NEWS

Toyota Aygo, al via la produzione

26 maggio 2014

Lo stabilimento ceco di Kolin ha iniziato l'assemblaggio della seconda generazione della Aygo, che sarà in vendita a partire dall'estate.

Toyota Aygo, al via la produzione
UN TAGLIO AL NASTRO - La Toyota Peugeot Citroen Automobiles (TPCA), ha celebrato oggi l’avvio ufficiale della produzione della nuova Toyota Aygo presso lo stabilimento di Kolin in Repubblica Ceca che, dal 2005, produce le tre citycar nate dalla joint venture tra francesi e giapponesi. Presentata a marzo al Salone di Ginevra, insieme alla Peugeot 108 e alla Citroën C1, la Aygo sarà disponibile in tutta Europa a partire dall’estate 2014. La Toyota prevede di venderne oltre 80.000 unità l’anno a partire dal 2015, con una quota stimata del 6% del mercato. 
 
 
SU MISURA - Caratterizzata dal frontale con disegno a X, la citycar Toyota Aygo sarà declinata in tre allestimenti e altrettante edizioni speciali che saranno rinnovate ogni anno. Tra i punti di forza le svariate possibilità di personalizzazione sia esterne che interne, con oltre 10 elementi intercambiabili anche successivamente all'acquisto. Il motore è il rinnovato tre cilindri 1.0 VVT-I da 69 CV abbinato ad un cambio manuale o all’automatico x-shift che promette percorrenze nell’ordine dei 26,3 km con un litro di benzina.
Toyota Aygo
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
63
49
34
39
55
VOTO MEDIO
3,1
3.108335
240


Aggiungi un commento
Ritratto di riccadome99
26 maggio 2014 - 21:36
La trovo veramente orrenda !!! Davanti con quella "x" che arriva fino agli specchietti è ridicola !! Per non parlare del posteriore, il quale è veramente un obrobrio. Sicuramente meglio la Peugeot 108 e la Citroën c1. È impossibile far peggio di questo troiaio giapponese
Ritratto di supermax63
27 maggio 2014 - 22:03
se 99 è l'anno di nascita non ha manco la patente...quindi meglio farebbe a sputare sentenze,pregiudizi e pre-giudizi su ciò che conosce.Toyota è un marchio sinonimo di sostanza,concretezza,affidabilità e qualità globale che altri marchi possono solo sognare o ambire a raggiungere
Ritratto di Fausto63
27 maggio 2014 - 22:56
Giusto Supermax...Toyota è un ottimo marchio, ho avuto una Yaris del '98 x cinque anni,problemi?Zero e consumi bassissimi...non si deve giudicare solo l'estetica ma tutto nel complesso.
Ritratto di wesker8719
26 maggio 2014 - 21:48
80 mila unità l anno è un brodino considerando che le sue rivali panda e up nel 2013 hanno toccato rispettivamente quota 152 mila e quota 130 mila unità !!
Ritratto di UnAltroFiattaro
26 maggio 2014 - 21:59
Hai scritto che la Panda vende più della Up! !!! Spero non ti abbiano hackerato l'account... ;) Buona serata
Ritratto di supernapolmen
26 maggio 2014 - 22:01
..conteggia TUUUTTO IL TRITTICO!!! di panda ce' ne' una
Ritratto di wesker8719
26 maggio 2014 - 22:45
la nuova panda rispetto alla vecchia è stata completamente toppata ,credevano di venderla a prescindere per via della sua fama e quindi hanno optato per le plastichine colorate e un bel rialzo di prezzo ma ora le concorrenti sono numerose e preparate e infatti ha dapprima perso la leadership del segmento A a favore della più cara e chic 500 e ora perde a doppia cifra ogni anno mentre la vecchia stravendeva in tutta europa !!
Ritratto di supernapolmen
26 maggio 2014 - 23:04
..ha il suo primo mercato in italia e se e' crollato come mercato ovvio che fa numeri diversi!!!! e' una cosa che ti e' stato spiegata tante volte ma il tuo "finto tonto" e' per attirare i bimbomikia ed arrovellargli le cervella con le tue insulse teorie
Ritratto di wesker8719
26 maggio 2014 - 23:34
il mercato italiano nel 2013 ha perso il 7% e la panda il 14% , nel 2014 il mercato italiano sta a +5% e la panda sta a -5% ,non è questione di mercato è questione che non vende quanto la vecchia e fuori dall'europa vende una miseria, la salva solo l'italia
Ritratto di evilwithin
27 maggio 2014 - 11:10
Hanno "alzato i prezzi" perché la Panda nuova è fatta in Italia e oggettivamente costa un po' più di prima produrla. Che sia una mossa strategicamente sbagliata ok, ma almeno buon per chi ci lavora...
Pagine