NEWS

Tesla, tutto nuovo il sistema di guida semiautonoma

23 aprile 2019

La Tesla presenta la nuova generazione del suo sistema avanzato di assistenza alla guida.

Tesla, tutto nuovo il sistema di guida semiautonoma

UN SUPER CHIP - Al Tesla Autonomy Day la Tesla ha svelato tutti i dettagli tecnici sul suo nuovo sistema di guida semiautonoma Autopilot (guarda qui sotto il video di come funziona), che si basa su un inedito microprocessore ad altissima tecnologia denominato dalla casa Full Self-Driving chip (FSD). La Tesla ha impiegato tre anni per lo sviluppo e ha incaricato la Samsung della produzione di questo vero e proprio cervello del complesso sistema.

RETE NEURALE - Nel corso del Tesla Autonomy Day, Elon Musk e Pete Bannon, responsabile dell'hardware Autopilot di Tesla, hanno spiegato che la casa americana ha dovuto progettare e realizzare un processore in proprio perché sul mercato non ne esiste uno in grado di sfruttare al meglio la “rete neurale”: i circuiti neurali artificiali sono la base di forme di intelligenza artificiale, in grado di apprendere sfruttando meccanismi simili a quelli dell’intelligenza umana. Inoltre è stato necessario sviluppare un software in grado di lavorare al meglio con un hardware così avanzato. 

STESSI SENSORI - La Tesla sostiene che, rispetto alla precedente generazione del sistema di guida semiautonoma Autopilot, che si basava su componenti della Nvidia, la nuova generazione è 21 volte più potente. Il nuovo processore farà affidamento sugli stessi sensori presenti nelle attuali Tesla: 8 telecamere, 12 sensori a ultrasuoni, un radar frontale. Il Full Self-Driving è installato su tutte le Model 3 in produzione, così come le Model S e Model X del mese di marzo 2019. Per avere accesso alle sue complete funzionalità basterà un semplice aggiornamento software, dal costo di 5000 dollari.

GIÀ SI LAVORA AL PROSSIMO - In occasione della presentazione, Elon Musk ha promesso che entro 3 anni si arriverà alla guida completamente autonoma (oggi è limitata ad alcuni contesti) e questo si potrà realizzare anche grazie alla prossima generazione del processore, al quale la Tesla sta già lavorando, che sarà 3 volte più veloce rispetto all'attuale appena entrato in produzione.



Aggiungi un commento
Ritratto di mika69
24 aprile 2019 - 16:04
...."Ma il vantaggio in termini di efficienza ed efficacia è enorme."..... Assolutamente. Dico solo che i comandi fisici per me non spariranno per i prossimi 60-70 anni o forse mai. Tanto che prima o poi ci alzeremo anche dal suolo e allora i riferimenti saranno tutti differenti.
Ritratto di Santhiago
24 aprile 2019 - 19:18
Ne dichiara di cose Musk pur sapendo bene che non sono realizzabili. Il suo scopo infatti è semplicemente creare aspettativa, far credere di poter fare qualcosa. Farlo, è tutto un'altro paio di maniche.
Ritratto di Mbutu
23 aprile 2019 - 15:51
Fra l'altro non capisco perchè dovrebbero impiegarci il doppio del tempo. Mi pare che in questo video la macchina viaggi in maniera perfettamente coerente con il flusso del traffico.
Ritratto di Marco_Tst-97
23 aprile 2019 - 20:39
Il flusso del traffico del paese di cuccagna, in cui non esistono scadenze o orari. Se solo provassi a guardare in giro, invece che credere ai video promozionali, ti renderesti conto di quante situazioni si possano creare che siano difficilmente gestibili da una mente che non sia malleabile come quella umana. Inoltre, come detto, ci sono molteplici possibilità aggiuntive di catastrofi: difficile che nello stesso momento tutti gli automobilisti vadano di matto e si crei un mega incidente, meno difficile che un sistema connesso e informatizzato di guida vada in crash... senza contare a possibili nuove future forme di terrorismo informatico... E questo senza entrare in ambiti legati a piacere di guida, scorciatoie personali, bla bla. Giusto per dire, se volessimo un mondo basato solo sulla razionalità, non dovrebbero proprio esistere le auto, né le moto: l'unica modalità razionale di spostamento è la mobilità pubblica, intesa proprio come mezzi in grado di trasportare decine o centinaia di persone in uno solo di essi.
Ritratto di Clementina Milingo
23 aprile 2019 - 21:18
guarda che ti sbagli: sono gli automobilisti umani che fanno casino, i computer non litigano tra di loro e parlano tutti il codice binario. Un mondo di auto robotaxi interconnessi non ha bisogno neppure della segnaletica e dei semafori.
Ritratto di Marco_Tst-97
24 aprile 2019 - 00:20
I computer vengono progettati da esseri umani, i sistemi per connetterli anche, quindi sono passibili di ben più errori di quanti ne possa commettere da solo l'essere umano che li ha progettati! Non esiste un sistema sicuro di circolazione, come non è sicuro neanche vivere, né uscire di casa e neanche restarci chiusi dentro: la vita comprende tutti questo rischi, c'è poco da fare.
Ritratto di Agl75
23 aprile 2019 - 14:16
Mi inquieta vedere un’auto che guida da sè. È sicuramente il futuro e ci saranno ancora vittime per sviluppare, migliorare o evolvere questo software. Immagino però anche i vantaggi quali l’eliminazione di incidenti per malori o colpi di sonno o alcool. Per ora tengo stretto io il volante e mi gusto la guida per quel che posso.
Ritratto di andrea750
23 aprile 2019 - 14:29
Certo che queste elettriche quando prendono fuoco fanno proprio paura
Ritratto di Clementina Milingo
23 aprile 2019 - 14:32
anch'io mi sono presa uno spavento quando ho visto un'Audi A6 parcheggiata col motore spento prendere fuoco e carbonizzarsi. Visto che ne sono bruciate centinaia fai tu...
Ritratto di Thunder1
23 aprile 2019 - 14:39
1
Quindi per un cliente Tesla che sta bruciando vivo dentro la sua auto è una consolazione sapere che anche delle Audi A6 hanno preso fuoco?
Pagine