tutti questi incidenti dimostrano che il sistema comunque non è perfetto e non è migliore di una persona
Pagine