NEWS

Toyota Corolla: un’Auris a stelle e strisce

23 marzo 2018

Gemella dell'Auris, la nuova Corolla fa il suo debutto negli Stati Uniti al Salone di New York. Lo stile appare curato, l’interno sobrio e funzionale.

Toyota Corolla: un’Auris a stelle e strisce

UNA HATCHBACK PER GLI USA - Gli Stati Uniti sono fra i paesi al mondo in cui hanno più successo le berline a quattro porte con la coda, note come sedan, un genere di automobile poco diffuso in Europa e ancora meno nel nostro Paese. La Toyota fa uno “strappo” a questa regola e nel 2018 venderà per la prima volta negli Stati Uniti la variante a cinque porte della berlina compatta Corolla, un modello storico per la Toyota, che arriva quest’anno alla quattordicesima generazione ed è fra le auto più vendute nella storia. Questa Toyota Corolla è in pratica la versione per il mercato nord americano della nuova Toyota Auris, la rivale di Renault Megane e Volkswagen Golf appena presentata al Salone di Ginevra e attesa in Italia a marzo 2019. Non a caso lo stile è identico e la Toyota Corolla 2018 appare più grintosa del vecchio modello, grazie ai sottili fari anteriori, alla grossa mascherina e alle venature che danno slancio alle fiancate.

LO SCHERMO È “SOSPESO” - La Toyota Corolla 2018 è basata sulla piattaforma a trazione anteriore TNGA (la stessa di Prius e C-HR) e ha dimensioni maggiori rispetto all’edizione oggi in vendita, a partire dai 4 cm in lunghezza (in tutto sono 437) fino ai 3 cm (180 cm) in larghezza. L’altezza minore e la distanza più elevata fra le ruote anteriori e posteriori fanno apparire la sagoma laterale più filante e slanciata. L’abitacolo invece mantiene lo stile sobrio e poco appariscente di tutte le Toyota, nonostante il grosso schermo a sfioramento di 8” renda l’insieme più moderno. Al di sotto del monitor sono presenti i tasti per gestire la climatizzazione dell’interno, dove si trova un pozzetto in cui riporre smartphone anche di grandi dimensioni, lattine e fogli A4. A pagamento si possono avere finiture in nero lucido o cuciture a contrasto sui sedili. Da notare l’arrivo di Apple Carplay per il sistema multimediale.

SOLO A BENZINA - Negli Stati Uniti la nuova Toyota Corolla si potrà avere, per ora, solo un motore a benzina a quattro cilindri aspirato di 2.0 litri: ha il sistema di iniezione diretta e altri accorgimenti per migliorare i consumi, come ad esempio i tre ugelli di lubrificazione che migliorano la scorrevolezza dei cilindri. Il nuovo 2.0 è più compatto del 1.8, secondo la Toyota, che non ha anticipato per il momento la potenza ed i consumi. È noto però che si abbina ad un cambio manuale a 6 rapporti o ad un automatico CVT a variazione continua. Fra le tecnologie di assistenza alla guida ci sono la frenata automatica d’emergenza, il mantenimento attivo della corsia, lo spegnimento automatico degli abbaglianti e il regolatore di velocità adattivo con funzione stop&go.

Aggiungi un commento
Ritratto di AMG
24 marzo 2018 - 13:04
Ma dai!!! Dietro è una Opel Astra! E anche la linea in generale alla fine non si distacca molto da genere Opel... Molto belli gli interni invece, plancia e sedili in pelle che sembrano una bomba. Peccato solo il tablet non troppo integrato e la linea esterna che non mi attrae.
Ritratto di MAXTONE
24 marzo 2018 - 14:03
A dir la verità dietro ci vedo parecchio Mazda 3 penultima: Il taglio della fanaleria è molto simile. Forse è la bombatura del portellone a darle quel non so che di Astra. La fiancata invece, che molti erroneamente associano a Megane, riprende semplicemente il discorso di Auris 1, basta guardare la piega del triangolo della porta post. Il frontale direi è la parte più d'impatto ma anche i muscoli sui parafango posteriori danno un impressione di aggressività e presenza sinora sconosciute ad Auris.
Ritratto di lucios
24 marzo 2018 - 19:19
4
Beh, finalmente linee più belle! Sarà che qualche addetto Mazda, dopo l'accordo, sia passato alla casa delle 3 ellissi!
Ritratto di vize84
24 marzo 2018 - 20:39
Trovo la linea sicuramente riuscita e decisamente più sportiva e appagante della versione che va a sostituire.. Per quanto riguarda la potenza di questo 2.0, sebbene nell'articolo si dica che Toyota non ha ancora fatto comunicazioni a riguardo basta leggere qui per saperne qualcosina in più: https://newsroom.toyota.co.jp/en/powertrain2018/engine/ Si parla di 126 kW ovvero 171 cv per 205 nm di coppia a 4800 rpm... Dallo stesso articolo si desume pure che la versione ibrida che equipaggerà l'Auris europea (per il quale si parla di una potenza totale di 180 cv) avrà una componente termica da 107 kW ovvero 145 cv con 180 nm a 4400 rpm)
Ritratto di Jumputer
25 marzo 2018 - 06:53
Mi ripeto da sopra 145 cv termico per un 2.0 benzina sono normali ma si sommano ai 109 cv elettrico. Poi 180 nm e , non trovo i dati, almeno altri 200 nm di elettrico (a zero giri senza frizioni capiamoci) . e sottolineo che 109 cv sono la potenza di un 1.6 tdi per capirci.
Ritratto di vize84
25 marzo 2018 - 14:38
Sì, so che la potenza totale non è mai la somma dei 2 propulsori, ad ogni modo tutte queste modifiche vanno verso una direzione che strizza l'occhio anche a clienti che cercano un po' di sportività in più e che non trovano nei modelli attuali... Maggiore potenza, linea più sportiva, auto ribassata, allargata, cambio meno "scooter style" e per finire multi-link al posteriore.. Il tutto fatto ottimizzando le tecnologie in gioco per renderla più parsimoniosa del vecchio 1.8... Direi che la direzione intrapresa è quella giusta..
Ritratto di Gordo88
24 marzo 2018 - 21:01
Sicuramente un' altra auto rispetto al' attuale auris molto più sportiva e vistosa nella linea esterna.. gli interni invece non sono niente di che con quello schermo a sbalzo che dopo anni che lo vedo utilizzato anche da altri marchi continua a non piacermi per nulla
Ritratto di luperk
24 marzo 2018 - 21:20
che orrore
Ritratto di ELAN
27 marzo 2018 - 18:11
1
Vuoi mettere una A3, come ti distingue?
Ritratto di studio75
25 marzo 2018 - 09:35
5
Vorrei far notare che Toyota spaccia per modelli nuovi delle auto che cambiano solo esteriormente (a me sembra una presa in giro). La meccanica rimane sempre quella del modello precedente. Me ne accorsi quando passai dalla mia Corolla all'Auris 1° serie. completamente stravolto l'esterno ma identica nella meccanica (prestazioni semmai peggiorate dal diverso assetto e dimensioni, e interni rivisti in economia) . Questo motore aspirato non arriverà in Italia ma solo l'ibrido per cui i proprietari della 2° serie possono star tranquilli che non cambia nulla di sostanziale nella "nuova" Auris.
Pagine