NEWS

Toyota Corolla: un’Auris a stelle e strisce

23 marzo 2018

Gemella dell'Auris, la nuova Corolla fa il suo debutto negli Stati Uniti al Salone di New York. Lo stile appare curato, l’interno sobrio e funzionale.

Toyota Corolla: un’Auris a stelle e strisce

UNA HATCHBACK PER GLI USA - Gli Stati Uniti sono fra i paesi al mondo in cui hanno più successo le berline a quattro porte con la coda, note come sedan, un genere di automobile poco diffuso in Europa e ancora meno nel nostro Paese. La Toyota fa uno “strappo” a questa regola e nel 2018 venderà per la prima volta negli Stati Uniti la variante a cinque porte della berlina compatta Corolla, un modello storico per la Toyota, che arriva quest’anno alla quattordicesima generazione ed è fra le auto più vendute nella storia. Questa Toyota Corolla è in pratica la versione per il mercato nord americano della nuova Toyota Auris, la rivale di Renault Megane e Volkswagen Golf appena presentata al Salone di Ginevra e attesa in Italia a marzo 2019. Non a caso lo stile è identico e la Toyota Corolla 2018 appare più grintosa del vecchio modello, grazie ai sottili fari anteriori, alla grossa mascherina e alle venature che danno slancio alle fiancate.

LO SCHERMO È “SOSPESO” - La Toyota Corolla 2018 è basata sulla piattaforma a trazione anteriore TNGA (la stessa di Prius e C-HR) e ha dimensioni maggiori rispetto all’edizione oggi in vendita, a partire dai 4 cm in lunghezza (in tutto sono 437) fino ai 3 cm (180 cm) in larghezza. L’altezza minore e la distanza più elevata fra le ruote anteriori e posteriori fanno apparire la sagoma laterale più filante e slanciata. L’abitacolo invece mantiene lo stile sobrio e poco appariscente di tutte le Toyota, nonostante il grosso schermo a sfioramento di 8” renda l’insieme più moderno. Al di sotto del monitor sono presenti i tasti per gestire la climatizzazione dell’interno, dove si trova un pozzetto in cui riporre smartphone anche di grandi dimensioni, lattine e fogli A4. A pagamento si possono avere finiture in nero lucido o cuciture a contrasto sui sedili. Da notare l’arrivo di Apple Carplay per il sistema multimediale.

SOLO A BENZINA - Negli Stati Uniti la nuova Toyota Corolla si potrà avere, per ora, solo un motore a benzina a quattro cilindri aspirato di 2.0 litri: ha il sistema di iniezione diretta e altri accorgimenti per migliorare i consumi, come ad esempio i tre ugelli di lubrificazione che migliorano la scorrevolezza dei cilindri. Il nuovo 2.0 è più compatto del 1.8, secondo la Toyota, che non ha anticipato per il momento la potenza ed i consumi. È noto però che si abbina ad un cambio manuale a 6 rapporti o ad un automatico CVT a variazione continua. Fra le tecnologie di assistenza alla guida ci sono la frenata automatica d’emergenza, il mantenimento attivo della corsia, lo spegnimento automatico degli abbaglianti e il regolatore di velocità adattivo con funzione stop&go.

Aggiungi un commento
23 marzo 2018 - 17:23
A livello estetico cambiano i led anteriori, non più due "virgole", ma tre, il bordo della mascherina satinato e viceversa l'"estrattore" dietro, sotto la fascia nera, in tinta. Qui abbiamo anche la foto degli interni che riprendono l'impostazione della Fiesta, orientata molto sullo schermo. Che dire sulla nuova Auris (o Corolla hatch), è molto più personale, avrà una buona base a livello di handling e l'ibrido migliore di tutte, riprende poi lo stile della C-HR che sta rendendo Toyota "In" a livello di percezione. Dunque non la Toyota solo sincera e affidabile ma anche interessante dal pdv estetico.
Ritratto di ELAN
23 marzo 2018 - 18:12
1
Se l'estetica è slegata dalle prestazioni sì, e ciò può far presa sulle ragazze o qualche sciura.. o qualcuno che vivendo in città si fa l'auto mazzinga per fare colpo e risparmia, qualche dandy un pò radical chic che ha l'ibrido ma non sa perchè... Ben intesi, io non disdegno l'ibrido nè il design della CH-R... solo che non vedo una essenza sportiva che ne giustifichi l'arditezza, e non vedo progressi (anche in termini di quida) per queste solite 1.8 HSD CVT. Magari ora col 2.0 HSD 180cv... se anche il cambio "cambia"...
23 marzo 2018 - 20:41
Di solito le auto realmente valide sul profilo tecnico vengono snobbate dal grande pubblico che bada più alle tendenze. Detto ciò il C-HR è niente male riguardo le prestazioni perlomeno dinamiche e credo che una versione prestante di una Corolla possa dare filo da torcere anche alle concorrenti più quotate, basti vedere la Yaris GRMN. Riguardo l'ibrido l'ho definito migliore di tutti in primis per il rendimento nelle condizioni reali e l'esperienza acquisita da pioneri del settore e poi perchè ormai un cliente Toyota su due la prende ibrida perchè le trovano funzionali, cosa assolutamente non scontata visto che, a parte qualcosa coreana e Honda, il resto degli ibridi servono a farsi pubblicità e a diminuire la media delle emissioni della gamma.
Ritratto di ELAN
27 marzo 2018 - 18:09
1
Honda anche ha grande tradizione se vogliamo... ma disperde le braci e alla fine la fiamma HSD è più luminosa. Ma le potenzialità Honda non sono da meno, se pensiamo agli IMA (integrated motor assist), anche con manuale (CRZ)... agli ibridi doppia frizione i-DCD, agli attuali i-MMD simili all'HSD. Toyota è più fedele al suo primo ma pure più monotona, se Honda trovasse la quadra con un'unica soluzione di sintesi.....
Ritratto di money82
26 marzo 2018 - 19:40
1
Hanno un design giapponese. Per il resto credo nessuno cerchi sportività con un cambio cvt o un' auto ibrida, comunque sia l' auris attuale ha un telaio migliore rispetto alla golf 6 che avevo acquistato nel 2010, stessa misura di gomme e cerchi in lega R17 225x45 ma il rollio su auris è minimo rispetto alla vettura considerata il "riferimento". Lo sterzo è molto più preciso.
Ritratto di ELAN
27 marzo 2018 - 18:05
1
Design giapponese vuol dire nulla, il Kodo può stare su un'Alfa.
Ritratto di money82
27 marzo 2018 - 18:41
1
si infatti design aggressivo e spigoloso, tipicamente italiano.
Ritratto di Alfiere
23 marzo 2018 - 17:26
1
Ok, avete la mia attenzione. Motore aspirato da 2 litri poi, speriamo che quell'allestimento non costi assai.
Ritratto di treassi
23 marzo 2018 - 17:37
... Purtroppo quel motore non arriverà mai dalle nostre parti...
Ritratto di Alfiere
23 marzo 2018 - 18:38
1
Pensi che debbano smaltire i vecchi 1.8 hsd o lo hai letto da qualche parte?
Pagine